NCAA 12 Dicembre 2015 - Top 25 Recap

Cade North Carolina, stroncata dal buzzer beater di Felix. Prestazioni sottotono per quasi tutte le altre big, brutte sconfitte per Gonzaga, Utah e Oregon, a rischio la loro posizione in Top 25.

NCAA 12 Dicembre 2015 - Top 25 Recap
L'esultanza dei giocatori di Texas dopo il buzzer beater di Felix

Michigan State Spartans (1) – Florida Gators 58-52

Bruttina la prestazione dei numeri  1 del power ranking, una partita per lunghi tratti alla pari decisa solo negli ultimi minuti grazie al solito Denzel Valentine (18 punti e 5 rimbalzi per lui), autore di una prestazione sottotono nel complesso. Florida seppur abbia perso potrebbe recuperare qualche posizione vista la bella prestazione. Top scorer del team è stato Dorian Finney-Smith, che ha concluso con 13 punti e 6 rimbalzi, al pari di Hill (anche lui autore di 13 punti e 6 rimbalzi).

Michigan State Spartans (11-0). Punti: Valentine 17, Forbes 12, Costello 8. Rimbalzi: Clark Jr 6, Costello 6. Assist: Nairn Jr. 5.

Florida Gators (6-3). Punti: Finney-Smith 13, Hill 13, Chiozza 11. Rimbalzi: Robinson 9, Finney-Smith 6. Assist: Chiozza 3.



Kansas Jayhawks (2) – Oregon State Beavers 82-67

Grande rimonta di Kansas che nel secondo tempo mette la quinta, recupera 11 punti di vantaggio accumulati nel primo tempo e scappa con un parziale di 54-28. Il trascinatore di giornata è Wayne Selden Jr con 22 punti (5/8 da tre punti). Ottima pure la prestazione di Frank Mason III autore di 18 punti e 6 assist e di Perry Ellis che chiude con 13 punti e 9 rimbalzi sfiorando la doppia doppia. Tra le fila di Oregon State da segnalare le prestazioni di Gary Payton II autore di 13 punti con 11 rimbalzi e 7 assist e di Tres Tinkle che partendo dalla panchina ha realizzato 20 punti.

Kansas Jayhawks (8-1). Punti: Selden Jr 20, Mason III 18, Ellis 13. Rimbalzi: Ellis 9, Mickelson 6. Assist: Mason III 6.

Oregon State Beavers (6-2). Punti: Tinkle 20, Payton II 13, Reid 11. Rimbalzi: Payton II 11, Morris-Walker 6. Assist: Payton II 7.



Texas Longhorns – North Carolina Tar Heels (3) 84-82

Clamoroso finale davanti ai 16.500 fans del Frank Erwin Center a Austin. Texas sconfigge la numero 3 del power ranking dopo una partita di altissimo livello. North Carolina pareggia a 7 secondi dal termine con un canestro da 2 punti di Brice Johnson (14 punti totali per lui), i Longhorns provano l’ultimo tiro da tre punti con Isaiah Taylor (18 punti alla fine) ma questo non va, la palla però va diretta a rimbalzo nelle mani di Javan Felix che tira velocemente e rilascia con un decimo sul cronometro portando alla vittoria la sua squadra (25 punti totali per lui) con un buzzer beater. Il migliore dei Tar Heels è Marcus Paige, autore di 20 punti. Da sottolineare anche la doppia doppia di Cameron Ridley di Texas che chiude con 12 punti e 13 rimbalzi, rivelandosi fondamentale nella lotta sotto canestro.

Texas Longhorns (6-3). Punti: Felix 25, Taylor 18, Davis Jr 16. Rimbalzi: Ridley 13, Lammert 4. Assist: Taylor 5.

North Carolina Tar Heels (7-2). Punti: Paige 20, Jackson 15, Johnson 14. Rimbalzi: Meeks 6, Johnson 5. Assist: Paige 3.



Kentucky Wildcats (5) – Arizona State Sun Devils 72-58

Davanti ad oltre 23.500 spettatori (dato mostruoso) Kentucky trova un’altra importante vittoria che probabilmente l’aiuterà a rientrare sul podio del power ranking. Continua a non girare il tiro da tre punti della squadra, così come non gira Skal Labissiere  (autore di 0 punti). La squadra viene trascinata da Jamal Murray, che realizza 17 punti con percentuali però molto basse, e Marcus Lee, che conclude con 14 punti e 7 rimbalzi partendo dalla panchina. Il migliore di Arizona State è Matt Holder, che chiude con 15 punti.

Kentucky Wildcats (9-1). Punti: Murray 17, Lee 14, Ulis 12. Rimbalzi: Lee 7, Poythress 6. Assist: Ulis 6.

Arizona State Sun Devils (6-3). Punti: Holder 15, Justice 12, Spight 7. Rimbalzi: Jacobsen 7, Goodman 5. Assist: Holder 3.



