FIBA Champions League - La Reyer è nella storia, batte il Pinar e vola alle Final Four! (74-66)

Storica gara per la Reyer Venezia, che batte con merito il Pinar Karsiyaka, volando per le prime Final Four di FIBA Champions League. Ottima la prova di Melvin Ejim, autore di una doppia-doppia da 16 punti e undici rimbalzi.

FIBA Champions League - La Reyer è nella storia, batte il Pinar e vola alle Final Four! (74-66)
Foto FB Reyer Venezia
REYER VENEZIA
74 66
PINAR KARSIYAKA
REYER VENEZIA: Haynes 11, Ejim 16, Peric 11, Bramos 7, Tonut 0, Visconti ne, Filloy 7, Ress 2, Ortner 6, Viggiano 8, McGee 6. All. Walter De Raffaele.
PINAR KARSIYAKA: Petway 7, Baygul 13, Guven ne, Green 2, Brown 22, Ponitka 5, Owens 16, Gulaslan ne, Karahan ne, Senturk 0, Summers 1, Dogan 0. All. Nenad Markovic

E’ una data storica per la Reyer Venezia: gli orogranata ribaltano il -3 dell’andata e domano il Pinar Karsiyaka con il punteggio di 74-66, grazie ad un ultimo quarto d’accademia, volando alle Final Four di FIBA Champions League. Una partita equilibrata nell’arco dei quaranta minuti, Venezia prova a fuggire, ma si vede negare il parziale, di fronte alle triple di Brown e le schiacciate di un dominante Owens. Solo nel terzo quarto, dopo essere stati sotto di otto, i veneti ribaltano tutto con un break di 10-0, ripetendosi in apertura dell’ultimo quarto, parziale fondamentale per portarsi a distanza di sicurezza e staccare il pass per l’atto finale della rassegna continentale.

Parte bene la Reyer Venezia, che ha un approccio iniziale deciso e si porta subito sul 7-2, con Bramos, che inaugura da tre, e Peric. L’ex pivot veneziano, ora in forza al Pinar, Josh Owens tiene a stretto contatto i suoi con gli avversari, siglando i primi sei punti della formazione rossoverde, toccando il -3, prima della risposta di Peric, che su schiacciata fissa lo score di 11-6 a metà quarto. Gli orogranata non riescono a limitare uno scatenato Owens, che manda a referto undici punti nei primi sette minuti, annullando i tentativi di fuga di Haynes, autore di cinque punti consecutivi, portando i turchi sul -3.

Owens continua a macinare punti, mentre Baygul sigla il -1 a venti secondi dalla sirena, chiudendo il quarto sul 20-19 veneziano. Viggiano trova il fondo della retina dall’arco e serve Ortner per il +6 dopo due minuti, ma gli ospiti azzerano il gap con le triple di Petway e Brown, che costringono De Raffaele a chiamare il timeout sul 25 pari. La partita stenta a decollare, tanti errori, Venezia prova a riprendersi il comando con una sequela di canestri di Haynes, mentre gli ospiti salgono di colpi e trovano il sorpasso nelle battute finali con un preciso Brown dall’arco, che manda agli spogliatoi le squadre sul +3 del Pinar (36-39).

Di ritorno sul parquet, subito quattro punti filati per i veneti, con Ejim e Bramos, che concretizza una grande rubata e completano il sorpasso, con il +1 dopo due minuti di gioco. All’improvviso è blackout per l’Umana, che si complica la vita con un tecnico e un fallo particolarmente dubbio di Filloy, permettendo al Pinar di andare sul 42-48 a metà parziale, con Owens e Brown. Venezia non molla la presa, com’è nel suo stile, riaprendo i conti con un break di 10-0, con le triple di Filloy ed Ejim e ribaltano la gara, toccando il +4 (52-48) con un minuto e mezzo alla fine del terzo quarto. Brown dimezza il gap sulla sirena, rimandando i conti nell’ultimo, decisivo, quarto, sul 53-51.

Bramos e una tripla di Filloy nel primo minuto e mezzo di gara e il Taliercio esplode sul 59-51, che costringe il coach dei turchi ad interrompere con un timeout. Un perfetto pick&roll tra Filloy ed Ejim vale il +10, bissando con un’altra schiacciata del canadese e la Reyer vola sul 63-51 a sei minuti e mezzo dalla sirena. Trema un po’ la mano alla truppa di De Raffaele, che dal +13 si ritrova con soli otto di vantaggio (senza dimenticare il -3 dell’andata) a tre minuti e mezzo dalla fine. Quando sembrava chiusa con il +11 su firma di Peric, Baygul e Brown riaprono con il -7, che sommando ai tre punti dell’andata, valgono il -4 a meno di due minuti dalla fine, riaprendo la gara. Al 39’ Ress dalla lunetta e Peric di schiacciata provano a mettere in sicurezza la partita, con il +11. Gli ospiti faticano ad impensierire Venezia, che chiude la gara con la schiacciata di Ejim e completa l’impresa, volando alle Final Four di Champions League, di fronte ad un Taliercio più caldo che mai.