Serie A2, Latina espugna il PalaMangano: Scafati cade in casa (72-82)

La Givova non sembra essere quella squadra che ha entusiasmato la sua gente nella passata stagione. La Benacquista ne approfitta e conquista i primi due punti stagionali

Serie A2, Latina espugna il PalaMangano: Scafati cade in casa (72-82)
Baldassare
Givova Scafati
72 82
Banacquista Latina
Givova Scafati: Fischer 9, Crow 4, Fantoni 15, Naimy 21, Baldassare 8, Ammannato 4, Panzini 0, Perez 5, Matrone 2, Santiangeli 4
Banacquista Latina: Arledge 19, Mathlouti 0, Poletti 12, Rullo 7, Mascolo 0, DeShields 8, Uglietti 16, Allodi 6, Pastore 14, Di Prospero n.e.

La Givova Scafati non riesce a bissare il successo di domenica scorsa tra le mura amiche: la squadra di Markovski non trova mai il canestro con continuità e lascia a bocca amara un pubblico che era stato abitutato bene nella passata annata. Bel successo quello firmato dalla Benacquista Latina che con una prova di carattere e grinta riesce a mettere sotto una formazione più quotata alla vigilia.

LA CRONACA - La Givova parte col piglio giusto e sull'asse Fantoni-Naimy si porta subito 9-4, dopo 4' dalla palla a due. La risposta della Benacquista, però, è tempestiva e firma un mini-break di 8-2 consente il primo vantaggio del match sull'11-12 a 3' dalla fine del primo periodo. Fantoni è protagonista assoluto in questo avvio: il lungo scafatese, se non segna, fa segnare e tiene i suoi a contatto sul tentativo di allungo ospite. Due airball di fila nerazzurri consentono un parziale dello Scafati che chiude il quarto sul 21-16.

Il rientro in campo è tutto di marca Scafati: le triple di Naimy e Perez infiammano il PalaMangano e portano la squadra di Markovski sul 29-16 a 8' dal termine del primo tempo. Gramenzi chiede timeout e non poteva fare scelta migliore: Arledge firma un parzialino di 5-0 che riporta sotto la doppia cifra di svantaggio i laziali. I padroni di casa, nella seconda metà di quarto, non riescono più a trovare il canestro con continuità e Latina ne approfitta: sempre il solito Arledge guida la rimonta fino al 32-27 e l'allenatore giallo-blu è costretto a chiamare sospensione a meno di 3' dal termine della seconda frazione di gioco. A piccoli passi gli ospiti si avvicinano sempre di più: 35-33 in favore della Givova termina il primo tempo.

L'equilibrio è sovrano in avvio di ripresa: né Scafati né Latina riescono a dare una sterzata al match e si viaggia con gli scafatesi sempre a poche lunghezze di vantaggio. A metà quarto, però, la formazione di Gramenzi riesce a trovare nuovamente il vantaggio con un Arledge in evidente serata di grazia. Gli ospiti sono entrati propotentemente nella gara: la bomba di Uglietti e il lay-up di Poletti danno il massimo vantaggio sul 40-47. I sette punti di distacco restano anche al termine del terzo quarto: il tabellone luminoso segnala il 44-51 in favore della Benacquista.

Il 4-0 della Givova in apertura di periodo è subito oscurato da due triple consecutive di Pastore che ricacciano indietro i padroni di casa sul 48-57. Fischer e Naimy non ci stanno e fanno tornare a cantare il pubblico giallo-blu con un break di 6-0. Gli uomini di Markovski provano ad alzare i ritmi ma il gap che li distanzia da Latina non riesce ad essere colmato con facilità. Il gioco da tre punti di capitan Baldassarre, tuttavia, riaccorcia le distanze sul 64-66 a 2'30" dall'ultima sirena. La compagine laziale reagisce subito e sigla un 5-0(64-71) che, a 1'40" dalla fine, potrebbe essere decisivo per la conquista del match. A nulla valgano i tentativi finali dei campani: Latina passa a Scafati con il punteggio di 72-82.

MVP Vavel: Pastore - La guardia nerazzurra è un fattore nell'ultimo periodo, quando la Benacquista ha creato il solco decisivo per arrivare alla vittoria: le sue triple caricano i compagni e indirizzano la partita verso il Lazio