Maryland Terrapins (6) – Maryland Eastern-Shore Hawks 77-56

18
.000 spettatori pure per Maryland in casa, che stravince il derby e si candida a tornare nella Top 5 la prossima settimana. Ottima prestazione del ritrovato Melo Trimble che, con 18 punti (5/6 al tiro, 4/4 da tre, 4/4 ai liberi) e 4 assist, trascina i suoi. Migliore degli avversari è Dominique Elliott che realizza 20 punti con 8 rimbalzi.

Maryland Terrapins (9-1). Punti: Trimble 18, Stone 12, Nickens 12. Rimbalzi: Stone 6, Layman 5. Assist: Sulaimon 10.

Maryland Eastern-Shore Hawks (1-9). Punti: Elliott 20, Martin 11, Rivera 9. Rimbalzi: Elliott 8, Martin 5. Assist: Martin 4.



Oklahoma Sooners (7) – Oral Roberts Golden Eagles 96-73

Impressionante prestazione di Buddy Hield che realizza 30 punti, combinati con 5 palle rubate. Oral Roberts cerca di rispondere con uno splendido Obi Emegano, autore di 29 punti, che risponde alle bombe di Hield. Oklahoma chiude con 4/5 del quintetto in doppia cifra: Jordan Woodard 19 punti, Isaiah Cousins 15 e Ryan Spangler 13 con 8 rimbalzi.

Oklahoma Sooners (7-0). Punti: Hield 30, Woodard 19, Cousins 15. Rimbalzi: Spangler 8, Cousins 5. Assist: Woodard 5.

Oral Roberts Golden Eagles (8-3). Punti: Emegano 29, Martin 15, Conley 10. Rimbalzi: Conley 11, Owens 6. Assist: Bradley 2.



Purdue Boilermakers (11) – Youngstown State Penguins 95-64

Altra vittoria di forza di Purdue che merita l’accesso alla Top 10. Migliore in campo AJ Hammons, che partendo dalla panchina realizza 15 punti con 11 rimbalzi e 3 stoppate. Ottima prova anche del solito Caleb Swanigan, che chiude con 13 punti 5 rimbalzi e 6 assist, e di Isaac Haas, autore di 13 punti e 6 rimbalzi. Il migliore di Youngstown State è Matt Donlan che finisce con 19 punti (5/8 da tre) e 5 rimbalzi:

Purdue Boilermakers (11-0). Punti: Hammons 15, Swanigan 15, Haas 13. Rimbalzi: Hammons 11, Haas 6. Assist: Swanigan 6.

Youngstown State Penguins (4-6). Punti: Donlan 19, Umude 14, Morse 10. Rimbalzi: Hain 5, Donlan 5. Assist: Frantz 4.



Xavier Musketeers (12) - Cincinnati Bearcats (23) 65-55

Ennesima importante vittoria per Xavier che batte la rivale Cincinnati, che probabilmente sarà costretta ad uscire dalla Top 25. Trevon Bluiett becca una giornata storta realizzando solo 3 punti e catturando 6 rimbalzi, ma Myles Davis trascina Xavier al suo posto, realizzando 17 punti con ottime percentuali.  Il migliore di Cincinnati è il solito Octavius Ellis (13 punti e 6 rimbalzi) che però non basta per trascinare ad una vittoria che era necessaria la sua squadra.

Xavier Musketeers (10-0). Punti: Davis 17, Sumner11, Abell 9. Rimbalzi: Bluiett 6, Farr 6. Assist: Sumner 5

Cincinnati Bearcats (8-2). Punti: Ellis 13, Thomas 11, Cobb 11. Rimbalzi: Clark 7, Ellis 6. Assist: Caupain 6.



Providence Friars (15) – Bryant Bulldogs 74-67

Senza la sua stella Kris Dunn, fermato da problemi intestinali, Providence soffre per battere Bryant. La vittoria arriva solo negli ultimi minuti, dopo aver chiuso addirittura sotto il primo tempo. Il secondo miglior giocatore Ben Bentil, anche lui non al meglio, parte dalla panchina, realizzando 16 punti con 8 rimbalzi. Top scorer del match è Drew Edwards, anche lui partito dalla panchina, che realizza 17 punti. Il migliore in campo però è Rodney Bullock che realizza 13 punti con 14 rimbalzi, 4 rubate e 3 stoppate. Tra le fila di Bryant ottima prestazione di Dan Garvin, autore di 16 punti con 9 rimbalzi.

Providence Friars (10-1). Punti: Edwards 17, Bentil 16, Lindsey 15. Rimbalzi: Bullock 14, Bentil 8. Assist: Lomomba 3.

Bryant Bulldogs (2-9). Punti: Garvin 16, Ware 14, McLaughlin14. Rimbalzi: Pettway 10, Garvin 9. Assist: Pettway 4.



Butler Bulldogs (18) – Tennessee Volunteers 94-86

Partita più dura del previsto pure per Butler che non riesce mai a staccare definitivamente gli avversari, seppur stando sempre avanti. MVP del match è Kelan Martin, che partendo dalla panchina chiude con 25 punti e 11 rimbalzi in 20 minuti. Ottima prova pure di Roosvelt Jones che sfiora la tripla doppia con 21 punti, 7 rimbalzi e 10 assist. Serata storta invece per Kellen Dunham, che realizza 12 punti ma tirando 2/11 da tre. Il migliore di Tennessee è Kevin Punter, autore di 27 punti.


