Basket, Serie A - La JuveCaserta batte un colpo: presa l'ala americana Raphiael Putney

La società bianconera ingaggia nel ruolo di 'ala grande' il nativo della West Virginia, protagonista nell'ultima Summer League di Las Vegas con la maglia dei Cavs.

Basket, Serie A - La JuveCaserta batte un colpo: presa l'ala americana Raphiael Putney
JuveCaserta: Presa l'ala americana Raphiael Putney.

La Juvecaserta Pasta Reggia comunica di aver sottoscritto un contratto con l’atleta Raphiael Putney, ala di nazionalità americana di 206 cm. Nato in West Virginia il 21 aprile 1990, dopo aver frequentato l’High School di Woodbrige, ha disputato il campionato NCAA con la Massachusetts University, dove è stata una presenza fissa nello starting five. Nell’ultimo anno universitario (2013/14) in 32 partite ha avuto una media di 8,9 punti e 5,3 rimbalzi tirando con il 55% da 2, il 32,2 da 3 ed il 75% ai liberi. Nella stagione successiva è stato protagonista in D-League con la formazione del Rio Grande Valley Vipers  nelle cui fila ha disputato 23 partite tirando con il 54% da 2, il 43% da 3 ed il 71% ai liberi. Ha, poi, concluso la stagione in Australia con il BQQ Redbacks (9 partite, 19,3 punti e 10,9 rimbalzi di media).

La stagione 2015/16 l’ha visto indossare nuovamente la maglia del Rio Grande Valley Vipers (48 partite con una media di 17,2 punti e 8,1 rimbalzi ) per poi trasferirsi in aprile in Venezuela nella formazione del Guaiqueries de Margarita con cui ha disputato 6 partite con una media di 15 punti a gara. Il mese scorso è stato tra i protagonisti della Summer league di Las Vegas dove è giunto in semifinale con la maglia dei Cleveland Cavaliers: in 9 partite ha fatto registrare una media di 9,9 punti (con il 44% nel tiro da 3) e 4,6 rimbalzi. Nella stagione 2015/16 con la sua squadra si è laureato campione della Soutwest Division ed è stato selezionato per l’All Star Game della D-League.

Cosi coach Sandro Dell’Agnello presenta il nuovo bianconero: "Raphiael Putney credo sia un giocatore molto intrigante. Leggero ma agile e veloce nonostante l’altezza, sarà un’arma in attacco per aprire il campo con il suo tiro da tre, che negli anni è diventato molto affidabile, ed allo stesso tempo per correre grazie al suo dinamismo; caratteristiche, queste, che potrebbero essere importanti anche in difesa. E’ alla prima esperienza europea e quindi gli servirà un po’ di tempo per capire come si gioca qui, ma l’ho sentito pochi giorni fa ed è molto eccitato all’idea di venire a giocare da noi".