NBA - LeBron James sugli infortuni in casa Cavs: "Così non possiamo essere giudicati"

Il Re ai cronisti: "Fateci lavorare, quando recuperiamo qualche ragazzo vedrete che la musica cambierà".

NBA - LeBron James sugli infortuni in casa Cavs: "Così non possiamo essere giudicati"
Fonte: Cleveland Cavaliers Twitter

Perdono ancora i Cavaliers, allo Staples Center è due su due. Dapprima i Clippers, questa notte invece è toccato ai Los Angeles Lakers 'passeggiare' sui derelitti Cavs, e subito dopo la sirena finale, i cronisti hanno letteralmente assalito LeBron James con domande riguardanti l'attuale momento che sta vivendo la squadra. Il Re ha però prontamente affermato che sarebbe impossibile giudicare una squadra a cui mancano così tanti giocatori, fuori causa tutti per problemi fisici: "La sfortuna si sta accanendo contro di noi, è impossibile andare oltre tutti questi infortuni".

La sconfitta patita per mano dei Lakers ha fatto sì che la squadra di coach Tyronn Lue perdesse anche la terza posizione della Eastern Conference. Oltre ai Raptors ed ai Celtics, ora anche gli Wizards guardano dall'alto verso il basso i vice-campioni NBA. I Cavs inoltre distano solo tre partite dall’ottava piazza, attualmente occupata dai Milwaukee Bucks, quindi in Ohio non si possono dormire sonni sereni e la post-season è ancora tutta da conquistare. LeBron però difende i compagni: "In questo momento non potete giudicarci, attualmente abbiamo almeno cinque dei nostri dieci giocatori di rotazione seduti in panchina ed impossibilitati a giocare, e purtroppo non sempre basta fare il meglio con ciò che si ha a disposizione. E' un periodo troppo particolare, speriamo di voltare pagina il prima possibile e regalare nuovamente delle gioie ai nostri tifosi".

Infermeria dunque piena, al momento sono out Tristan Thompson, Cedi Osman, Kevin Love e Rodney Hood, assenze pesanti, che vanno ad incidere inevitabilmente anche sul rendimento dei presenti, spesso spremuti a dismisura da Lue, il quale è costretto a 'ripararsi' con la coperta corta. Allo Staples Center, nella notte, l'allenatore dei Cavs è stato obbligato a schierare sul parquet, per allungare le rotazioni, addirittura la shooting guard John Holland ed il centro Ante Zizic, giocatori che non vedrebbero mai il campo, neanche con il binocolo, se Cleveland fosse a pieno regime. Questo testimonia il fatto della brutta aria che tira in questo periodo sulle rive del lago Erie. Un composto James però non si abbatte: "Sotto canestro siamo scoperti, in attacco stiamo facendo fatica. Appena recupereremo qualche ragazzo, la musica cambierà".