Eurolega - Il Galatasaray regge un tempo, il Fenerbahce si prende il derby

Primi due quarti spaventosi in attacco per gli uomini di coach Ataman, al rientro dagli spogliatoi Datome e compagni piazzano la rimonta decisiva e ora sognano.

Eurolega - Il Galatasaray regge un tempo, il Fenerbahce si prende il derby
Eurolega - Il Galatasaray regge un tempo, il Fenerbahce si prende il derby
Fenerbahce
85 80
Galatasaray
Fenerbahce: Mahmatoglu ne, Antic, Bogdanovic 14, Bennett ne, Sloukas 9, Nunnally 5, Ugurlu ne, Vesely 20, Kalinic, Dixon 17, Duverioglu 6, Datome 14.
Galatasaray: Micov 14, Fitipaldo 5, Tyus 7, Korkmaz ne, Schilb 21, Haciyeva ne, Pleiss 9, Daye, Guler 17, Diebler 6, Koksal 1.

Derby infuocato e decisamente più equilibrato quello tra Fenerbahce e Galatasaray, che ha aperto la ventesima giornata della regular season di Eurolega. La clamorosa partenza degli ospiti, con percentuali al tiro pazzesche e la capacità di zittire a più riprese il pubblico di casa, non è però bastato a portare a casa quella che sarebbe stata la seconda vittoria consecutiva per gli uomini di Ataman. La formazione guidata da Obradovic gioca una grandissima seconda metà di gara, e porta a casa una vittoria preziosissima per la corsa alla qualificazione alla fase a eliminazione diretta.

Si parte fortissimo: alla bomba di Dixon rispondono Guler e Fitipaldo per il 7-0 Gala. Il Fener risponde con l'inchiodata di Kalinic e il jumper di Datome, con in mezzo un'altra bomba di Guler. La partita è vibrante, errori e grandi giocate da entrambe le parti, con Vesely che sale in cielo a schiacciare il -3 dopo il gancio di Schilb. Gli ospiti ne hanno di più, lo scippo di Guler e la gran circolazione che porta alla bomba di Micov pongono le basi per l'8-0 di parziale, chiuso da un'altra tripla dell'esterno turco. Timeout Obradovic, entra Bogdanovic e infila due bombe consecutive, prima di quella di Schilb che vale il 19-27 di fine quarto. L'uomo di passaporto ceco firma il nuovo +10, risposta Duverioglu prima dell'appoggio di Tyus viziato da passi e della terza bomba di Bogdanovic. Il lungo gialloblu trova altre due schiacciate, in mezzo arriva la tripla di Diebler e poi quella di Sloukas; il Gala continua ad attaccare benissimo, segna ancora Schilb e firma il +14. Datome torna a segnare, la difesa del Fener torna a saltare ma ci pensa Dixon a riprendere il ritmo giusto: all'americano rispondono Diebler e Micov con tre punti a testa. Ci vuole Bogdanovic con una zingarata delle sue per segnare il 41-54 di metà gara.

Al rientro dagli spogliatoi Guler infila cinque punti, intervallati dalla tripla di Datome, poi torna a segnare Vesely ma è ancora il numero 32 ospite a suonare la carica. Fener che trova rifugio in Dixon da fuori per il -10, poi le difese prendono per un attimo il sopravvento prima dell'inchiodata di Vesely che suona la carica. Il Gala non segna più, il pivot ceco si mette la squadra sulle spalle ma anche l'attacco di casa si ferma prima di cinque pesantissimi punti di Dixon. Fitipaldo sfiora il miracolo sulla sirena, 64-66 all'ultimo intervallo. Bogdanovic risponde a Schilb in avvio di quarto periodo, poi il Gala tenta un altro allungo con Guler e con il ceco, ai quali risponde Vesely. La stoppata di Pleiss su Sloukas è un altro momento importante della gara, poi Nunnally spara da tre per il -2: l'attacco ospite torna a faticare, Datome pareggia a metà quarto. Si gioca un vero overtime, lo inaugura Schilb da tre punti poi Vesely accorcia ai liberi e il layup di Sloukas vale il sorpasso, poi all'appoggio di Pleiss risponde ancora il lungo ceco. Ultimo minuto infuocato: Micov infallibile ai liberi, poi Dixon spara la bomba. Vesely si inventa una gran giocata difensiva, Datome allunga dalla lunetta, poi due grandi difese consentono al Fener di mettere in ghiaccio la vittoria.