Legabasket Serie A, tutti i movimenti di mercato delle 16 squadre

L'ingaggio di Chris Burns da parte di Cantù (che per il momento affida la squadra a Marco Sodini) e di Quinton Stephens da parte di Torino sono i principali movimenti di mercato dell'ultima settimana. Analizziamo le 16 rose con tutti i movimenti di mercato finora ufficializzati.

A poco più di un mese dall'inizio della stagione 2017/2018  (il primo capitolo sarà scritto da Venezia, Trento, Milano e Sassari che si contenderanno la Supercoppa il 23 e 24 settembre), le 16 squadre sono quasi pronte a sfilare sui nastri di partenza. Mancano ancora pochi ritocchi, poche caselle da riempire, su tutta spiccca quella dell'allenatore in casa Cantù. Neanche quest'anno è arrivata la stella di primissima grandezza, speriamo di sopperire con i buoni giocatori ingaggiati e con l'esplosione dei tanti rookie ingaggiati direttamente dai college americani.  

A prima vista, ci aspetta una Serie A abbastanza competitiva ma con un ampio divario tra le squadre di prima e seconda fascia. Squadra per squadra, analizziamo gli ingaggi e le conferme delle 16 formazioni.

EA7 Emporio Armani Milano

Partenze: Simon (Efes), Sanders (Barcellona), Raduljica (Jiangsu), Hickman (Brose), McLean (Olympiacos), Macvan (Bayern)
Conferme: Fontecchio, Pascolo, Cerella, Cinciarini, Abass, Tarczewski
Arrivi: Goudelock (Maccabi Tel Aviv), Theodore (Banvit), Bertans (Darussafaka), Micov (Galatasaray), M'Baye (Brindisi), Young (Olympiacos), Cusin 8Avellino), Jefferson (Alaska Aces)

L'ingaggio di Marco Cusin ha chiuso un mercato veloce e al tempo stesso di primo livello, sintomo di una dirigenza finalmente con le idee chiare chiamata a cancellare l'orribile 2016/2017. L'immancabile repulisti è partito dalla panchina e ha interessato tutto il roster. Milano ha da subito avuto le idee chiare sul tipo di giocatori su cui puntare, ed è stata la prima squadra a completare la rosa. In panchina, si punta su Simone Pianigiani, reduce dalla sorprendente vittoria nel campionato israeliano. I colpi a ripetizione messi a segno dopo l'ingaggio dell'ex coach della Nazionale lasciano fanno di Milano non solo la strafavorita alla vittoria del prossimo scudetto,  ma anche un'outsider a livello di Eurolega. Il fiore all'occhiello è sicuramente Andrew Goudelock, macchina da canestri nel pieno della maturità che da anni si mette in evidenza come uno dei migliori realizzatori a livello europeo. In cabina di regia, palla affidata alle mani sicure di Jordan Theodore, mvp dell'ultima Champions League e 7.5 assist di media nel campionato turco. Esperienza e tiro da 3 sono le credenziali con cui si presenta Dairis Bertans, che ha chiuso l'ultima Eurolega col 50% (33/66) nel tiro da 3. Dopo 5 anni trascorsi tra CSKA e Galatasaray, torna in Italia Vladimir Micov. Il reparto lunghi, completato da Marco Cusin, è caratterizzato dal forte atletismo: accanto al confermato Tarczewski, Milano punta sull'ex brindisino M'Baye, un fattore in attacco ma rivedibile in difesa, su Patrick Young, un atletone che ha avuto poco spazio nelle 2 annate trascorse in maglia Olympiacos, e su Cory Jefferson, un'ala con una buona mano alla prima esperienza europea dopo tanta D-League e scampoli di NBA.

