All-Star Game: le parole dei protagonisti

La gara delle stelle finisce 196 - 173 per l'Ovest, con MVP Russell Westbrook. 41 punti per Paul George dall'altro lato, con il nuovo record di triple segnate

All-Star Game: le parole dei protagonisti
All Star Game: le parole dei protagonisti

West – East 196 – 173

All Star Game molto divertente all'Air Canada Center: cominciato e conclusosi nel segno di Kobe Bryant, è stata la gara con il maggior numero di punti segnati dalle due squadra. Più di 170 a fine primo tempo, 369 alla fine dei 48 minuti. MVP della serata è Russell Westbrook, che vince per il secondo anno consecutivo il titolo di miglior giocatore della partita. Gran prestazione anche per Paul George, che ne mette 41 alla fine dei giochi.

Niente premio dunque per Kobe Bryant, come invece si era largamente pronosticato. Spettacolo confermatissimo invece, tra il Cirque du Soleil, Sting e tutte le varie attrazioni della NBA. Ecco invece le dichiarazioni dei principali protagonisti dell'All Star Game.

Kobe Bryant: “Sono molto contento di aver partecipato, molte di queste cose mi mancheranno. Lo scherzare con i compagni, l'atmosfera, tutto.

“Molte volte ho parlato con Bill Russell, negli ultimi anni ci siamo parlati spesso e lui mi ha sempre dato dei consigli preziosissimi.

“Penso sia diverso rispetto a quando io, nel '98, ho giocato con Michael (Jordan, ndr). Voglio dire, in quegli anni lui era ancora al centro del gioco, oggi io ho giocato con ragazzi che mi guardavano giocare quando avevano 7 anni. Una generazione è stata spazzata via e adesso tocca ai nuovi.”

LeBron James: “Essere sopra Kobe (Bryant, ndr) di un punto come leader di punti segnati all'All Star Game? Be', non significa assolutamente nulla (ride, ndr). Credo siano statistiche abbastanza inutile e in campo ci siamo solo divertiti.

“Abbiamo cercato, ho cercato di salutare Kobe, anche in quell'azione di uno-contro-uno. Ci siamo divertiti, abbiamo scherzato. È stato il suo ultimo All Star Game e gli abbiamo dato il saluto che si merita.

“Il momento di Kobe che ha fatto Magic (Johnson, ndr) ad inizio partito è stato fantastico. Credo sia stato quello che più mi ha emozionato e che abbia emozionato di più in generale.

“Non credo che Westbrook si sia meritato l'MVP (ride, ndr). È un uomo straordinario, offensivamente è devastante. È un fenomeno, sta facendo grandi cose e continuerà così.”

Gregg Popovich:Mi ha fatto davvero una grande impressione vedere Paul George così in forma dopo l'infortunio. Voglio dire, il corpo umano è davvero incredibile. Sta giocando ad un livello altissimo, è tornato ad un livello altissimo e anche stasera lo ha dimostrato.”

Tyronn Lue: “Per me è stata una grande emozione. È stata un'occasione unica per stare con dei grandi giocatori vivendo in una situazione di estrema rilassatezza.

“PG (Paul George, ndr) ha fatto una grande partita. Ha superato il record di Anthony per triple messe a segno e se pensiamo all'infortunio che ha subito qualche mese fa è davvero incredibile.”

Russel Westbrook: “Sono felicissimo di aver vinto di nuovo l'MVP, per quanto questo non sia poi così significante.

“Mi sono divertito tanto, anche con Kobe. Uno dei più grandi, un grandissimo agonista.”