Turkish Airlines Euroleague - Il Bamberg rimonta e batte Barcellona (84-81)

Il roster tedesco va sotto di ben ventisei lunghezze dopo soli dieci minuti di gioco, dopodichè rialza la testa andando all'intervallo sotto di soli dodici punti, ma la rimonta si completa nel secondo tempo con gli uomini di Trinchieri che riescono nell'impresa di raggiungere e addirittura sorpassare i catalani, che si fanno cogliere completamente impreparati. MVP del match, Dorell Wright, con 16 punti.

Turkish Airlines Euroleague - Il Bamberg rimonta e batte Barcellona (84-81)
Source photo: profilo Twitter Brose Bamberg
Brose Bamberg
84 81
Barcellona
Brose Bamberg: Hickman 14 (2/7;2/8;4/4) Wright 16 (2/5;3/5;3/4) Zisis 9 (4/7;0/1;1/2) Nikolic 5 (1/1;1/2) Staiger (0/1 3P) Mitrovic 8 (4/7) Lo 7 (2/4;1/3) Olinde Rubit 10 (3/6;4/4 TL) Heckmann Radosevic 2 (1/4) Taylor 13 (2/2;3/5)
Barcellona: Seraphin 13 (3/8;7/8 TL) Ribas 3 (1/1 3P) Pressey (0/1 3P) Hanga 14 (2/2;2/4;4/4) Navarro (0/1) Heurtel 9 (3/5;1/3) Sanders 17 (5/9;0/3;7/7) Koponen Claver 3 (1/3 3P) Tomic 8 (4/8) Moerman 14 (1/2;4/5;0/2)
SCORE: 12-38; 37-49; 62-66. Tiro da 2p: Bamberg (21/43) Barcellona (18/35). Tiro da 3p: Bamberg (10/25) Barcellona (9/20). Tiri liberi: Bamberg (12/14) Barcellona (18/21). Rimbalzi: Bamberg 33 Barcellona 32

Il Bamberg, dopo la netta sconfitta patita nel turno precedente con il Fenerbahce, torna alla vittoria contro Barcellona. Un successo frutto di una prestazione a dir poco altalenante, infatti i tedeschi partono malissimo realizzando solamente 12 punti nel primo quarto, a fronte dei 38 realizzati dai catalani. La partita sembra praticamente segnata, ed invece il Brose poco a poco reagisce serrando le linee di difesa e trovando le giuste le linee di passaggio in attacco. La squadra di Trinchieri riesce così a portarsi a soli dodici punti di distacco prima della sirena del secondo quarto. Uno svantaggio neutralizzato a cavallo tra terza e quarta frazione di gioco, infatti i teutonici limitano ancora di più i punti di forza di Barcellona, costringendo i giocatori catalani a sbagliare continuamente sia le scelte in attacco che le marcature in difesa.

Da qui ne nasce una rimonta che si concretizza ad inizio di ultimo quarto, con il Bamberg che conduce per la prima volta il gioco, che poi non mollerà più. Infatti Barcellona non riesce più a trovare le contromisure adatte e così alla fine deve arrendersi alla seconda sconfitta consecutiva. Tra i catalani gli unici a salvarsi sono Seraphin, autore di 13 punti, Hanga, 14, Sanders 17 e Moerman 14. Tutti e quattro sono stati scelti da Alonso nel quintetto titolare insieme ad Heurtel, autore però di soli 9 punti. Dall'altra parte spicca la prestazione di Dorell Wright (16 punti), con l'ala americana che viene ben coadiuvata da Hickman (14 punti), Taylor (13 punti) e Rubit (10). Tranne che per quest'ultimo, i primi tre giocatori citati sono stati scelti nello starting five da Trinchieri, insieme a Radosevic e Nikolic, che però non hanno offerto grandi prestazioni. La squadra tedesca sarà ora chiamata a ripetersi nella trasferta di Milano, mentre i catalani avranno l'opportunità di riscattarsi nel derby iberico con Valencia.

La partita si apre subito con la tripla messa a segno da Nikolic, al quale risponde Sanders con un tiro dalla media distanza. I padroni di casa provano immediatamente a scappare nel punteggio con il canestro da oltre l'arco di Hickman, ma Barcellona risponde subito con Moerman, il quale punisce la difesa teutonica con un tiro dal perimetro. La squadra catalana firma poi il sorpasso con il canestro da dentro l'area di Hanga, al quale fa seguito un piccolo break (10-17) in favore degli spagnoli, che vengono stoppati da Trinchieri, il quale chiama il primo time-out del match. Il minuto di sospensione non giova al roster tedesco, in quanto i blaugrana allungano con la tripla di Moerman ed il piazzato di Sanders.