Sidigas Avellino

Partenze: Cusin (Milano), Severini (Forlì), Ragland (Lokomotiv), Randolph (Sassari), Logan (Strasburgo), Obasohan (Oettinger), Thomas (Banvit), Jones (Sassari), Green
Conferme: Fesenko, Parlato, Leunen, Zerini
Arrivi: Rich (Paris-Levallois), Wells (Oklahoma City Blue), Scrubb (Giessen), Filloy (Venezia), Fitipaldo (Galatasaray)

Potrebbe arrivare un gettonaro per ovviare alla temporanea assenza di Kyrilo Fesenko, che dopo la conferma si è fatto male con la Nazionale, è stato costretto a operarsi al menisco e ne avrà per 6/8 settimane. La conferma dell'ucraino, preceduta da quella del di Leunen, ha  reso meno pesante gli addii di Ragland (900 mila dollari garanti dal contratto firmato col Lokomotiv Kuban), Logan (ha firmato con Strasburgo), del santone Green oltre che di Randolph e Thomas, anche perché i loro sostituti sono di ottimo spessore. Il duo Alberani-Sacripanti si è infatti assicurato le prestazioni di Bruno Fitipaldo, entusiasmante nella parentesi a Capo d'Orlando prima di passare al Galatasaray, e di Ariel Filloy,  scudettato con Venezia e autore del canestro che di fatto è stato decisivo nella semifinale proprio contro i biancoverdi e attualmente  impegnato con la Nazionale di Messina. Il reparto piccoli è completato da Jason Rich, già visto in Italia con Cantù e Cremona e reduce da un ottimo campionato con Paris-Levallois, e da Dezmine Wells, che nella scorsa stagione in Grecia si è messo in luce con una prestazione monstre contro l'Olympiacos. Da scoprire Thomas Scrubb, canadese con passaporto inglese dotato di buone qualità difensive.

Umana Venezia

Partenze: Filloy (Avellino), Ejim (Unics), Hagins (Afyon), Visconti (Verona)
Conferme: Haynes, Bramos, Peric, Stone, Ress
Arrivi: Orelik (Banvit), Biligha (Cremona), Watt (Caserta / Al Ahli), Johnson (Varese / Lhasa), De Nicolao (Reggio Emilia), Bolpin (Recanati)
Non è ancora arrivato a una svolta il caso Stone: il giocatore accusa la società di scarsa empatia a seguito della malattia del padre, l'Umana nega e ribatte alludendo a possibili contatti con franchige NBA. Venezia si è comunque mossa bene, confermando l'ossatura della scorsa stagione e migliorando nei ruoli più scoperti. Interessante la scelta fatta sotto le plance, dove sono stati acquisiti Biligha da Cremona e uno dei migliori americani dell'ultima stagione, Mitchell Watt da Caserta. Grosso innesto nello spot di ala piccola: Gediminas Orelik è tra il meglio che il mercato comunitario offre nel ruolo, come gli anni col Lietuvos Rytas e la scorsa stagione al Banvit hanno ampiamente dimostrato. Da Reggio Emlia è arrivato De Nicolao, ma la ciliegina sul mercato dell'Umana è l'acquisizione di Dominique Johnson, bomber che nella scorsa stagione ha risollevato Varese viaggiando a oltre 17 punti di media (23 e 20 contro Venezia) e che nelle ultime settimane si è tenuto "caldo" in Cina, segnando 35 punti di media in 13 partite 

Banco di Sardegna Sassari

Partenze: Monaldi (Pesaro), Lawal (Karesi), Sacchetti (Brescia), Olaseni (Orleans), Lacey (Lokomotiv), Lighty (Asvel), Carter (Limoges)
Conferme: Devecchi, Stipcevic
Arrivi: Pierre (Braunschweig), Spissu (Virtus Bologna), Randolph (Avellino), Hatcher (Partizan), Planicic (Gran Canaria), Polonara (Reggio Emilia), Jones (Avellino), Bamforth (Bilbao), Tavernari (Siena), Picarelli (Jesi)

Pronto a tempo di record il roster della Dinamo, che si è mossa con largo anticipo sul mercato, piazzando colpi importanti a tempo di record. L'esperienza, della scorsa estate, quando si era perso troppo tempo aspettando giocatori poi andati altrove, è servita. L'asse play-pivot sarà formato da William Hatcher, 33enne che ha giocato in mezza Europa (ultimo anno con olttre 15 punti e 4 assist di media in Adriatic League con Belgrado) e Darko Planicic, che avrà la grande occasione di esprimere tutto il potenziale che qualche anno fa l'aveva portato a firmare con Maccabi Tel Aviv.  Due arrivi da Avellino, che offrono atletismo e presenza sottocanestro: Levi Randolph e Shawn Jones. Dal campionato tedesco arriva  Dyshawn Pierre, ottimo rimbalzista nonostante non arrivi ai 2 metri, mentre potrebbe rappresentare un vero affare l'ingaggio di Scott Bamforth, reduce da 4 stagioni in Liga Endesa, l'ultima (con Bilbao) chiusa a quasi 15 punti di media col 50% da 3. Sassari si è anche accaparrata Achille Polonara, che lascia Reggio dopo 3 stagioni. Confermato Stipcevic, il roster è stato completato con gli ingaggi di Marco Spissu (reduce dalla vittoria della  seconda lega con la Virtus Bologna), dell'esperto Tavernari e dei giovani Picarelli e Bucarelli. 

