Eurocup, il resoconto del day 1: Gran Canaria dilaga, bene le tre russe

Partita anche la seconda competizione organizzata dalla ECA, ecco i risultati della prima giornata. MVP della settimana è stato nominato Kyle Kuric di Gran Canaria.

Eurocup, il resoconto del day 1: Gran Canaria dilaga, bene le tre russe
Eurocup: il resoconto del day 1

Nuovo format e nuovo start per l'Eurocup, seconda competizione europea dopo l'Eurolega. Assenti le italiane, che, seppur invitate, hanno dovuto rinunciare alla partecipazione (rinunciando anche ai relativi introiti) per le pressioni della FIP. L'ennesimo passo indietro per il basket italiano, che speriamo possa essere recuperato già nella prossima stagione, con la definitiva sentenza della Commissione Europea. Otto le partite che si sono disputate, con 4 squadre che hanno sostenuto la loro prima giornata di riposo. Ecco nel dettaglio i risultati.

GRUPPO A

LIETKABELIS PANEVEZYS - MZT SKOPJE AERODROM 90-89

Incredibile partita in Lituania, doveva essere una facile vittoria per il Lietkabelis dei fratelli Lavrinovic, visti i problemi dello Skopje che ha esonerato solo due giorni fa il coach e tagliato Thomas e Massey, ma così non è stato.

I lituani sembrano svolgere il compito, portandosi avanti anche di 30 punti, però nell'ultimo quarto è blackout totale. Skopje realizza 31 punti in 10 minuti e realizza il sorpasso a un minuto dalla fine con il nuovo acquisto Sinovec. Williams si incarica dell'ultimo tiro, una tripla dall'angolo che si rivela un airball. A rimbalzo il suo compagno Tarolis però è lesto a catturare il pallone e tirarlo nel canestro, realizzando il buzzer beater che vale la vittoria.

Lietkabelis Panevezys - Punti: Lavrinovic 18, Tarolis 17, Skucas 15. Rimbalzi: Tarolis 7, Leonavicius 5. Assist: Williams 6.
MZT Skopje Aerodrom - Punti: Sinovec 20, Lucic 20, Thames 17. Rimbalzi: Sinovec 6, Scott 5. Assist: Kloof 8.

HERBALIFE GRAN CANARIA LAS PALMAS - CEDEVITA ZAGREB 101-76

Pratica sbrigata agevolmente dagli spagnoli del Gran Canaria. Il Cedevita non è mai in partita e dopo soli 20 minuti insegue già di 20 punti. Trascinatore assoluto degli spagnoli è il solito Kuric, tornato più forte che mai dalla malattia che ha rischiato di allontanarlo per sempre dal campo. 25 punti per lui, con 5/9 da tre punti. Non bastano ai croati le ottime prestazioni di Hopson e Bilan.

Herbalife Gran Canaria Las Palmas - Punti: Kuric 25, Aguilar 13, Planinic 12. Rimbalzi: O'Neale 5, Kuric 4. Assist: Oliver 6.
Cedevita Zagreb - Punti: Hopson 23, Bilan 16, Begic 12. Rimbalzi: Bilan 8, Babic 7. Assist: Babic 5.

GRUPPO B

KHIMKI MOSCOW REGION - LIETUVOS RYTAS VILNIUS 76-71

Soffre più del previsto la squadra russa del Khimki contro i lituani del Lietuvos Rytas, ma alla fine prevale. La formazione è completamente differente rispetto a quella che nella scorsa stagione ha ben impressionato in Eurolega e la squadra deve affidarsi ai due nuovi americani Pullen e Rowland (entrambi con esperienze in Italia). La partita è molto equilibrata fino al terzo quarto, quando i russi riescono a scavare il break che decide la partita. Non bastano ai lituani i 21 punti più 14 rimbalzi di Gordon, i 17 punti di Gudaitis e i 10 punti più 11 assist di Logan.

Khimki Moscow Region - Punti: Rowland 15, Pullen 13, Monia 9. Rimbalzi: Zaytsev 5, Todorovic 4. Assist: Zaytsev 5.
Lietuvos Rytas Vilnius - Punti: Gordon 21, Gudaitis 17, Fisher 13. Rimbalzi: Gordon 14, Logan 6. Assist: Logan 11.

ALBA BERLIN - MONTAKIT FUENLABRADA 88-81

Doveva essere una partita indecifrabile e così è stata. Squadre sempre a contatto e pochi break degni di nota, per un finale scoppiettante che ha premiato i tedeschi dell'Alba Berlino. Gli spagnoli del Fuenlabrada, all'esordio ufficiale in competizioni internazionali, non demeritano e rischiano di tornare a casa con una vittoria. Nel finale però prevale il fattore casa e la maggior esperienza degli avversari, trascinati da uno splendido Kikanovic, realizzatore di 25 punti. Tra le fila degli spagnoli degna di nota la prestazione di Diagne, giovane in prestito dal Barcellona, che ha realizzato 15 punti con 9 rimbalzi.