Il momento negativo dei padroni di casa viene certificato da Mitrovic, il quale si rende autore di un fallo antisportivo su Hanga, che dalla lunetta non sbaglia. Notando ciò, il coach del Bamberg decide di rifermare il gioco, ma dopo la pausa il copione del match non cambia anche se i tedeschi riescono a fermare il break di 13-0 dei catalani con un tiro dalla media distanza di Rubit. I blaugrana non intendono calare il ritmo imposto alla partita, ed infatti nel possesso successivo tornano a segnare con la tripla messa a segno da Ribas. Nel finale Sanders con un'azione da tre punti mette il sigillo al vantaggio catalano, che alla fine del primo quarto è di ben ventisei lunghezze (12-38).

Lo e Tomic con due canestri da dentro l'area aprono la seconda frazione di gioco, che prosegue con la realizzazione dal perimetro di Taylor, il quale porta i suoi sulle ventitre lunghezze di svantaggio (17-40). Un distacco che viene subito rimpinguato da Claver, il quale va a segno da oltre i 6.75 metri. Per non veder nuovamente scappare la squadra avversaria, Trinchieri decide di chiamare il time-out, ma dopo il minuto di sospensione la situazione non migliora infatti Lo si fa stoppare lo jump shot da Seraphin, ma sul rimbalzo la palla giunge a Wright che realizza la tripla del -20 (27-47).

Su questo punteggio Alonso decide di chiamare il suo primo time-out, che non sortisce gli effetti sperati in quanto il Bamberg continua ad accorciare le distanze, ma nonostante ciò Trinchieri decide di fermare il gioco per correggere alcuni errori offensivi dei suoi. Dopo la pausa i padroni di casa si riportano sulle quattordici lunghezze di svantaggio (35-49), ed allora Alonso decide di richiamare il time-out, ma dopo il minuto di sospensione è ancora il Bamberg ad andare a segno con Mitrovic. La realizzazione dell'ala serba chiude questa frazione di gioco sul punteggio di 37-49.

Il terzo quarto si apre con il fallo antisportivo commesso da Seraphin su Rubit, il quale non solo segna dalla lunetta, ma nel possesso successivo mette a segno un tiro dalla media distanza. Barcellona risponde subito con la tripla realizzata da Hanga, poi nel possesso successivo Seraphin si riscatta stoppando in maniera efficace Mitrovic. Il momento positivo dei catalani prosegue con la tripla messa a segno da Moerman, il quale riporta i suoi sulla doppia cifra di vantaggio (48-59). Per evitare un nuovo allungo ospite, Trinchieri decide di chiamare il time-out, che sortisce gli effetti sperati, infatti Lo torna ad accorciare le distanze in favore dei suoi con un canestro da oltre l'arco. Nel possesso successivo anche Taylor va a segno da oltre i 6.75 metri, ed allora Alonso si vede costretto a fermare il gioco. Dopo la pausa Barcellona torna a segnare con Heurtel, che realizza la prima tripla della sua partita, ma dall'altra parte risponde subito Hickman con un canestro dal perimetro. La stessa guardia americana chiude il quarto con due liberi che valgono il 62-66. 

L'ultima frazione di gioco vede Seraphin andare subito a segno con un piazzato, ma dall'altra parte risponde Wright con la tripla del -3 (65-68). Un distacco immediatamente rimpinguato da Moerman, il quale va a segno da oltre i 6.75 metri, così come Wright che riporta i suoi ad un solo possesso di distanza. Le realizzazioni dal perimetro proseguono con Hanga, il quale induce Trinchieri a chiamare il time-out, che inizialmente non sortisce gli effetti sperati, in quanto Hickman si fa stoppare il tentativo di layup da Hanga, ma sul rimbalzo la palla giunge a Wright che con un semplice appoggio a tabellone porta in vantaggio i padroni di casa. A questo punto è Alonso a fermare il gioco, in modo da permettere ai suoi di riordinare le idee, che vengono concretizzate alla ripresa con il canestro della parità (77-77) siglato da Heurtel. Una situazione di equilibrio immediatamente dissolta da Taylor, il quale con una tripla riporta in vantaggio i suoi, che poi allungano con il canestro da dentro l'area realizzato da Zisis. I catalani sembrano subire il contraccolpo psicologico di questa realizzazione ed allora Alonso decide di chiamare il time-out, ma dopo il minuto di sospensione il punteggio non cambia. Nonostante ciò anche Trinchieri ritiene sia necessario fermare il gioco, ma dopo la pausa non accade nulla, con il Bamberg che può così festeggiare una incredibile vittoria per 84-81.