Betaland Capo d'Orlando

Partenze: Diener (Cremona), Archie (Bnei Hertzeliyya), Iannuzzi (Torino), Kikowski (Szczecin), Laquintana (Pistoia), Tepic (Brindisi), Perl (Treviso)
Conferme: Ihring, Delas
Arrivi: Talton (Cretan Kings), Edwards (Alba), Inglis (Westchester Knicks), Wojciechowski (Cremona), Kulboka (Brose), Strautins (Reggio Emilia), Donda (Trieste), Alibegovic (Torino), Marco Laganà (Urania Milano)
Non ha fretta l'Upea, abituata a sorprenderci con scelte ponderate e mai banali, come per esempio  l'ingaggio di Kim Hughes, che è stato in NBA come allenatore e come giocatore, nel ruolo di Player Deveopment Coach.Ormai sappiamo che, in un modo o nell'altro, riuscirà a stupirci. Dopo gli ingaggi del 19enne lituano Arnoldas Kukboka, di Wojciechowski da Cremona, è arrivata una coppia di guardie americane.  Alla firma del play Gary Talton, 27enne texano che, dopo 3 anni in D-League, nell'ultimo anno ha segnato 11 punti di media (col 40% da 3) e smazzato oltre 4 assist a partita nel campionato greco, è seguita quella di Justin Edwards, un tiratore che si è messo in luce in Europe Cup con la maglia ungherese dell'Alba Fehervar, andando sempre in doppia cifra nelle 12 gare disputate. Potrebbe essere un colpaccio l'ingaggio di Damien Inglis, 22enne ala francese scelta nel draft 2014 dai Bucks, con i quali ha disputato una manciata di gare prima di finire in D-League. Negli ultimi giorni sono arrivati Mirza Alibegovic (oltre 7 punti di media a Torino) e il giovane Matteo Laganà, oltre alla conferma di Delas.

Dolomiti Energia Trento
Partenze: Moraschini (Mantova), Hogue (Pinar Karsiyaka), Craft (Monaco), Lovisotto (Agrigento)
Conferme: Shields, Gomes, Sutton, Conti
 Arrivi: Gutierrez (Trabzonspor), Behanan (Kia Picanto), Silins (Telekom Bsk), Franke (KKZadar).
L'ingaggio di Yannick Franke, 21enne guardia nel giro della Nazionale olandese, completa per il momento il mercarto di Trento. Insieme a coach Buscaglia, la finalista dello scorso campionato ha confermato  3 giocatori: Shields, Gomes e soprattutto Sutton. Altrettanti sono, al momento i volti nuovi. Dopo Ojars Silins, già visto a Reggio Emilia, e Chane Behanan, un'ala dal curriculum non certo appariscente (ha giocato in Messico, Porto Rico, Filippine e D-League senza numeri impressionanti, ma Trento ci ha dimostrato con i fatti che raramente sbaglia una scelta) è stato ingaggiato il play messicano Jorge Gutierrez.  Ottimo passatore (oltre 5 punti di media nell'ultimo campionato turco), Gutierrez ha giocato anche in NBA con Nets, Hornets e Bucks

