EA7 Milano - Enel Brindisi, Final Eight 2017 Coppa Italia basket (77-75)

EA7 Milano - Enel Brindisi, Final Eight 2017 Coppa Italia basket (77-75)
Fotomontaggio Vavel | Andrea Mauri
Milano
77 75
Brindisi

Per oggi, da parte di Giorgio Dusi e tutta la redazione di Vavel Italia, è tutto: vi rimandiamo ai nostri canali social per rivedere il tiro che ha deciso questa bellissima gara, giocata a ritmi altissimi e vinta dalla più forte, nonostante diverse peripezie e una Brindisi che non ha demeritato. Milano è in semifinale contro Reggio Emilia.

Il boxscore.

L'equilibrio è perdurato finchè l'assoluto protagonista di questo finale di partita, Milan Macvan, ha deciso di romperlo. Prima la tripla che ha rimesso avanti Milano, poi, dopo il pareggio di Scott, il suo tap-in sull'errore di McLean, che ha provato un fadeaway quasi impossibile sull'assist di Sanders.

FINE 4Q, 77-75 - IL TAP-IN DI MILAN MACVAN, IL TAP-IN DI MILAN MACVAN!!!!!! VINCE MILANO, SULLA SIRENA, COL TAP-IN DI MILAN MACVAN!!!!

4Q 0.04, 75-75 - SCOOOOOOOOOTT!!!! LA PAREGGIA A QUATTRO SECONDI!!!! Non prende la tripla sulla quale milano stava difendendo, trova il corridoio interno e il teardrop entra!! Ultimo possesso Milano ora!!! 

4Q 0.17, 75-73 - DUE LIBERI MACVAN dopo una serie di errori, di Brindisi in particolare: tripla aperta mancata da M'Baye, a seguito di una palla non tenuta da Carter, il quale non ha chiuso il pick'n'roll con Moore. 

4Q 1.00, 75-73 - MILAN MACVAN! LA TRIPLA! Esplode il lato di Polo riservato ai meneghini. Kalnietis cercava spazio probabilmente per attaccare, partendo dal pick'n'roll con McLean, ha poi pescato Macvan con i piedi a posto: il serbo non se lo fa ripetere e tira: dentro.  

4Q 1.14, 72-73 - Ancora punteggio bloccato, il tiro di M'Baye finisce lungo e il rimbalzo non è preda di nessuno. Rimessa Milano, ma solo dopo il timeout. 

4Q 2.00, 72-73 - Clamoroso 0/2 di Sanders in lunetta, altrettanto clamoroso errore di Goss da questa parte! 

4Q 2.33, 72-73 - Arriva anche il sorpasso, sempre con Goss, dalla lunetta!

4Q 3.00, 72-71 - TRIPLA DI GOSS SULLA SIRENA! Brindisi prova a ritrovare l'inerzia!!

4Q 3.30, 72-68 - Sale in cattedra Mantas Kalnietis! Prima esegue e manda a bersaglio il jumper dal mezzo angolo, poi riceve sul taglio e appoggia facile. Milano avanti.

4Q 4.30, 68-68 - Centodieci secondi senza canestri, ancora a confermare la solita solfa: tra poco la resa dei conti, intanto, timeout in campo. Qualche errore di troppo in attacco, soprattutto forzature.

4Q 6.20, 68-68 - E ancora, ancora: McLean appoggia il +2, M'Baye indovina il fadeaway del pareggio. E sempre parità.

4Q 7.19, 66-66 - Di nuovo equilibrio totale che non accenna a smuoversi eccessivamente.

4Q 8.05, 65-64 - Un'altra schiacciata, un altro urlo di Agbelese: simbolo di una Brindisi che non vuole mollare.

4Q 9.00, 65-61 - E' un'altra Milano (per ora): long two di Dragic, poi il taglio di Fontecchio letto e servito da McLean dal post.

