Basket, serie A: Trento soffre, ma regola Capo d'Orlando

La formazione di coach Buscaglia soffre l'intraprendenza dei siciliani, ai quali non bastano le grandi prove di Oriakhi e Bowers. Crisi che si allunga ancora per la formazione di coach Griccioli.

Basket, serie A: Trento soffre, ma regola Capo d'Orlando
Basket, serie A: Trento soffre, ma regola Capo d'Orlando

La Dolomiti Energia Trento passa, non senza qualche difficoltà, contro la Betaland Capo d'Orlando e può festeggiare un Natale sereno. Tutto il contrario di quanto accade in casa siciliana, con la sesta sconfitta consecutiva e il ruolo di fanalino di coda che si avvicina sempre di più, anche se la caduta in extremis di Torino sul parquet di Brindisi.

Oltre a capitan Nicevic e al capocannoniere di squadra Jasaitis, coach Griccioli perde anche Tommy Laquintana, costringendo Ilievski agli straordinari. Il primo quarto si gioca su ritmi molti alti, la Betaland non ci sta a fare la vittima sacrificale e prova a giocare punto a punto con i padroni di casa, che con Sanders prova a partire subito forte. È Bowers a rispondere per le rime all'americano della Dolomiti Energia, con il primo quarto che si chiude sul 19-16 in favore dei padroni di casa. Alla ripresa delle ostilità, Trento prova ad allungare nuovamente, grazie a Wright e Poeta, ma dall'altra parte ci pensa Oriakhi a rispondere con grande energia sia a rimbalzi che alla voce punti. Bowers tenta di ricucire ulteriormente lo strappo, ma ci pensano Lockett e Baldi Rossi a mantenere il vantaggio per i padroni di casa, anche se la Betaland chiude a una incollatura di vantaggio (41-39).

Si torna dagli spogliatoi con l'Orlandina che opera il primo sorpasso della serata, ma ci pensa ancora Lockett a firmare la tripla del pareggio a quota 44. Trento inizia a difendere in maniera più tosta, e per gli ospiti iniziano i problemi nel rimanere a contatto: tornano a segnare Wright e soprattutto Sanders, per il primo tentativo di fuga della Dolomiti Energia, con Bowers che prova a rintuzzare. Ma le rotazioni decisamente corte degli ospiti aiutano i padroni di casa ad allungare, grazie alla prima tripla di serata di Flaccadori e ai quattro tiri liberi in fila di Pascolo. Si va all'inizio dell'ultimo quarto con Trento in vantaggio 58-50, ma la fuga degli uomini di coach Buscaglia prosegue inesorabile, fino alla gran giocata di Sutton che vale il +17 (67-50) e la chiusura virtuale dei giochi. Capo d'Orlando non ci sta, infila un parziale di 11-2 che sembra riaprire la partita, ma la Dolomiti Energia gestisce bene il finale di gara e chiude la serata nel migliore dei modi. Il finale recita 74-63 per i trentini, che possono accogliere con serenità l'arrivo del Natale.

DOLOMITI ENERGIA TRENTO-BETALAND CAPO D'ORLANDO 74-63 (19-16; 41-39; 58-50)

TRENTO - Poeta 2, Sanders 16, Pascolo 10, Baldi Rossi 10, Forray, Lofberg, Flaccadori 6, Sutton 4, Lochett 14, Lechtaler 2, Wright 10.

CAPO D'ORLANDO - Galipò, Stojanovic 5, Ihring, Basile, Ilievski 5, Laquintana, Perl 7, Albo, Bowers 30, Metreveli 2, Vujicevic, Oriakhi 14.