NBA - Cleveland cade a Los Angeles, Sacramento vince in casa contro Orlando

NBA - LeBron James questa volta non riesce a completare la rimonta e deve arrendersi ai Clippers, capitanati da un volante DeAndre Jordan. A Sacramento va in scena la sfida tra due squadre ai margini delle classifiche, alla fine i Kings la spuntano sui Magic.

NBA - Cleveland cade a Los Angeles, Sacramento vince in casa contro Orlando
Fonte: Slam Magazine

Cleveland Cavaliers vs Los Angeles Clippers 102-116

Perde Cleveland in questa prima uscita a Los Angeles contro i Clippers. Una squadra, quella di James, che nel primo quarto appare stanca e svogliata, e che deve fare i conti con la voglia di vincere avversaria portata dal vento dei playoffs. I Clippers, ottavi nella conference ad ovest, non risparmiano i Cavs e partono forte: 17-35 il primo parziale. Cleveland a questo punto non ci sta e prova a rimettere in sesto la gara, e lo fa con il solito LeBron James che nella gara chiuderà a 25 punti, 10 rimbalzi, 6 assist, 2 palle rubate e 3 stoppate. Sembra nettamente mancare un secondo gregario di alto livello però, nonostante i 16 punti di Larry Nance Jr, con anche 12 rimbalzi, e i 21 messi a segno da Jordan Clarkson. Vince il secondo e il terzo quarto la squadra di Tyronn Lue, ma non basterà, perché i Clippers erano sempre lì e non hanno mai concesso troppo spazio agli avversari, facendo pesare notevolmente la tardiva partenza avversaria. Su tutti, tra i Clips, spicca DeAndre Jordan autore di una gara da 20 punti e 23 rimbalzi, vero dominatore del pitturato in serata. Da segnalare anche una schiacciata sovraumana, per la quale sono sorti nuovi dubbi sulla questione che l’uomo nonsappia volare.

Cleveland Cavaliers: Punti; James 25, Clarkson 21, Nance 16 – Rimbalzi; Nance 12, James 10 – Assist; James 6, Smith/Hill 5

Los Angeles Clippers: Punti; Harris 23, Jordan/Harrell 20, Williams/Rivers 15 – Rimbalzi; Jordan 23, Harris 7 – Assist; Williams 7, Rivers/Teodosic 6

Orlando Magic vs Sacramento Kings 88-94

La sfida non è certo tra le prime della classe, le due squadre sono praticamente fuori da tutto e da giocarsi hanno ben poco. Non si assiste a nulla di troppo spettacolare al Golden One Center e anche i ritmi non sono elevati: i primi due quarti si chiudono rispettivamente sul 14-22 e sul 22-19, con i Kings in vantaggio; la partita viene decisa nel terzo quarto, quando la squadra di coach Dave Joerger prende il massimo distacco di gara e allontana i Magic, che non riusciranno più a colmare la lacuna. Da sottolineare la poca presenza di Orlando a rimbalzo che concede veramente tanto agli avversari: 34 contro 50 i rimbalzi totali, ma la differenza sta su quelli offensivi, dove i Kings hanno riconquistato 13 palloni vaganti, mentre Orlando solo 5.

Orlando Magic: Punti; Simmons 25, Vucevic 13, Augustin 12 – Rimbalzi; Biyombo 7, Vucevic/Hezonja 5 – Assist; Augustin 7

Sacramento Kings: Punti; Temple 23, Koufos 18, Carter 15 – Rimbalzi; Koufos 13, Mason 10, Labissiere 7 – Assist; Bogdanovic 10, Mason 6