Eurobasket 2015, le pagelle di Italia - Spagna

In seguito alla vittoria dell'Italia contro la Spagna di Pau Gasol, eccovi i voti dei protagonisti della partita

Eurobasket 2015, le pagelle di Italia - Spagna
Eurobasket 2015, le pagelle di Italia - Spagna

Dopo la sconfitta contro la Turchia nella prima giornata, nessuno avrebbe scommesso su un'Italia in grado di giocarsi la qualificazione con un turno d'anticipo. Eppure, grazie alla vittoria sulla Spagna, gli Azzurri sono in piena corsa per l'obbiettivo.

Ecco le pagelle della partita Italia - Spagna di Vavel.com

ITALIA

Gallinari 9 – pazzesco il gallo. Dopo la prova difficile contro l'Islanda, il giocatore dei Nuggets mette a referto un'altra partita di incredibile solidità, offensiva e difensiva. Nel primo tempo ci si affida esclusivamente a lui e nel secondo, insieme a Belinelli, “mata” Gasol e compagnia bella

Belinelli 8,5 – appena mezzo punto in meno del suo numero 8 per quel primo tempo, seppur da acciaccato, un po' in sordina. Poi, il campione NBA 2014 si sveglia e bombarda di triple la compagine spagnola

Bargnani 7,5 – sontuoso Andrea Bargnani. Il “Mago” gioca una partita incredibile su entrambi i lati del campo, difendendo più che decentemente su quel “mostro” di Pau Gasol e riuscendo ad essere più che un fattore in attacco. Peccato soltanto per i falli. Dovesse essere questo anche oggi, per WunderDirk potrebbe essere più dura del previsto

Aradori 7 – il buon Pietro viene più volte chiamato in causa, rispondendo sempre presente alla chiamata. Il bresciano tiene bene in difesa, e attacca sempre con molta cattiveria. Nel finale, dopo uno 0/2 ai liberi, ha la forza ed il coraggio di tirare, e segnare, i successivi due

Gentile 6,5 – Un peccato, quella reazione, quel tecnico. Ma anche lui, come tutta la squadra, regge benissimo contro i campionissimi di Scariolo. Monumentale (mi scuserà Maurizio Compagnoni) la penetrazione nel quarto quarto alla LeBron James

Cusin 6,5 – anche il “pandino” regge bene l'impatto contro Gasol in difesa, e in attacco si propone sempre in maniera convinta e decisa. Sostituisce bene Bargnani, anche se, pure lui, è alle prese con problemi di falli

Hackett 6,5 – stesso voto del Cuso per Hackett che gioca una buonissima partita, gestisce bene il pallone e ci fa trattenere il fiato su quel volo nel terzo periodo. Per fortuna, Daniel torna in campo e aiuta i suoi a portarla a casa.

SPAGNA

Gasol 8 – immaginare una Spagna senza di lui è, ad oggi, praticamente impossibile. Segna, prende rimbalzi, la passa, fa tutto. È un giocatore pazzesco, con capacità troppo al di sopra di tutti. Ci fosse stato anche il fratello più piccolo, sarebbe stato uno dei reparti lunghi più forte al mondo

Lull 6,5 – il giocatore del Real Madrid è una costante spina nel fianco per i ragazzi di Pianigiani. Gioca ad una velocità disumana, irraggiungibile per chiunque. Anche lui, alla fine, paga la prova perfetta degli italiani

Mirotic 6 – nel primo tempo è un problema per Gallinari&Co. Dall'arco è pericolosissimo e particolarmente ispirato, rende la vita assai difficile agli Azzurri. Nei secondi 20 minuti, però, scompare praticamente dal parquet, rendendosi totalmente inerme

Reyes 5,5 – per il capitano del Madrid, è una serata complicatissima. Marcare un Gallinari così ispirato gli costa caro per tutta la durata della partita. E se nel primo tempo riesce ad essere efficace in attacco, nel secondo gli manca anche questo

Fernandez 6,5 – il talento di questo giocatore è insindacabile. Ha delle mani uniche e sa leggere il gioco come pochi altri al mondo. Ma, a livello meramente comportamentale, anche con l'Italia lascia a desiderare. Prima una manata in faccia a Belinelli, poi una specie di schiaffo su Aradori: ne esce pulito in entrambe le circostanze, ma si guadagna altri due, gli ennesimi, nemici