Legabasket - Lezione di basket al Taliercio: Venezia massacra Cantù (93-72)

Grande prestazione degli orogranata, che faticano solo nei primi dieci minuti, per poi surclassare Cantù nei restanti tre quarti. Peric MVP con ventisette punti. Venezia consolida il secondo posto in classifica.

Legabasket - Lezione di basket al Taliercio: Venezia massacra Cantù (93-72)
REYER VENEZIA
93 72
RED OCTOBER CANTU'

La Reyer Venezia consolida il secondo posto in classifica, aprendo nel migliore dei modi il girone di ritorno, con una netta vittoria su Cantù, con il punteggio di 93-72. Da sottolineare la prova monstre dell’ala croata Hrvoje Peric che manda a referto ventisette punti, sette rimbalzi e quattro palle rubate, ben coadiuvato da Haynes ed Ejim, con trentatrè punti in due. Per Cantù si salvano solo JaJuan Johnson e Dowdell, mentre la classifica biancoblu è tutt’altro che tranquilla: dodici punti, quattro in più dal fondo della classifica, mentre Venezia riprende l’inseguimento a Milano.

Parte benissimo Cantù, sospinta dai punti di Johnson e Dowdell che siglano il 3-11 iniziale dopo tre minuti di gioco, con il solo McGee ad andare a referto per gli orogranata. A metà quarto, Peric e McGee limano il divario, riportando i veneti sul 7-11, tuttavia Pilepic e Calathes sono precisi dall’arco e firmano il +10 a due minuti dalla sirena (9-19). Bramos esce dai blocchi e firma il -7 con una tripla che vede solo la retina, per poi trovare i due punti conclusivi dalla lunetta, fissando lo score di 16-23 alla prima sirena. Positivo l’impatto di Filloy ad inizio secondo periodo che serve l’assist ad Ejim e poi segna per il -3 dopo due minuti (20-23). Il canadese in divisa orogranata è scatenato e sigla altri cinque punti consecutivi che valgono il +1 veneto (26-25), ma Dowdell e Johnson replicano con il controbreak di 6-0, per il 26-31 a metà quarto. Ejim passa il testimone ad Haynes che si prende tutta la scena a suon di triple e riporta avanti i suoi, mentre Peric chiude il primo tempo con sei punti consecutivi, sul punteggio di 43-38 per Venezia.

Al ritorno sul parquet, Johnson prova a mettere pressione ai lagunari con una tripla, ma Peric e Haynes riprendono da dove avevano lasciato: sette punti per il duo e Venezia vola sul +9 a sette minuti dalla fine del terzo periodo (50-41). Dopo il canestro di Darden, l’Umana si porta sulla doppia cifra di vantaggio grazie ad un irreale Peric che mette diciotto in tre quarti e i veneti volano sul 56-43 a metà periodo. I brianzoli sono totalmente in balia della Reyer che aumenta il divario, toccando i venti punti di scarto (67-47) a poco più di un minuto dalla terza sirena, grazie ai punti di McGee ed Ejim che danno il cambio a Peric e Haynes. Il terzo quarto finisce 70-51. Gli ultimi dieci minuti sono puro garbage time, l’Umana arriva a toccare il +23, con il solito Peric immarcabile per i lunghi canturini (83-60), mentre sul finale trova la gloria il giovane Miaschi con due punti e la Reyer chiude sul 93-72.