Eurolega, regular season: overtime fatale per Milano a Bamberg (106-102)

Il supplementare punisce l'Olimpia, ma è soprattutto la rimonta clamorosa nel terzo quarto a far risorgere i tedeschi, trascinati da Miller e dall'ex Melli. Dall'altra parte mostruoso Sanders.

Eurolega, regular season: overtime fatale per Milano a Bamberg (106-102)
Eurolega, regular season: overtime fatale per Milano a Bamberg (106-102)

La EA7 Emporio Armani Milano continua a non trovare il ritmo giusto in trasferta in campo continentale, e perde anche sul parquet del Brose Bamberg nella quinta giornata di regular season di Eurolega. Decisivi per la formazione tedesca Melli e Miller a livello individuale, ma più in generale è stato l'inizio del terzo quarto a restituire fiducia e concentrazione proprio ai padroni di casa. In casa Olimpia non basta la prestazione mostruosa su entrambi i lati del campo di Sanders, mentre deludono Simon e soprattutto Raduljica, con il serbo mai in partita.

Repesa prova a cavalcare Abass dopo l'ottima prova contro Caserta, e lo mette in quintetto con Hickman, Gentile, Pascolo e Raduljica. Trinchieri risponde con Strelnieks, Causeur, Heckmann, Melli e Radosevic. La bomba del play americano dell'Olimpia è il primo sussulto di una serata in cui è Gentile a partire bene, con due punti e tre assist. Sono gli italiani sul parquet a fare la voce grossa, con Melli che risponde con un bello scarico per il canestro di Radosevic (9-9), prima di portare i suoi in vantaggio. Ancora Gentile a trascinare Milano con l'aiuto di McLean, prima di un testa a testa Miller-Hickman da fuori. Non c'è un vero padrone in questo avvio, Repesa e Trinchieri ruotano tanto i propri roster e la panchina ospite sembra avere un impatto migliore. Il quarto si chiude con l'Olimpia avanti 21-18. Una buona difesa per parte apre il secondo periodo, poi la bomba di Sanders vale la prima mini-fuga della EA7. Il Bamberg risponde con Melli e Strelnieks, ma l'impressione è che la difesa milanese possa fare la differenza: Hickman, dall'altra parte, firma il +7 poi ritoccato da Dragic. Gentile, poi, torna a giocare e a segnare dopo la tripla di Lo, e porta Milano sulla doppia cifra di vantaggio. L'Olimpia continua a lavorare alla grande, Sanders bombarda da tre con i tedeschi chiaramente alle corde, prima di punire un po' di sufficienza dell'Olimpia con Miller. Parziale tedesco di 9-0 e squadre al riposo sul 46-38.

L'inizio di terzo quarto di Melli è devastante. Bassissime le percentuali d'attacco dell'Olimpia, così il Bamberg si porta sotto fino a tornare addirittura in vantaggio grazie a Radosevic. Simon rompe il ghiaccio con una gran tripla, Kalnietis si mette in ritmo, ma Miller e Harris firmano un nuovo 6-0 di parziale per i tedeschi. I liberi riavvicinano una Milano trascinata da Sanders e Kalnietis fino al nuovo +2, poi il calo del Bamberg è fisiologico e i meneghini chiudono avanti sul 61-64. Sanders a segno con la magia per aprire il quarto periodo, con la risposta di Zisis. Milano spende però troppi falli (quattro nei primi 2 minuti) ed è troppo impaziente in attacco, così consente ancora al greco di tenere il Bamberg a un possesso di distacco, fino al pareggio firmato Miller. Poi Theis segna il canestro del nuovo vantaggio, con la risposta immediata di Pascolo e soprattutto da Simon. Partita che continua a non avere un padrone, i tedeschi ritrovano la difesa ma spendono troppi falli, così Hickman riporta gli ospiti in vantaggio. Theis risponde, poi Melli e Causeur sfoderano due bombe letali dopo la magia di Gentile. Milano ringrazia Sanders e Gentile e torna sotto, poi Hickman firma il -1 con una bomba da antologia. Iniziano i falli sistematici: Zisis è glaciale, Hickman è geniale e pareggia, poi il greco non trova la vittoria.

Melli per la tripla di Miller che apre l'overtime, risponde McLean su super-assist di Gentile, poi Sanders spara da tre ed è +2 Milano. Poi è Strelnieks che si inventa la magia con entrambe le squadre stanche. Poi il figlio di Nando non è freddo in lunetta, e dall'altra parte è ancora Miller a punire per il +5 Bamberg. Dragic trova due punti nella spazzatura e rianima Milano. I tedeschi rischiano la frittata dopo i liberi dello sloveno, poi Zisis è ancora freddo dalla lunetta e Abass non riesce nella bomba.

BROSE BAMBERG - EA7 EMPORIO ARMANI MILANO 106-102 (18-21; 38-46; 61-64; 91-91)

BAMBERG - Melli 15, Strelnieks 10, Causeur 9, Heckmann 3, Radosevic 14, Miller 27, Zisis 13, Theis 7, Lo 3, Harris 5, Staiger ne, Kratzer ne.

MILANO - Hickman 15, Gentile 18, Pascolo 4, Abass, Raduljica 5, McLean 17, Dragic 8, Sanders 25, Simon 6, Kalnietis 4, Cerella ne, Cinciarini ne.