Il Barcellona torna a vincere in Europa

Dopo un primo quarto di assestamento, i catalani sono riusciti a dominare l'incontro praticando la propria pallacanestro. Lo Zalgiris è stato bravo a rimanere in partita fino alla fine. L'MVP del match è Navarro con 14 punti.

Il Barcellona torna a vincere in Europa
Foto fcbarcelona.es
Barcellona
92 86
Zalgiris Kaunas
Barcellona: Doellman 7 (1/1;1/2;2/4) Ribas 13 (1/4;1/1;8/8) Lawal 5 (2/3;1/2 TL) Abrines 12 (1/2;2/2;4/4) Navarro 14 (1/1;3/6;3/4) Satoransky 10 (2/2;1/1;3/4) Vezenkov 2 (1/2;0/1) Eriksson Samuels 11 (4/6;3/6 TL) Oleson 5 (1/2;1/1) Perperoglou 7 (2/4;1/3;0/1) Tomic 6 (2/3;2/4 TL)
Zalgiris Kaunas: Vene (0/1;0/1) Lekavicius 16 (4/8;2/3;2/2) Pocius 2 (1/1;0/2) Seibutis 19 (4/4;2/4;5/6) Motum Jankunas 11 (3/7;1/3;2/3) Vougioukas 14 (6/11;2/4 TL) Sajus 4 (2/2) Vecvagars 3 (0/3;1/2) Hanlan (0/3;0/2) Ulanovas 17 (2/4;3/4;4/4)
SCORE: 16-19; 38-31; 65-55. Tiri da 2p: Barcellona (18/30) Zalgiris (22/44). Tiri da 3p: Barcellona (10/17) Zalgiris (9/21). Tiri liberi: Barcellona (26/37) Zalgiris (15/19). Rimbalzi: Barcellona 29 Zalgiris 29

Dopo due sconfitte consecutive il Barcellona torna a vincere in Eurolega e lo fa con una prestazione efficiente ma non spettacolare. La squadra di Pascual, dopo un primo quarto in cui si è fatta letteralmente sorprendere dagli avversari, è riuscita dalla seconda frazione in poi a controllare il gioco e a portare a casa la vittoria. Lo Zalgiris è stato capace di mantenere lo stesso ritmo dall'inizio alla fine del match, e proprio nel finale ha rischiato addirittura di ribaltare il risultato ma il Barcellona, grazie al divario costruito in precedenza ed alla maggior esperienza, non ha mai incontrato vere difficoltà di gestione.

Tra i catalani spicca la prestazione del solito Navarro che ha contribuito al successo con 14 punti, ma come spesso accade, i blaugrana hanno impressionato per il gioco di squadra. Tra i lituani invece è Seibutis a mettersi in mostra con 19 punti, ben seguito poi da Ulanovas con 17, Lekavicius con 16, Vougioukas con 14 e Jankunas con 11. Per la squadra di Jasikevicius è la terza sconfitta consecutiva che sigilla i lituani all'ultimo posto del girone con un record di 1-6. Invece per i padroni di casa è una vittoria che li rilancia verso la qualificazione alle Final Eight con un record di 3-4.

Samuels è il primo a muovere la retina con un appoggio a canestro. Risponde dall'altra parte Ulanovas con due liberi messi a segno. Vougioukas segna dal pitturato, ma il centro dei catalani ( Samuels ) realizza dal post basso. Il pivot dei lituani e Seibutis fissano il punteggio sul 4-8 con due canestri consecutivi. Ancora Vougioukas segna dall'area portando la propria squadra sul +8. Pascual, vedendo le difficoltà dei propri uomini, chiama il time-out che non sortisce i suoi effetti, infatti in uscita dal minuto di sospensione Tomic si fa stoppare da Vougioukas. Navarro sblocca la situazione in casa blaugrana con una tripla, ma la distanza nel punteggio rimane ampia. Ulanovas segna dalla linea dei tre punti fissando il risultato sull'11-17 per lo Zalgiris. Chiudono il quarto il piazzato di Sajus e la tripla di Doellman. Questi primi 10 minuti hanno visto i lituani partire decisamente il meglio. Il Barcellona deve ancora entrare in partita.

Tomic e Vougioukas aprono la seconda frazione con due liberi ed un appoggio a canestro, poi Oleson con una tripla accorcia le distanze. Doellman segna dalla lunetta riportando il Barcellona ad un solo punto di distacco e per questo Jasikevicius ferma il gioco. Ribas, con due tiri liberi, impatta a quota 23, poi Vezenkov con un piazzato porta avanti i catalani. Sulla tripla di Abrines che vale il +6 per i blaugrana, il coach dei lituani è costretto a chiamare nuovamente il time-out. Dopo il minuto di sospensione Ulanovas accorcia le distanze con un tiro da oltre i 6.75 metri, Il Barcellona raggiunge la doppia cifra di vantaggio con una tripla di Satoransky. Sajus con un appoggio a canestro, Abrines con due tiri dalla lunetta e Vecvagars con una tripla chiudono il secondo quarto sul punteggio di 38-31 in favore dei padroni di casa. La squadra di Pascual ha decisamente cambiato ritmo rispetto alla prima frazione di gioco, ma lo Zalgiris riesce comunque a rimanere a contatto.

Il secondo tempo inizia col fallo antisportivo fischiato a Lawal ed Ulanovas non sbaglia i liberi successivi. I lituani confermano il buon momento col canestro realizzato da Jankunas. Abrines interrompe il break dello Zalgiris realizzando 5 punti consecutivi. Doellman ristabilisce la doppia cifra di vantaggio con un piazzato. Ribas, con una tripla ed una buona penetrazione a canestro, porta Barcellona sul +13 (50-37). Sul tiro da oltre i 6.75 metri di Jankunas, Pascual chiama il time-out. Seibutis prova ad accorciare le distanze con una tripla, ma Navarro risponde allo stesso modo dall'altra parte, costringendo Jasikevicius a fermare il gioco. In uscita dal minuto di sospensione Lekavicius segna da oltre l'arco, fissando il punteggio sul 58-48 per i catalani. Perperoglou realizza i primi tre punti della sua partita con una tripla. Nel finale Satoransky segna due liberi, ma nell'altra metà campo Lekavicius segna 4 punti consecutivi. Nell'ultima azione del quarto Perperoglou stoppa Hanlan sigillando il risultato sul 65-55 per i padroni di casa, che si presentano all'ultima frazione con un buon vantaggio da difendere. 

Doellman e Jankunas aprono gli ultimi 10 minuti di partita con due canestri che non modificano le distanze nel punteggio tra le due squadre. Il Barcellona allunga con la tripla di Navarro e la stoppata di Doellman su Vecvagars. Sul canestro di Satoransky, Jasikevicius chiama il time-out. Subito dopo il minuto di sospensione Lekavicius segna la tripla del -13 (73-60). Sull'80-70 Pascual chiede il time-out in modo da non far perdere la concentrazione ai suoi uomini. Seibutis con una tripla riporta lo Zalgiris a 7 lunghezze di svantaggio e per questo il coach catalano ferma il gioco. Ulanovas segna dalla linea dei tre punti, ma Ribas fa 2/2 dalla lunetta e per questo Jasikevicius opta per il minuto di sospensione. La partita si chiude sui canestri di Abrines, Ribas, Seibutis, Jankunas ed Ulanovas. i quali fissano il punteggio finale sul 92-86 per il Barcellona.