EuroBasket U20, al via la fase finale: si parte con i quarti, l'Italia affronta l'Ucraina per il nono posto

Dopo un giorno di pausa si torna in campo a Lignano Sabbiadoro con la fase ad eliminazione diretta. Tanti i motivi di interesse delle sfide che decreteranno le prime otto posizioni, senza dimenticare la salvezza e gli azzurri di Pino Sacripanti. Ecco tutte le sfide odierne.

EuroBasket U20, al via la fase finale: si parte con i quarti, l'Italia affronta l'Ucraina per il nono posto
EuroBasket U20, al via la fase finale: si parte con i quarti, l'Italia affronta Ucraina per il nono posto

Ultimo tour de force all'Europeo Under 20 di Lignano Sabbiadoro. Le venti squadre partecipanti sono arrivate al termine di questo viaggio estenuante, fatto di otto partite in dieci giorni e dopo la sosta di ieri per ricaricare le batterie, adesso è tempo di fare sul serio. Inizia la fase conclusiva della manifestazione: entrano in gioco le sfide ad eliminazione diretta, che decreteranno, oltre alla squadra vincitrice, i posizionamenti, la salvezza e le sette retrocesse nella Pool B. 

Via dunque ai quarti di finale per quanto riguarda le otto sorelle che si sono guadagnate il diritto di partecipare alla lotta per il titolo finale. Serbia e Spagna davanti a tutte, forti del loro en-plain messo a segno lungo tutto l'arco del torneo, che però non servirà quest'oggi quando le squadre metteranno piede in campo: le partite non avranno domani, o meglio ci sarà per chi riuscirà a superare l'avversario e conquistare l'accesso alle semifinali. Quarti di finale a parte, si gioca per un posto nel prossimo europeo: quattro le squadre a giocarsi la tredicesima piazza, unica ed ultima necessaria per garantirsi la salvezza. Russia, Slovenia, Polonia e Gran Bretagna a giocarsela.

Infine l'Italia, relegata al quartetto classificazione dal nono al dodicesimo posto, ininfluente ai fini di vittoria e salvezza, ma che sarà utile per mettere in campo orgoglio e voglia di dimostrare sempre il proprio valore davanti al pubblico di casa. 

Questo il quadro completo delle sfide odierne, che successivamente andremo ad analizzare.

Quarti di finale (1°-8° posto)

Il Pala Getur mette l'abito da sera, quello delle notti di Gala, e spalanca le porte alle magnifiche otto. Il quadro dei quarti di finale si apre con Francia-Repubblica Ceca. Gara tutt'altro che facile per i transalpini (5-2), ancora alle prese con l'infortunio che ha costretto Bouteille a saltare le ultime partite della seconda fase. Luwawu e compagni affronteranno l'ostica Repubblica Ceca (4-3), avanti nelle statistiche di punti realizzati e percentuali statistiche, di molto, rispetto ai francesi. Partita che sarà molto equilibrata, con le individualità transalpine che potrebbero decidere la gara negli ultimi minuti. Al termine sarà la volta della Spagna (7-0), che avrà di fronte Lecomte e compagni. Impegno difficile per i belgi (4-3), matricola interessantissima di questo torneo, che però non sembrano in grado di poter impensierire Hernangomez e soci, un'autentica macchina da guerra che quando vuole ha dimostrato di serrare le fila in difesa (clamorosa contro la Turchia) ed andare via a piacimento in attacco. Pronostico scontato in apparenza, con i begli mina vagante. Uno dei quarti che non ci sentiamo affatto di definire chiusi, anche se i precedenti delle due squadre lo farebbero pensare, è il terzo che andrà in scena tra Turchia (5-2) e Lettonia (4-3). La Turchia, seppur superiore nel roster e negli interpreti, ha dimostrato nell'arco di tutto il torneo di pagare dazio in determinati frangenti, lasciando spazio agli avversari piuttosto che chiudere i match. La Lettonia, dal suo canto, viaggia col vento in poppa, con Smits e Lomazs autentici trascinatori di una squadra che è stata capace di rimontare 20 punti al Belgio per qualificarsi. Attenzione ai lettoni. L'ultimo quarto di finale vedrà opposta l'altra favorita del lotto, la Serbia (7-0), contro la Lituania (4-3). Guduric e soci sembrano avare la strada spianata verso le semifinali, ma la Lituania è squadra solida e ben piazzata fisicamente, capace di imbrigliare già squadre come la Turchia e la Spagna, giocandosi la sfida fino ai momenti cruciali del match. Sabonis sta dominando, senza se e senza ma, e per i serbi sarà un'impresa limitarne doti di finisseur, di rimbalzista e passatore. Sfida tutta da seguire. 