Alba Berlin - Punti: Kikanovic 25, Johnson 12, Radosavljevic 12. Rimbalzi: Gaffney 7, Kikanovic 6. Assist: Atsur 5.
Montakit Fuenlabrada - Punti: Popovic 17, Diagne 15, Pauney 14. Rimbalzi: Diagne 9, O'Leary 7. Assist: Paunic 4.

GRUPPO C

ZENIT ST PETERSBURG - FC BAYERN MUNICH 80-77

I russi dello Zenit, privi della loro stella Toolson, riescono a contenere la rimonta finale del Bayern Monaco e portano a casa una importante affermazione. Grande è la sofferenza a rimbalzo con oltre 10 rimbalzi in meno catturati, ma migliore è stata la precisione al tiro. Lo Zenit scappa nel primo quarto, prendendosi 12 punti di vantaggio che il Bayern non riesce più a colmare definitivamente pagando con la sconfitta. MVP del match è Timma con 20 punti, mentre tra le fila tedesche si distingue Booker che chiude con 27 punti conditi da 8 rimbalzi e 5 assist.

Zenit St Petersburg - Punti: Timma 20, Karasev 16, White 13. Rimbalzi: White 7, Pushkov 3. Assist: Markovic 10.
FC Bayern Munich - Punti: Booker 27, Barthel 12, Redding 11. Rimbalzi: Booker 8, Kleber 6. Assist: Renfroe 8.

UCAM MURCIA - BUDUCNOST VOLI PODGORICA 84-77

Altra partita sulla carta indecifrabile che si conclude con una vittoria per i padroni di casa. Questa volta son premiati gli spagnoli dell'Ucam Murcia, che riescono a battere al termine dei 40 minuti i montenegrini del Buducnost. Tutti e quattro i quarti son stati molto equilibrati, ma nel complesso gli spagnoli son riusciti a guadagnare quei pochi punti a quarto decisivi nel punteggio finale.

UCAM Murcia - Punti: Benite 15, Llompart 13, Faverani 11. Rimbalzi: Rojas 6, Faverani 5. Assist: Campazzo 8.
Buducnost Voli Podgorica - Punti: Savovic 22, Subotic 14, James 12. Rimbalzi: Savovic 11, Sehovic 5. Assist: Reynolds 5.

GRUPPO D

VALENCIA BASKET - RATIOPHARM ULM 95-58

Impressionante la vittoria del Valencia, che ha schiantato i tedeschi dell'Ulm con uno scarto ampissimo: ben 37 punti! Lo strappo è avvenuto già nel primo quarto, infatti dopo soli 10 minuti Valencia conduceva già di dieci punti, mai più recuperati dai tedeschi che nel secondo tempo sono definitivamente scoppiati. Determinante ai fini del risultato il dominio a rimbalzo di Valencia (ben 15 rimbalzi in più) e il minor numero di palle perse. MVP del match è stato Dubljevic, autore di 14 punti con 7 rimbalzi e 4 stoppate.

Valencia Basket - Punti: Dubljevic 14, Jankovic 12, Diot 11. Rimbalzi: Oriola 8, Dubljevic 7. Assist: Diot 6.
Ratiopharm Ulm - Punti: Babb 14, Morgan 12, Hobbs 10. Rimbalzi: Neumann 6, Morgan 5. Assist: Guenther 4.

UNION OLIMPIJA LJUBLJANA - LOKOMOTIV KUBAN KRASNODAR 64-72

Più combattiva del previsto Ljubiana, che davanti al suo pubblico non ha voluto sfigurare e ha giocato a viso aperto per tre quarti. Decisivo il break nel secondo quarto della Lokomotiv Kuban, che è riuscita a prendere qualche punto di vantaggio, poi protetto fino a fine partita. MVP del match è Gabriel, che ha chiuso con 17 punti, 4 rimbalzi, 3 assist e 3 stoppate.

Union Olimpija Ljubljana - Punti: Jankovic 16, Hrovat 10, Jefferson 8. Rimbalzi: Milosevic 9, Jankovic 8. Assist: Jefferson 4.
Lokomotiv Kuban Krasnodar - Punti: Gabriel 17, Baburin 10, Broekhoff 10. Rimbalzi: Vougioukas 8, Collins 5. Assist: Collins 5.