New Basket Brindisi
Partenze: Sgobba (Biella), M'Baye (Milano), Carter (Lietuvos Rytas), Agbelese (Pau Orthez), Spanghero (Tortona), Scott (Torino) Moore (Nanterre), Pacifico (Matera)
Conferme: Cardillo
Arrivi: Barber (Greensboro Swarm), Oleka (State Coll. Florida), Suggs (Manresa), Tepic (Capo d'Orlando), Giuri (Caserta), Georgi Sirakov (Scandicci).
Sta prendendo forma la nuova Brindisi, che sarà guidata da coach Dell'Agnello. E' Georgi Sirakov, italo-bulgaro con una lunga esperienza nelle minors italiane, l'ultimo ingaggio. Dopo  Obinna Oleka, ala appena uscita da Arizona State, e Milenko Tepic, 8 punti di media con Capo d'Orlando, il mercato di Brindisi ha subito un'accelerata nella prima settimana di agosto, con l'ingaggio di 3 giocatori. Marco Giuri segue Dell'Agnello dall'esperienza casertata; nuovi per il nostro campionato sono invece i due americani: Scott Suggs, un'ala che ha discretamente figurato in Francia e Spagna, e Anthony Barber, una giovane point guard nell'ultima stagione in D- League che nell'ultimo anno di College, a North Carolina State, ha chiuso a 23 punti di media. 

Fiat Torino
Partenze: White (Gaziantep), Vitale (Ravenna), Harvey, Wilson (Brose Bamberg), Wright, Alibegovic (Capo d'Orlando)
Conferme: Parente, Poeta, Mazzola
Arrivi: Scott (Brindisi), Garrett (Toyota Alvark), Mbakwe (Zenit), Jones (Prievidza), Washington (Cremona), Patterson (Aguada), Iannuzzi (Torino), Stephens (Georgia Tech).
Le ambizioni di Torino si sono concretizzate nelle scelte di mercato, che consegnano a coach Banchi il roster per puntare playoff mancati nella scorsa stagione. Antonio Iannuzzi è reduce dalla bella stagione con Capo d'Orlando; Durand Scott è stato altalenante  a Brindisi, ma ha comunque chiuso l'annata con quasi 15 punti di media; tutto da scoprire è invece Diante Garrett. Play di oltre 195 cm, 18 partite in maglia Suns nel 2013, ha fatto molto bene 2 anni fa in Israele (18 punti e 6 assist di media), mentre nella scorsa stagione ha giocato a Tokyo, guidando la sua squadra alla semifinale del campionato giapponese. Agosto si è aperto con 1 conferma e 3 arrivi: confermato Deron Washington, sono arrivati Andre Jones, guardia con passaporto slovacco specialista delle leghe minori europee; Trevor Mbakwe, centro nigeriano ex Virtus Roma che nelle ultime stagioni ha giocato con Bamberg, Maccabi Tel Aviv, Malaga e Zenit; e infine Lamar Patterson, un'ala che in D-League ha dimostrato di avere molti punti nelle mani. L'ultimo ingaggio, che completa il roster, è quello dell'ala Quinton Stephens, un rookie uscito da Georgia Tech con cifre non scintillanti, ma in possesso di un buon tiro da 3 e di discrete doti da rimbalzista. 

Germani Brescia
Partenze: Michalak (Zaragoza), Bruttini (Virtus Bologna), Berggren (Niligata Albirex), David Moss, Burns (Cantù),  Bushati
Conferme: Landry, Luca Vitali, Michele Vitali, Moore
Arrivi: Fall (Udine), Sacchetti (Sassari), Hunt (Nancy), Traini (Udine)
Il colpaccio di Brescia è il rinnovo, per due stagioni, di Marcus Landry, mvp dello scorso campionato. Accanto a lui ci sarà ancora una volta i fratelli Luca e Michele Vitali e Lee Moore, che nella prima stagione italiana ha lasciato intravedere un potenziale importante. Dopo gli ingaggi di Brian Sacchetti e Abdel Fall, che nei mesi trascorsi a Udine, in A2, si è tolto la soddisfazione di rifilare un ventello a Treviso, è stato definito quello del nuovo centro. Si tratta di Dario Hunt, che sia a Capo d'Orlando che a Caserta si è messo in luce come ottimo rimbalzista, reduce da un'annata nel campionato francese. 

