Lega Basket - Brescia espugna Varese all'overtime e va in semifinale (64-69)
Foto copyright: Ciamillo&Castoria. La riproduzione del materiale fotografico senza autorizzazione scritta è vietata in qualsiasi forma

Lega Basket - Brescia espugna Varese all'overtime e va in semifinale (64-69)

La squadra di coach Diana conquista le semifinali grazie alla vittoria ottenuta in gara-3 contro l'Openjobmetis Varese. Un successo agguantato grazie ai 17 punti di Moore, mentre ai padroni di casa non è bastato un Avramovic da 24 punti.

raffaele-cautiero
Raffaele Cautiero
VareseAvramovic 24 (6/9;3/10;3/3) Vene 8 (0/7;2/4;2/2) Okoye 8 (3/8;0/4;2/2) Ferrero (0/1 3P) Larson 3 (0/2;1/6) Cain 12 (5/7;2/4 TL) Ivanaj Delas (0/1 3P) Tambone 9 (3/5 3P) Natali (0/2 3P) Bergamaschi Dimsa (0/1 3P)
BresciaMoss 3 (0/1;1/3) L. Vitali (0/2;0/3) Sacchetti 7 (2/4;0/2;3/4) Landry 7 (2/5;1/6;0/1) M. Vitali 14 (1/6;3/10;3/5) Traini Cotton 15 (5/9;0/5;5/5) Fall Mastellari Ortner 6 (3/6) Moore 17 (5/8;2/5;1/1)
SCORE8-14; 26-23; 50-43; 60-60. Tiro da 2p: Varese (14/33) Brescia (18/41). Tiro da 3p: Varese (9/34) Brescia (7/34). Tiri liberi: Varese (9/11) Brescia (12/16). Rimbalzi: Varese 44 Brescia 51

La Germani Basket Brescia espugna il "Pala2a" di Varese ed approda alle semifinali Scudetto. Una vittoria raggiunta dai bresciani solamente all'overtime, dopo una lunga rimonta, iniziata nel 3° quarto ed ultimata nell'ultima frazione di gioco. Una rincorsa premiata con la vittoria finale, che va a danno di una Varese che per quanto fatto vedere meritava di giocarsi le proprie chances almeno fino a gara-5, ma i varesotti hanno sprecato la ghiotta occasione di portarsi a casa questa sfida dopo esser andati in vantaggio di ben quindici punti. Un distacco dilapidato in uscita dagli spogliatoi, a causa di una mancanza di reazione agli attacchi veloci ed imprevedibili della squadra bresciana, che ha imperversato nella metà campo avversaria grazie allo straordinario talento di cui è dotata. In questo senso c'è da menzionare il quintetto base scelto per questo incontro da coach Diana, il quale si è affidato a Landry, Moss, Ortner, Luca e Michele Vitali. Tra questi a spiccare sono: Michele Vitali con 14 punti e 10 rimbalzi e Landry con 7 punti e 10 rimbalzi. Dalla panchina però arrivano i maggiori contributi con Moore, autore di 17 punti e Cotton 15. Dall'altra parte Caja ha provato ad affidarsi allo starting five migliore possibile, ovvero quello composto da Avramovic, Cain, Larson, Okoye e Vene, ma tra questi si salvano solamente Avramovic, autore di 24 punti e Cain, autore di 12 punti e 14 rimbalzi. Da segnalare ci sono anche i 10 rimbalzi raccolti da Okoye ed i 12 catturati da Vene. Statistiche sufficienti che potrebbero sembrare sufficienti per agguantare una vittoria, ma non contro questa Germani Basket Brescia, che invece approda al turno successivo, con l'ambizione di superare anche questo per arrivare in Finale e vincere lo Scudetto n.1.

La partita si apre con la stoppata di Landry su Cain, il quale non riesce a riscattarsi sul successivo rimbalzo, che viene invece catturato dalla stessa ala americana, che in contropiede realizza la prima tripla dell'incontro. Al n.8 bresciano risponde Avramovic con un piazzato, che Landry prova a rendere ininfluente andando a segno con uno jump shot, abilmente stoppato da Cain. Il centro americano raccoglie il rimbalzo e lancia Avramovic, che in contropiede sigla il sorpasso varesotto (4-3). Una situazione di vantaggio immediatamente ribaltata da Sacchetti con un buon tiro dalla media, avvalorato successivamente da Michele Vitali con un bel canestro da oltre l'arco. Una realizzazione che spinge Caja a chiamare il time-out, dopo il quale vanno a segno Cain ed Okoye con due piazzati, resi inefficaci dai liberi messi a segno da Michele Vitali. Le realizzazioni della guardia bresciana chiudono questa prima frazione di gioco sul punteggio di 14-8 in favore degli ospiti.