E SI PARTE PER L'ULTIMO E DECISIVO QUARTO.

FINE 3Q, 61-61 - L'inchiodata e l'urlo di Agbelese per chiudere il terzo quarto! Parità quasi totale, il vantaggio non ha mai superato quota tre punti. Dopo essersi divise i due quarti del primo tempo, le squadre si spartiscono la posta anche nel terzo, dominato per larghi tratti da Carter, uomo di maggior impatto per Brindisi.

3Q 0.30, 59-59 - Di nuovo parità, ma affiora nervosismo sulla panchina di Milano: Macvan esce da una lotta a rimbalzo con un taglio sulla fronte e deve lasciare la partita, per il momento.

3Q 1.26, 57-57 - Antisportivo a Raduljica! La partita in questo momento è però monopolizzata da Carter: sei punti in fila e una sonora stoppata nella propria metà campo. Milano accusa nuove difficoltà.

3Q 3.15, 55-55 - Di nuovo Carter, ma che assist dietro  la schiena di Donzelli! Una perla!

3Q 3.40, 55-53 - SI gioca dentro l'area: apre Carter, risponde Raduljica con un ottimo movimento.

3Q 4.33, 53-51 - Sempre ritmi alle stelle, faticano però gli attacchi a trovare il ferro. Il parziale nel quarto è 8-7. Insolita piattezza.

3Q 5.50, 51-50 - Cambiano i volti sul parquet, Brindisi accorcia con due tiri liberi.

3Q 6.40, 51-48 - PARZIALE MILANO! McLean lo timbra con una sontuosa affondata a due mani. L'inerzia della gara gira abbastanza.

3Q 8.03, 45-48 - M'Baye prima, Scott poi! Ribalta così le gerarchie Brindisi. Non si sblocca Milano. 

3Q 8.48, 45-44 - Non un inizio di quarto da sogno per i due attacchi. Errori banali da ambo le parti.

21.49 - Tempo di sgombrare il campo e ricominciare a giocare. Si riparte dal +1 Milanese, 45-44.

21.47 - Shootaround all'intervallo, 

21.40 - Il top scorer è ancora Sanders, a quota 12, mentre Moore e M'Baye dall'altra parte stazionano a quota 10. Nove per Carter. Milano nel secondo quarto ha tirato 0/6 dalla lunga, mentre in Area ha concluso con un ottimo 7/9. Quattro assist per un Kalnietis on fire.

21.38 - Primo quarto con un uomo solo al comando, Rakim Sanders, secondo più equilibrato, con Brindisi che è risalita alla grande sfruttando un calo di concentrazione dei meneghini. Il punteggio rispecchia i valori in campo, specialmente offensivi: le difese sono spesso state vittime, quella di Brindisi dell'intensità dell'EA7, quella di Milano della spregiudicatezza dei pugliesi, i quali si sono presi tiri anche difficili, mandandoli a segno.

FINE 2Q, 45-44 - Ancora Dada Pascolo! Risolve lui un possesso che si sembrava complicare. Milano chiude avanti un primo tempo che l'ha vista funzionare a rilento nel secondo quarto, dopo aver dominato ampiamente nel primo.

2Q 0.40, 43-42 - Ristabilisce le gerarchie l'Olimpia: Pascolo coi due liberi e con recupero più assist per Dragic!

2Q 1.30, 39-42 - Un libero di Scott, un semigancio di Mbaye: Brindisi mette la freccia ed è avanti per la prima volta in questa partita!

2Q 1.43, 39-39 - Di nuovo il Time-Out per Repesa, ottimo impatto sulla gara per Carter, determinante in questo momento della partita.  

2Q 2.35, 39-37 - Sanders spende il secondo fallo, mentre per Brindisi rientrano Scott e Carter.

2Q 3.30, 39-35 - ANCORA KALNIETIS, che assist! Stavolta è McLean a fuggire e affondare.

