Turkish Airlines Euroleague: CSKA Mosca vs Real Madrid, la finale anticipata

Alle 21 alla "Stark Arena" di Belgrado si affrontano CSKA Mosca e Real Madrid, sfida valevole per l'accesso alla finale, che potrebbe preludere per i russi alla conquista dell'ottavo trofeo continentale, mentre per i madrileni sarebbe il decimo.

Turkish Airlines Euroleague: CSKA Mosca vs Real Madrid, la finale anticipata
Turkish Airlines Euroleague: CSKA Mosca vs Real Madrid, la finale anticipata

Una delle due semifinali di Turkish Airlines Euroleague vede contrapposte CSKA Mosca e Real Madrid. Due squadre che potrebbero dar vita ad un incontro simile ad una Finale, sono due delle compagini piú forti a livello continentale. Arrivano a questo incontro dopo aver eliminato nel turno precedente Khimki e Panathinaikos, con i record di 3-1, ovvero in quattro gare. In particolare il CSKA ha dato dimostrazione di tutta la sua forza contro il Khimki, mentre il Real ha avuto vita piuttosto facile contro gli ellenici del Panathinaikos.

Da queste quattro gare si è evinto come sia CSKA che Real Madrid facciano particolare affidamento sulle proprie individualità, che però in questo senso sono maggiori dalla sponda russa piuttosto che quella spagnola. I moscoviti sono arrivati a questa semifinale grazie ai 16.9 ppg inanellati da De Colo, i 14.2 ppg di Higgins ed i 14.1 ppg di Rodriguez. Dall'altra parte il Real è stato trascinato da un solo uomo, ovvero la propria stella slovena, Luka Doncic, autore fino ad ora di 16.1 ppg. Non solo, perché a testimoniare i buoni numeri raccolti dalle due squadre ci sono le statistiche relative al gioco interno ed esterno al pitturato. Il CSKA Mosca da questo punto di vista può contare sulle buone veni realizzative di Hunter (61.2%), Hines (61.2%) ed Antonov (60%), mentre da oltre l'arco Itoudis fa affidamento su: De Colo (51.5%), Rodriguez (44.6%) ed Higgins (44.4%). Dall'altra parte il Real Madrid non è da meno, la compagine madrilena ha a sua disposizione per il gioco vicino al canestro: Tavares (66.7%), Causeur (60.2%) e Reyes (59%). In merito invece ai tiri dal perimetro i galacticos possono contare su Carroll (45.4%), Thompkins (41.7%) e Causeur (39.7%).

In generale chi sta messa meglio tra le due è il CSKA che può contare su un'ottima fase realizzativa (89.2 ppg) avvalorata da ottime percentuali sia nel tiro dal campo (55.8%), che in quello da oltre l'arco (41.7%). Il Real invece fino ad ora ha inanellato 85.7 ppg, tirando con il 55.4% dal campo ed il 37.4% dal perimetro. Dove piuttosto i madrileni superano e hanno speranze di sopraffare i russi è nella difesa, i galacticos hanno concesso solamente 80.2 ppg, con il 50.1% dal campo ed il 37.1% da oltre l'arco, mentre i moscoviti hanno subito 80.4 ppg, con il 52% dal campo ed il 37.7% dal perimetro.

Numeri che possono valere, ma fino ad un certo punto, perché per identificare al meglio la sfida c'è da far riferimento ai dati raccolti dalle due squadre durante i playoff. Il CSKA in questo senso ha potuto contare sui 12.3 ppg di Clyburn (48.4% dal campo, 22.2% da tre punti), sui 10 ppg di De Colo (33.3% da due punti, 66.7% da oltre l'arco), sui 18.8 ppg di Higgins (47.5% dal campo, 43.8% dal perimetro), sui 13.3 ppg di Hunter (64.3% dal pitturato) e sui 19.3 ppg di Rodriguez (58.8% dal campo, 44.8% dal perimetro). In generale i moscoviti contro il Khimki hanno segnato 87.2 ppg, tirando con il 50.3% dal campo ed il 34.7% da oltre i 6.75 metri. Dall'altra parte invece il Real ha potuto contare su soli due uomini: Doncic (10.5 ppg, 26.7% dal campo, 42.9% dal perimetro) e Carroll (12 ppg, 57.1% dal campo, 61.5% da oltre l'arco). I galacticos hanno compensato tale limite con buoni numeri di squadra, infatti la squadra spagnola contro il Panathinaikos ha viaggiato a 81.5 ppg, tirando con il 51.4% dal campo ed il 35.2% dal perimetro.

Statistiche che ci dicono tanto, ma non ancora tutto. É evidente che sarà una sfida tra due squadre molto simili da un punto di vista tattico, in quanto ad entrambe piace fare affidamento alle proprie individualità, ma un assaggio di ciò che vedremo lo abbiamo avuto durante la regular season, dove CSKA Mosca e Real Madrid si sono affrontate per ben due volte. All'andata i madrileni vinsero col punteggio di 82-69. In quell'occasione i galacticos furono trascinati da Randolph (16 punti) e Doncic (14 punti). Non solo, perché tutta la squadra contribuí a realizzare un ottimo 44.1% dal campo ed un altrettanto buono 40% dal perimetro. Dall'altra parte per il CSKA si sono salvati solamente Clyburn (15 punti) ed Higgins (11 punti). Due giocatori che hanno provato a tenere in partita i propri compagni, che al contrario hanno contribuito alla realizzazione di un pessimo 37.8% dal campo ed un altrettanto negativo 27.8% dal perimetro.

Al ritorno la situazione si capovolse, infatti il CSKA Mosca vinse col punteggio di 93-87. Una vittoria raggiunta grazie ai 10 punti di De Colo, i 18 di Rodriguez, gli 11 di Clyburn, i 16 di Higgins, i 10 di Kurbanov e gli 11 di Hunter. Punti che sono valsi il 51.2% dal campo ed il 45.5% da oltre l'arco. Al Real invece non sono bastati i 21 punti di Doncic, i 10 di Campazzo, i 16 di Carroll ed i 13 di Thompkins. Dato che accumulati hanno generato il 51.2% dal pitturato ed il 39.1% dal perimetro. Una percentuale, quest'ultima, che sta a testimoniare come la partita sia stata vinta su un dettaglio, ovvero la maggior precisione nel tiro da oltre i 6.75 metri.

Un elemento che sia Itoudis sia Laso dovranno tenere in considerazione per conquistare questa semifinale, che il CSKA, da favorito, potrebbe portare a casa con relativa facilità imponendo subito un ritmo al match e costringendo il Real a rincorrere. Dall'altra parte i madrileni sperano di ripetere quanto accaduto in Spagna, in modo da poter continuare a sognare la conquista del decimo trofeo continentale. Ci aspetta una partita entusiasmante, che presumibilmente si giocherà punto a punto fino alla fine. Un'incertezza tale da garantire spettacolo, già assicurato dalla presenza di giocatori di qualità sul parquet. Non ci resta che attendere la palla a due, programmata per le ore 21 alla "Stark Arena" di Belgrado.