Butler Bulldogs (8-1). Punti: Martin 25, Jones 21, Wideman 14. Rimbalzi: Martin 11, Jones 7. Assist: Jones 10.

Tennessee Volunteers (4-4). Punti: Punter 27, Moore 17, Schofield 16. Rimbalzi: Schofield 7, Moore 6. Assist: Moore 7.



Gonzaga Bulldogs (20) – UCLA Bruins 66-71

9 giorni dopo la clamorosa vittoria contro Kentucky, UCLA si ripete fermando pure Gonzaga al termine di una grande partita. Gonzaga subisce la terza sconfitta e si fa sentire la mancanza del centrone Przemek Karnowski, ancora fermo per un problema alla schiena. Il migliore di UCLA è Isaac Hamilton, che chiude con 20 punti, mentre Johan Bolden realizza una doppia doppia partendo dalla panchina con 10 punti e 11 rimbalzi. Gonzaga invece si affida a Kyle Wiltjer ( che realizza 20 punti con 8 rimbalzi) e Domantas Sabonis (18 punti e 8 rimbalzi per lui).

Gonzaga Bulldogs (6-3). Punti: Wiltjer 20, Sabonis 18, McClellan 14. Rimbalzi: Sabonis 8, Wiltjer 8. Assist: Dranginis 4.

UCLA Bruins (7-3). Punti: Hamilton 20, Parker 16, Alford 13. Rimbalzi: Bolden 11, Welsh 8. Assist: Holiday 5.



Louisville Cardinals (22) – Eastern Michigan Eagles 86-53

Louisville sfrutta la propria difesa, marchio di fabbrica di coach Pitino per schiantare gli avversari e vincere agevolmente. I migliori in campo sono Damion Lee con 16 punti e 4 rimbalzi, Chinanu Onuaku con 12 punti e 7 rimbalzi e Raymond Spalding che partendo dalla panchina chiude con 11 punti e 7 rimbalzi. Top scorer del match è Raven Lee di Eastern Michigan, che partendo dalla panchina realizza 19 punti, buona anche la prestazione del suo compagno James Thompson IV che finisce con 12 punti e 13 rimbalzi.

Louisville Cardinals (7-1). Punti: Lee 16, Snider 13, Onuaku 12. Rimbalzi: Onuaku 7, Spalding 7. Assist: Mitchell 7.

Eastern Michigan Eagles (6-4). Punti: Lee 19, Thompson IV 12, Toney 8. Rimbalzi: Thompson 13, Nazione 8. Assist: Toney 5.



Boise State Broncos – Oregon Ducks (24) 74-72

Davanti agli oltre 10.000 spettatori della Taco Bell Arena, Boise State sorprende Oregon scappando nel primo tempo e non facendosi più rimontare, seppur gli avversari ci provino fino alla fine. Questa sconfitta probabilmente farà ancora scendere Oregon che aveva già perso parecchie posizioni. Il migliore dei Broncos è Anthony Drmic che chiude con 19 punti, tra le fila di Oregon invece si fanno notare Elgin Cook che chiude con 22 punti e 7 rimbalzi e Dillon Brooks che finisce con 26 punti.

Boise State Broncos (7-4). Punti: Drmic 19, Webb III 12, Thompson 11. Rimbalzi: Hutchison 7, Duncan 5. Assist: Thompson 4.

Oregon Ducks (7-2). Punti: Brooks 26, Cook 22, Benjamin 7. Rimbalzi: Boucher 9, Cook 7. Assist: Bell 4.



Wichita State Shockers – Utah Utes (25) 67-50

Brutta prestazione di Utah all’esordio nella Top 25 stagionale, che probabilmente abbandoneranno già domani davanti ai 15.000 fans della Intrust Bank Arena di Wichita. La differenza viene fatta dalle palle perse, solo 3 per Wichita State mentre 19 per Utah. Top scorer del match è Zach Brown di Wichita che chiude con 14 punti, ottimo anche Markis McDuffie che partendo dalla panchina chiude con 13 (4/5 da tre punti). Esordio per Conner Frankamp (5 punti in 14 minuti), grande talento che nelle nazionali giovanili era il prospetto più interessante insieme a Okafor, ma che ha saltato una stagione per inelegibilità.  Buona la prova del centrone austriaco di Utah Jakob Poeltl, che chiude con 11 punti e 9 rimbalzi sfiorando la doppia doppia.

Wichita State Shockers (5-4). Punti: Brown 14, McDuffie 13, VanVleet 10. Rimbalzi: Baker 4, VanVleet 4. Assist: VanVleet 6.

Utah Utes (7-2). Punti: Poeltl 11, Loveridge 9, Taylor 9. Rimbalzi: Poeltl 9, Kuzma 6. Assist: Taylor 4.