2Q 4.00, 37-35 - Il manuale del contropiede a cura di Kalinetis e Sanders: appoggia il 21, 12 nella partita per lui.

2Q 4.50, 35-35 - MOORE! PARI 35! Che inizio di Brindisi, che inizio! Tripla del numero 11.

2Q 5.31, 35-32 - Hickman arriva al ferro e Meo Sacchetti risponde con il time-out immediato. I suoi sono a contatto grazie a un parziale di 14-5.

2Q 5.50, 33-32 - L'inerzia è nettamente girata, ora l'EA7 fatica un po' più del dovuto in attacco. Fallo in attacco di Sanders.

2Q 6.48, 33-32 - Phil GOSS! In contropiede, è una bolgia Rimini! Tantissimi i tifosi brindisini presenti.

2Q 7.24, 33-30 - Di nuovo Raduljica al ferro, di nuovo i pugliesi che accorciano, con Goss! Timeout per Repesa, l'Enel sta riconquistando terreno. Ritmi a tratti insensati.

2Q 8.01, 31-25 - Tripla di Scott, di puri attributi! Brindisi alza l'intensità della difesa, ma Raduljica riesce a portarsi a casa il ferro.

2Q 9.00, 28-22 - Buon avvio di Brindisi in questo secondo tempo, 4-0 di parziale per riportarsi a -6, con Scott buon protagonista. 

FINE 1Q, 28-18 - Aumenta il vantaggio dell'Olimpia! Cinciarini, su una palla rubata da Fontecchio, corre il campo e appoggia i due che valgono il +10. Brindisi prova a stare in partita prendendosi buoni tiri, ma soprattutto fondando il proprio attacco sul talento degli americani, ma non riesce a stare ai ritmi di Milano. Che, infatti, corre e scappa, anche nel punteggio. 

1Q 0.50, 25-18 - Milano corre alla grande il campo, due appoggiati al tabellone per Dragic in scioltezza.

1Q 1.06, 23-17 - Entrato Raduljica, catalizza gli attacchi milanesi: 1/2 in lunetta, poi infrazione di passi per lui.

1Q 1.39, 22-17 - Milano va a ritmi folli, ma Brindisi non perde il passo, con la bomba di Mbaye! 

1Q 2.37, 20-12 - Macvan fa 0/2 in lunetta, ma si riscatta alla grande col semigancio ancora prendendosi il centro dell'area.

1Q 3.35, 18-12 - La bomba di Carter per dare ossigeno all'Enel, i problemi sono però nell'altra metà campo.   

1Q 4.15, 16-7 - ANCORA SANDERS, già dieci punti: terza tripla della sua partita, per ora un cecchino!

1Q 4.49, 13-7 - Ancora molto bene McLean spalle a canestro, quattro punti per l'ex Alba.

1Q 5.38, 11-6 - Cerca di essere più aggressiva Brindisi ora, soprattutto nella metà campo offensiva.

1Q 6.23, 11-4 - Macvan si prende il centro del pitturato lavorando in post, allunga già Milano.

1Q 6.55, 6-2 - Un passaggio a vuoto per parte, poi Scott trova il secondo ferro con l'arresto. Dall'altra parte, incontenibile Sanders.

1Q 9.00, 6-2 - Di nuovo lui, di nuovo l'MVP delle scorse Final Eight, ancora dalla lunga per rispondere ai due liberi di Mbaye.

1Q 9.34, 3-0 - Si alza Sanders per i primi tre punti della contesa. 

20.50 - PALLA A DUE ALZATA, SI COMINCIA A FARE SUL SERIO!

20.48 - I quintetti:
Brindisi:
Moore, Scott, Cardillo, Robert Lawrence, Mbaye.
Milano: Kalnietis, Hickman, McLean, Macvan, Sanders.

20.43 - Le squadre al centro del campo per l'inno nazionale.

20.38 - Il match-sheet per questa seconda gara.