Fase di classificazione (9°-12° posto)

Il piccolo gruppo nel quale è inserita l'Italia vede di fronte le squadre uscite sconfitte dalla seconda fase. Azzurrini ed Israele per quanto riguarda il Gruppo E, Germania ed Ucraina per quanto riguarda il secondo, il Gruppo F. Ad aprire il quadro di questo piccolo mini tornero, che vedrà successivamente sfidarsi le squadre per il nono e l'undicesimo posto, è la sfida tra Germania ed Israele: Sharon e compagni non sono riusciti a replicare quanto di buono fatto nella prima fase e sono caduti sotto i colpi francesi e soprattutto contro il Belgio, sconfitta che è costata di fatto la qualificazione ai quarti. La Germania, invece, era ad un passo dalla qualificazione nell'ultima giornata, quando una vittoria di 12 contro la Repubblica Ceca sarebbe valsa i quarti. Ultimi minuti fatali, con Obst e compagni che però si presentano favoriti contro gli israeliani. Nel secondo match, scenderà in campo l'Italia di Fontecchio e Laquintana, che di fronte si troverà il gigante ucraino Antypov, calato di rendimento nella seconda fase, ma che resta uno dei giocatori più dominanti del panorama della manifestazione. Partita bella e tutta da seguire, equilibrata e che non dovrebbe vedere prevalere l'una rispetto all'altra, a meno di cali di concentrazione evidenti. 

Fase di classificazione (13°-16° posto)

Oltre ai quarti, l'unico motivo di interesse di questa terza ed ultima fase sembra essere la lotta alla salvezza, che verrà garantita a chi, tra le quattro pretendenti presenti, vincerà le due sfide di "semifinali e finali". Russia-Slovenia è la prima sfida, che promette spettacolo assoluto. I russi, dopo un inizio stentato, hanno preso ritmo e fiducia e contro la Slovenia, unica squadra assieme alla Spagna a battere la Turchia, si giocheranno una partita all'ultimo sangue, dove nessuna delle due è favorita sull'altra. Spettacolo assicurato. Nella seconda sfida, seppur con la Polonia leggermente favorita sulla Gran Bretagna, il cuore e i miglioramenti fatti vedere dai britannici potrebbero portare ad una partita molto equilibrata. I problemi in attacco di Bigby-Williams e compagnia potrebbe essere parzialmente recuperata in difesa, dove atletismo e fisicità sono le caratteristiche principali di una squadra che ha sorpreso nella seconda fase, vincendo due partite su tre. 

Fase di classificazione (17°-20° posto)

Si passa infine agli ultimi due incontri, che vedranno impegnati per la classificazione dal diciassettesimo al ventesimo posto Croazia, Bulgaria, Bosnia e la deludente Grecia. Apparentemente facile l'incontro che vedrà impegnati proprio gli ellenici contro la Bulgaria, che ha perso tutte le sfide fino a questo momento. Più equilibrata la sfida tra Bosnia e Croazia, che si sono già affrontate nel primo girone di qualificazione, che vide i croati prevalere sui bosniaci di Buza e Potolak grazie ad una super prestazione di Gabric, che non dovrebbe essere però della sfida. 

Tutte le partite di questo Europeo potete riviverle cliccando sui seguenti link: 

Prima fase - Prima giornata

Prima fase - Seconda giornata

Prima fase - Terza giornata

Prima fase - Quarta giornata

Prima fase - Quinta giornata 

Seconda fase - Prima giornata 

Seconda fase - Seconda giornata 

Seconda fase - Terza giornata