Bresciani che partono forte anche ad inizio di secondo quarto, grazie a Moore che va a segno con una tripla, resa inefficace da Tambone con un canestro da oltre l'arco. Una realizzazione avvalorata da Avramovic con un tiro dal perimetro, che Moore prova a rendere vano con un bel jump shot, abilmente stoppato da Vene, il quale raccoglie il rimbalzo e parte in contropiede, una volta giunto ai 6.75 metri lascia partire un tiro che si spegne in fondo alla retina, per il -2 Varese (17-19). Uno svantaggio subito annullato da Avramovic, il quale va prima a segno col piazzato della parità e successivamente realizza il canestro del sorpasso da oltre l'arco. Una realizzazione avvalorata da Cain con una schiacciata, che fa da preludio al time-out richiesto da coach Diana. Un minuto di sospensione che reca gli effetti sperati ai bresciani, in quanto Michele Vitali va a segno con un piazzato, che vale il -3 per la Germani (26-23). Uno svantaggio che la squadra bresciana prova ad annullare entro il termine della frazione, ma non vi riesce, in quanto Varese con la propria difesa difende il distacco costruito fino alla sirena, che manda le due squadre negli spogliatoi.

Al rientro a partire meglio è Varese grazie alle due triple consecutive messe a segno da Avramovic e Tambone, i quali inducono Diana a chiamare subito il time-out. Dopo il minuto di sospensione Brescia segna i suoi primi punti nel quarto grazie a Moss, il quale va a segno da oltre l'arco, ma dall'altra parte gli risponde Tambone con un tiro dal perimetro. Una realizzazione che prelude ad un nuovo minuto di sospensione richiesto da coach Diana, il quale non vede reazione da parte dei suoi, che subiscono al rientro sul parquet la schiacciata del +15 da parte di Cain (41-26). Al centro statunitense risponde Moore con una tripla, che fa da preludio ad una piccola rimonta dei bresciani, i quali vengono fermati da Caja, che decide di chiamare il time-out. Un minuto di sospensione che non reca gli effetti sperati alla squadra di casa, in quanto prima Moore va a segno con una schiacciata e successivamente Michele Vitali accorcia le distanze con i liberi. Due tiri dalla lunetta che consentono a Brescia di andare all'ultimo riposo in svantaggio di sole sette lunghezze, infatti il punteggio al termine del terzo quarto recita Varese 50 Brescia 43.

Un distacco di sette punti che viene subito ridotto dai bresciani ad inizio di ultima frazione con Ortner, il quale si rende autore di un bel piazzato, immediatamente reso inefficace da Vene con una tripla. Una realizzazione a sua volta resa vana da Michele Vitali, il quale va a segno da oltre l'arco, per il -5 Brescia (53-48). Uno svantaggio annullato definitivamente da Ortner, il quale firma il sorpasso con uno jump shot, reso inefficace da Larson con una tripla. Una realizzazione a sua volta resa vana da Moore col piazzato della parità (58-58), che Landry prova ad interrompere andando a segno con uno jump shot, abilmente stoppato da Cain. Sul rimbalzo la palla viene catturata da Ortner, il quale va a segno con un layup, che vale il nuovo vantaggio per Brescia. La Germani prova ad approfittare della situazione favorevole per costruirsi un break, ma Caja, proprio per evitare ciò, decide di chiamare il time-out, dopo il quale Cain rifissa la parità andando a segno con un semplice appoggio a tabellone. Un canestro che spedisce le due squadre dritte ai supplementari, in quanto nei possessi successivi nessuna delle due riesce a trovare il fondo della retina. 

Si va così all'overtime con Varese che parte subito forte grazie alla schiacciata messa a segno da Okoye, al quale risponde Cotton con un'azione da tre punti. Un gioco che permette a Brescia di riportarsi in vantaggio di un punto, che viene difeso da Landry con una stoppata su Vene. Sul rimbalzo la palla viene catturata da Michele Vitali, il quale in contropiede sigla la tripla del +4 (62-66). Una situazione di vantaggio che preoccupa Caja, il quale ferma il gioco. Dopo la pausa Okoye accorcia le distanze con i liberi, ma Sacchetti risponde subito con ben quattro tiri dalla lunetta. Realizzazioni che spingono Brescia verso la vittoria, in quanto Varese non riesce più a reagire, arrendendosi così alla sconfitta per 64-69. 

VAVEL Logo