20.35 - Meno di dieci minuti alla palla a due della seconda semifinale, la strafavorita Milano (priva di Simon) affronta Brindisi.

20.15 - Comincia ora il riscaldamento delle due squadre.

20.10 - Tra poco più di mezz'ora la palla a due tra Milano e Brindisi. Ad aspettare la vincente di questo match c'è Reggio Emilia, che nell'opening match di queste Final Eight 2017 ha battuto Capo d'Orlando per 63-61.

Buona giornata a tutti i lettori di Vavel Italia da parte di Giorgio Dusi. Ci troviamo a Rimini, per seguire insieme le PosteMobile Final Eight 2017. Questa è la sera della regina, dell'Olimpia Milano, che affronta Brindisi per guadagnarsi un posto in semifinale.

Il roster meneghino parte, come di logico, con tutti i favori del pronostico dalla propria parte: il tasso tecnico su cui può contare è nettamente maggiore rispetto a quello delle altre concorrenti, ma gli uomini di Repesa non devono dare nulla per scontato, specialmente in gare secche.

Dada Pascolo.
Dada Pascolo.

La prima avversaria che si trova di fronte l'EA7 è Brindisi, la quale ha rischiato di perdere il proprio posto nelle Final Eight con due sconfitte al termine del girone d'andata. Il prezzo da pagare è il vedersela con la squadra più forte del lotto, ma la banda di Sacchetti è pronta a vender cara la pelle.

L'uomo in cui sono riposte le speranze dell'Enel è soprattutto Amath Mbaye, secondo miglior marcatore del campionato di Serie A con 19,3 punti a partita, secondo solo a Landry (20,2). Lo sforzo più grande però Brindisi dovrà farlo in difesa, per contenere l'esplosivo attacco rossobianco.

Amath Mbaye
Amath Mbaye

Attualmente i pugliesi fanno registrare un record negativo, pari a nove vittorie e dieci sconfitte, che li piazza in piena lotta per un posto nei playoff con altre sette squadre, dalla sesta posizione in giù. Ciò che per ora è mancato a Brindisi è la continuità: mai in stagione ha inanellato tre vittorie in fila.

I filotti non sono invece un problema per Milano, almeno in Legabasket Serie A. L'avvio di stagione delle Red Shoes si è contraddistinto da un netto 10-0, fermato solo da una enorme Venezia. Le altre due sconfitte per i ragazzi di Repesa sono arrivate poi a Reggio e Avellino.

Kruno Simon in azione nella gara d'andata.
Kruno Simon in azione nella gara di campionato.

Il 16-3 totale è comunque significativo per testimoniare la superiorità della squadra, anche se probabilmente, analizzando semplicemente il lato tecnico, anche quelle tre débacle potevano essere tranquillamente evitate.

Il coach potrebbe aver però fatto tesoro di quelle L così dure, soprattutto possono essere state utili per ricordare alla propria squadra che nulla è scontato, specialmente, come anticipato, in competizioni di questo tipo, decise a eliminazione diretta e su match secchi.

Andrea Cinciarini, capitano dell'Olimpia
Andrea Cinciarini, capitano dell'Olimpia

Milano si presenta al completo a Rimini, ma con il solito dubbio relativo a Krunoslav Simon, ormai da tempo alle prese con problemi alla schiena che lo stanno limitando. Nonostante questo, il croato è comunque il miglior marcatore dell'Olimpia in campionato, nonostante la forza dei meneghini risieda soprattutto nella completezza e nella lunghezza del roster.

L'unico precedente tra le due compagini, risalente al 18 dicembre 2016 (dodicesimo turno), deve essere un monito per l'EA7: in quell'occasione fu necessario aspettare il quarto quarto per piazzare il parziale decisivo per conseguire poi la vittoria finale.

Mbaye e Sanders duellano sotto canestro.
Mbaye e Sanders duellano sotto canestro.