Turkish Airlines Euroleague - Il Real fa suo il derby con Barcellona

Turkish Airlines Euroleague - Il Real fa suo il derby con Barcellona

I galacticos vincono con largo scarto contro i catalani col punteggio di 92-65. Nell'altro derby in programma il CSKA supera col risultato di 88-74 il Khimki. Tra le altre sfide l'Olympiacos batte l'Anadolu Efes, mentre il Baskonia vince di misura contro il Maccabi.

raffaele-cautiero
Raffaele Cautiero

La prima serata del dodicesimo turno della Turkish Airlines Euroleague si è aperta con la vittoria netta dell'Olympiacos sull'Anadolu Efes. Un successo sembrato fin troppo agevole dopo soli 20 minuti di gioco, ma i turchi sono stati bravi a non mollare ed a rientrare nel punteggio nella seconda metà di gara, salvo poi pagare questo sforzo nel finale, che ha premiato i padroni di casa. Ellenici, che per conquistare questo successo, hanno fatto affidamento dall'inizio a Milutinov, Printezis, Strelnieks, Vezenkov e Williams-Gross. Dall'altra parte l'Anadolu si è presentato sul parquet con Anderson, Dunston, Larkin, Micic e Moerman. Tra questi spiccano Micic e Larkin, autori rispettivamente di 24 e 20 punti, resi insufficienti dai 19 di Toupane, dai 15 di Milutinov e dai 10 a testa per Spanoulis, Strelnieks, Printezis e LeDay. Per i greci ora c'è da ripetere quanto fatto vedere in questa sfida nel prossimo turno contro Barcellona, mentre l'Anadolu Efes cercherà il riscatto contro il Buducnost.

Da Atene ci spostiamo a Mosca, dove il CSKA si aggiudica il derby con il Khimki col punteggio di 88-74. Una partita vinta soprattutto nella seconda frazione di gioco, infatti in uscita dagli spogliatoi i padroni di casa hanno aumentato il proprio ritmo non lasciando scampo agli avversari, che erano riusciti a rimanere in partita per i primi due quarti, salvo poi cedere alla distanza. Una sconfitta sicuramente non imputabile a Bartzokas, il quale per l'occasione aveva schierato il quintetto migliore, ovvero quello composto da Bost, Green, Jenkins, Thomas e Zubkov. Dall'altra parte Itoudis non ha fatto sconti presentando uno starting five formato da De Colo, Hackett, Hines, Kurbanov e Peters. Tra questi spicca proprio la guardia italiana (Hackett) con 14 punti, avvalorati dai 12 di Rodriguez, dagli 11 di Higgins, dai 10 di Clyburn e De Colo. Dall'altra parte per il Khimki ci sono da sottolineare i 18 punti di Markovic, i 15 di Thomas, i 14 di Mickey ed i 13 di Crocker. Per gli uomini di Bartzokas l'occasione del riscatto si presenta nel prossimo turno contro il Maccabi, mentre il CSKA andrà a caccia di conferme contro Fenerbahce.

La terza sfida in programma ha visto il Baskonia vincere di misura fuori casa contro il Maccabi, col punteggio di 81-79. Un successo giunto solamente nel finale, dopo una sfida sostanzialmente equilibrata, nella quale entrambe avrebbero meritato la vittoria. Un risultato che invece gli israeliani non sono riusciti ad agguantare nonostante si fossero presentati a questa sfida col miglior quintetto possibile, ovvero quello composto da Black, Caloiaro, Kane, O'Bryant e Wilbekin. Dall'altra parte Perasovic si è invece affidato a Janning, Poirier, Shengelia, Shields e Vildoza. Tra questi spicca proprio Shengelia con 20 punti, avvalorati dai 16 di Janning, dai 15 di Hilliard e dai 12 di Vildoza e Poirier. Il Maccabi invece ha potuto contare sui 13 punti di Wilbekin e Kane e sui 12 di O'Bryant e Tyus. Prestazioni sicuramente positive, ma certamente non sufficienti per il successo finale che è andato ai baschi, i quali sono chiamati a confermarsi nel prossimo turno contro il Gran Canaria, mentre il Maccabi se la vedrà con il Khimki.

Infine il turno si è chiuso con la larga vittoria nel derby del Real Madrid sul Barcellona. Una partita senza storia dall'inizio alla fine, con i galacticos che hanno praticamente chiuso la contesa dopo soli dieci minuti di gioco. Merengues, che proprio per non correre rischi, si sono presentate sul parquet col proprio quintetto migliore, ovvero quello composto da Ayon, Causeur, Deck, Llull e Randolph. Dall'altra parte i catalani si sono presentati con Claver, Hanga, Heurtel, Singleton e Tomic. Tra questi si salva solamente Heurtel con 16 punti, ai quali si aggiungono gli 11 dalla panchina di Pangos. Il Real invece ha potuto contare sui 17 punti di Thompkins, sui 16 di Randolph, sui 15 di Carroll e sui 12 di Tavares. Numeri che andranno migliorati in vista del prossimo turno contro il Panathinaikos, mentre il Barcellona se la vedrà con l'Olympiakos.

Olympiacos - Efes 88-81

Olympiacos: Toupane 19 Milutinov 15 Spanoulis 10 Strelnieks 10 Printezis 10 Leday 10 Papanikolaou 9 Williams-Gross 5

Efes: Micic 24 Larkin 20 Moerman 9 Anderson 8 Simon 8 Motum 4 Dunston 4 Pleiss 4

CSKA Mosca - Khimki 88-74

CSKA Mosca: Hackett 14 Rodriguez 12 Higgins 11 Clyburn 10 De Colo 10 Hines 7 Kulagin 6 Kurbanov 5 Peters 5 Bolomboy 4 Hunter 4

Khimki: Markovic 18 Thomas 15 Mickey 14 Crocker 13 Jenkins 7 Bost 5 Zubkov 2

Maccabi - Baskonia 79-81

Maccabi: Ray 9 Wilbekin 13 O'Bryant 12 Caloiaro 6 Roll 8 Kane 13 Tyus 12 Cohen 3 Black 3

Baskonia: Vildoza 12 Janning 16 Diop 5 Granger 1 Poirier 12 Shengelia 20 Hilliard 15

Real Madrid - Barcellona 92-65

Real Madrid: Causeur 5 Randolph 16 Campazzo 7 Ayon 2 Carroll 15 Tavares 12 Llull 6 Deck 9 Thompkins 17 Taylor 3

Barcellona: Pangos 11 Hanga 8 Smits 2 Heurtel 16 Pustovyi 4 Oriola 5 Kuric 5 Claver 8 Tomic 6

VAVEL Logo