Kitzbuhel: per ora lo slalom è davvero speciale

Oggi si fanno i conti con i pali stretti. Slalom speciale molto difficile è spettacolare nella marea di tifosi di Kitzbuhel. L'azzurro Gross ci prova.

Kitzbuhel: per ora lo slalom è davvero speciale
Pali stretti e dossi. Oggi si danza ancora in quel di Kitzbuhel

Il morale degli azzurri è altissimo, e non poteva essere altrimenti dopo l'impresa di Paris nella discesa libera di sabato. Oggi però si cambia, si danza tra i pali stretti e si cerca di interpretare al meglio i molti dossi che causano cambi di pendenza repentini e decisamente marcati. Benchè non sia una pendenza eccessivamente rigida i tranelli non mancano: l'allenatore di Neureuther ha ideato una tracciatura sì che gira molto, ma anche molto tecnica e molto difficile in una distanza di 10 metri tra le porte. 

Tifo da stadio anche oggi. Sono più di 30.000 gli spettatori appassionati accalcatisi per vedere lo slalom speciale.
Tifo da stadio anche oggi. Sono più di 30.000 gli spettatori appassionati accalcatisi per vedere lo slalom speciale.

Dossi. Erano da tenere d'occhio, e sono stati la l'arbitro della prima manche: i dossi. Continui, pronunciati, che ti tolgono ritmo. Tutti costretti a lavorare sotto palo a causa dei tempi di curva intermittenti ci sono state "vittime" illustri nei primi dieci: Kristoffersen, Myrher, Molegg, Hargin e Thaler. Cinque fuori tra i primi dieci danno l'idea dell'ecatombe andata in scena nella prima manche. Con tutti i distinguo del caso (Moelgg ha accumulato troppa velocità e si è visto sbattere i pali in faccia inforcando, Myrher si è arreso dopo poche porte al mal di schiena e Kristoffersen che si è "insaccato" in una compressione) è innegabile l'alto tasso di spettacolarizzazione della prima metà di gara. 

La gara. Gross, sceso con il pettorale numero 1, ha fatto una manche apparentemente normale, interpretazione che però ha pagato visto che ha rifilato distacchi ragguardevoli a tutto il resto della top 7: Neureuther a +45''' e Hirscher a +73''' sono l'indice della grande prova dell'azzurro. L'unico che è riuscito a stargli davanti di una manciata di centesimi è stato, con grande sorpresa, il britannico Ryding. Sceso con il pettorale numero 8, il suddito di sua maestà a piazzato una super manche che lo pone al comando in attesa della seconda parte di gara.

Stefano Gross.
Stefano Gross, secondo dopo la prim manche. Distacco risicato dal britannico Ryding.

Azzurri. Un vero peccato per il resto della squadra azzurra, specialmente per la prova di Moelgg che stava andando davvero forte. La compagine tricolore però ha dimostrato ancora una volta di esserci, di aver raggiunto un livello di competitività elevatissimo e di star vivendo un periodo di forma strepitoso. Con ancora negli occhi la straordinaria impresa di ieri aspettiamo impazienti la seconda manche. Stefano Gross secondo, a 15 centesimi. Anche oggi a Kitzbuhel c'è aria di grande spettacolo