Semifinali, Milano guidata da uno strepitoso Gentile vince ed impatta la serie

Nella semifinale scudetto la Dinamo esce sconfitta 84-71 da gara 2 con l'EA7 e la serie torna in parità 1-1. Alessandro Gentile mvp del match, 25 punti per il capitano biancorosso

Semifinali, Milano guidata da uno strepitoso Gentile vince ed impatta la serie
EA7 Milano
84 71
Dinamo Sassari
EA7 Milano: Ragland, Brooks, Gentile 25, Gigli, Cerella 4, Melli 4, Kleiza, Elegar 6, Hackett 13, Samuels 14, Tabu, Moss 18
Dinamo Sassari: Logan, Sosa 18, Formenti 5, Sanders 11, Devecchi 1, lawal 3, Chessa, Dyson 13, Sacchetti, Vanuzzo 3, Brooks 6, Kadji 11

Milano questa volta non sbaglia: Dopo la sconfitta di gara 1 vince  84-71 sulla Dinamo Sassari al termine di una partita condotta per tutti i 40'. Il man of the match è  sicuramente Alessandro Gentile  caricato dall'espulsione di gara 1 chiude con 25 punti(molto bene anche Moss con 18 punti, Samuels ha dominato sotto canestrocon 14 punti e 12 rimbalzi, Hackett con 13) Non bastano a Sassari i 18 punti di Sosa, i 13 di Dyson e gli 11 a testa di  Sanders e Kadji. L’Olimpia come detto comanda dall’inizio alla fine e si prende gara 2  pareggiando sull’1-1 la serie con Sassari ed ora la sfida si trasferisce in Sardegna.

Parte forte Milano decisa di riscattare il passo falso di venerdì sera: Guidata dal trio Gentile- Hackett- Moss ( con il nativo di Chicago protagonista in attacco, con 9 punti nei primi sei minuti della partita) piazza un parziale di 15-0. Time out immediato di Sacchetti ma la Dinamo trova punti solo in lunetta, la squadra di Banchi  vola fino al +17 (27-10 al 9’).  Sassari si risveglia nel secondo quarto, aumenta l'intensità difensiva e Milano perde qualche sicurezza(  prova negativa di Keliza, Ragland e Brooks ). Sassari  strappa l'inerzia ai padroni e in un amen, trascinata da Sosa (il migliore tra i suoi), rientra in partita a -6: 29-23 a metà del quarto. Finale caldo (fischiati molti falli tecnici), ma la Dinamo rientra definitvamente in partita con la tripla di Vanuzzo allo scadere che manda tutti all'intervallo sul 42-35.

 Milano prova ad allungare ad inizio terzo quarto con Gentile che regala ai suoi una nuova doppia cifra di vantaggio (58-44 al 27’).  Sassari non molla, Kadji e Sosa provano a tenerla in gara, ma la squadra di Banchi scappa via definitvamente, ancora guidati dal capitano (71-55 al 33’) e nell'ultimo quarto gestisce il vantaggio riportandosi sopra di 16: gli isolani non riescono a cambiare l'inerzia ed alzano Bandiera Banca. Vince Milano 84-71. Sassari che  viene tradita da un Logan che chiude a 0 punti ben difeso dalla coppia Cerella- Moss. L’Olimpia comanda dall’inizio alla fine e si prende gara 2. La serie si sposta ora in Sardegna, con gara 3 e gara 4 in programma a Sassari martedì 2 e giovedì 4 giugno.