Torneo dell'Acropoli - Italia, passi avanti ma ancora una sconfitta per mano della Grecia (73-70)

Gli uomini di Messina cadono nuovamente nel Torneo dell'Acropoli, pesa in attacco l'assenza di Marco Belinelli, tenuto a riposo preventivamente. La Grecia, nonostante un gioco più fluido e una difesa apparsa più solida, soffre di passaggi a vuoto e non riesce mai ad allungare nel punteggio, regalando l'overtime agli azzurri.

Torneo dell'Acropoli - Italia, passi avanti ma ancora una sconfitta per mano della Grecia (73-70)
Torneo dell'Acropoli - Printezis e Datome
Grecia
73 70
Italia

Sconfitta amara nel Torneo dell’Acropoli per l’Italia. Solo all’overtime gli uomini di Messina si inchinano ai padroni di casa della Grecia, incappando così nella quarta sconfitta consecutiva in questa serie di amichevoli in preparazione dei prossimi europei. Nonostante i numerosi problemi in attacco gli azzurri hanno mostrato ancora una volta passi avanti rispetto al precedente torneo disputato a Tolosa. Da segnalare l’ottima prestazione di Hackett, in forte crescita e apparso con più fiducia.

Missis schiera Sloukas playmaker, Calathes e Papanikolaou esterni. Completano il quintetto titolare Printezis e Bourousis. Il coach italiano Messina deve fare a meno di Belinelli e Cervi e risponde con Hackett in regia insieme a Melli, ala forte, e Cusin, centro. Sul perimetro agiscono Aradori e Datome.

Torneo dell'Acropoli - Biligha e Bourousis
Torneo dell'Acropoli - Biligha e Bourousis

Match equilibrato in avvio, entrambi gli attacchi vanno a segno a ripetizione e le due squadre avanzano a braccetto per tre minuti. Il primo break è greco, Printezis colpisce dall’arco, gli azzurri falliscono l’attacco successivo e Bourousis appoggia a canestro il +2. La reazione dell’Italia non tarda ad arrivare, cinque punti consecutivi firmati Datome-Hackett ridanno il vantaggio agli ospiti. Nella seconda metà del periodo la Grecia alza l’intensità difensiva e l’Italia è costretta a sparare da tre punti, Melli e Datome infilano due bombe, la replica arriva da Papanikolaou. Negli ultimi due minuti le percentuali degli ospiti si abbassano, ne approfittano Bourousis e compagni, al primo intervallo il risultato è di 20-16.

Meglio gli azzurri all’inizio della seconda frazione di gioco. Filloy ruba palla e serve a Della Valle il facile tap-in, Papagiannis lotta in area e ne mette altri due, Melli segna, subisce fallo e accorcia ulteriormente il distacco tra le squadre. Per lunghi minuti l’attacco greco s’inceppa e i punti di Hackett e Biligha riportano in parità il risultato. Nel momento peggiore si risvegliano i padroni di casa, Calathes è una lama nella difesa azzurra, il break di 6-0 costringe Messina all’immediato time-out. A fine primo tempo le triple di Filloy e Della Valle, intervallate dall’ennesimo canestro in transizione di Calathes, riportano, ancora, a due sole lunghezze l’Italia (33-31).

Torneo dell'Acropoli - Hackett e
Torneo dell'Acropoli - Hackett e Papanikolaou

Ritmi alti ad inizio secondo tempo. Aradori risponde al canestro di Bourousis, dopo i due liberi di Antetokounmpo arriva il primo deciso strappo degli azzurri: otto punti consecutivi messi a segno da Datome, Hackett e Aradori spingono Missis a richiamare i suoi in panchina. Al rientro dal time-out l’inerzia è di nuovo tutta per la Grecia, i padroni di casa vanno a segno quattro volte dal pitturato con Printezis, Bourousis e Agravanis, l’unica replica arriva dai due liberi di Abass. Filloy lotta e appoggia bene in transizione ma, a fine quarto, cinque punti di Papapetrou spingono sul +5 gli ellenici (50-45).

Botta e risposta a canestro ad inizio ultimo periodo, Melli e Hackett aggiungono punti al proprio score, replicano Antetokounmpo e Printezis. L’ingresso di Agravanis mette in difficoltà la difesa ospite, cinque punti dell’ala/centro greca spingono fino al +10 i padroni di casa. A metà quarto la bomba di Filloy risveglia l’Italia, Bourousis segna ancora dal campo ma Melli, Hackett e Burns riducono lo scarto a soli tre punti. Printezis è l’ultimo a mollare, segna e tiene avanti i suoi ma Hackett, in serata di gloria, infila altri quattro punti tenendo vive le speranze degli azzurri. A pochi secondi dal termine Agravanis fa uno su due in lunetta, dall’altra parte Burns firma l’aggancio sul 64-64.

Gli dei del basket aiutano la Grecia nel primo minuto dell’overtime. Sloukas e Calathes infilano due bombe non costruite da metà campo e tagliano le gambe degli azzurri, Hackett, Biligha e Filloy provano un rientro in extremis ma i due liberi messi a segno da Sloukas a tempo scaduto regalano la vittoria ai padroni di casa (73-70).