Grissin Bon Reggio Emilia

Partenze: Strautins (Capo d'Orlando), Gentile (Virtus Bologna), De Nicolao (Venezia), Polonara (Sassari), Williams (Toyota Alvark), James (Best Balikesir), Lesic (Mega Bemax), Needham (Mornar Bar), Aradori (Virtus Bologna), Della Valle, Kaukenas
Conferme: Reynolds, Cervi
Arrivi: Moser (Sigal Prishtina), Vene (Novgorod), Mussini (St. John's), Nevels (LLeida), Candi (Fortitudo Bologna), De Vico (Biella)
Reggio anno zero. La Grissin Bon saluta il nucleo storico e, confermando in panchina coach Menetti, riparte da Federico Mussini, che ritorna dopo un anno di college negli usa. Confermato anche Jalen Reynolds, si investe nei giovani Candi (dalla Fortitudo) e De Vico (da Biella). Dal campionato kosovaro  è stata ingaggiata l'ala Mike Moser, una vera e propria scommessa visto anche che nelle precedenti esperienze europee, in Lituania e Israele, non aveva fatto sfracelli.Il nuovo play è Garrett Nevels, che ha ben fatto nella seconda lega spagnola ma è da testare a livelli più alti. Più esperto Siim-Sander Vene, ala estone proveniente dal Novgorod dopo 2 anni con lo Zalgiris Kaunas. 

Mia Red October Cantù
Partenze
: JaJuan Johnson (Darussafaka), Dowdell (Enisey), Quaglia (Torino), Kariniauskas (Cluj), Callahan, Darden, Lawal, Pilepic
Conferme: Parrillo
Arrivi: Thomas (Maccabi Rishon), Smith (Khimik), Crosariol (Pistoia), Chappell (Banvit), Culpepper (Best Balikesir), Raucci (Fortitudo Bologna), Maspero (Recanati), Burns (Brescia).
La situazione in casa canturina è paradossale: la rosa allestita è di ottimo livello, ma manca l'allenatore. Il GM Betti ha confermato che si partirà in ritiro con Marco Sodini. aggiungendo che nello staff è presente anche Bolshakov, che è già stato head coach dei canturini. La telenovela Recalcati si è conclusa con l'esonero, inevitabile ormai, del tecnico. Cantù al momento è un'incognita, nonostante le scelte di mercato siano state oculate. In cabina di regia, Jaime Smith, che si candida a essere uno dei migliori del ruolo: la scorsa stagione, in Ucraina, oltre 18 punti e 4 assist di media, numeri ripetuti anche in Champions League. Altro importante  terminale offensivo sarà Randy Culpepper, per due anni top scorer del campionato russo che però non si è ripetuto agli stessi livelli in quello turco. Sotto le plance ci sarà Andrea Crosariol, che a Pistoia ha disputato la miglior stagione della carriera;  per dargli manforte era stato ingaggiato Eric Griffin, lanciato anni fa da Jesi e nell'ultima stagione tra i migliori lunghi del campionato israeliano (15 punti, 7 rimbalzi e quasi 2 stoppate di media), ma il lungo ha fatto valere l'NBA escape e ha firmato con Utah.L'li arrivi di Charles Thomas e Jeremy Chappell aggiungono qualità ed esperienza a un gruppo che non potrà accontentarsi di un campionato anonimo. kko

Openjobmetis Varese
Partenze
: Maynor, Anosike, Kangur, Eyenga (Fuenlabrada), Bulleri, Johnson (Venezia)
Conferme: Pelle, Avramovic, Ferrero
Arrivi: Hollis (Benfica), Wells (Giessen 46ers), Waller (Mornar Bar), Cain (Chalons-Reims), Okoye (Udine), Natali (Casale), Tambone (Ravenna)
La conferma di coach Caja è il primo tassello verso una stagione meno tribolata della passata: si è scelto di puntare su giocatori di una certa esperienza, ma al momento manca il talento che possa fare la differenza. In regia spazio a Cameron Wells, reduce da 4 solide stagioni in Germania; come guardia, dal campionato montenegrino arriva Antabia Waller, ,specialista del sommerso europeo,  che in Champions League contro Avellino non ha destato particolare impressione; come ala piccola ritorna, dopo la parentesi del 2014-2015, Stan Okoye, oltre 17 punti di media con Udine; sotto canestro, accanto al confermato Pelle, il bianco Tyler Cain, ottimo rimbalzista visto qualche anno fa con la maglia di Forlì e nelle ultime stagioni in Francia. Damian Hollis ha sempre fatto bene in Lega2 e nei campionati minori europei, ma 2 anni fa a Cantù è stato una delusione. 

The Flexx Pistoia
Partenze
: Antonutti (Treviso), Cournooh (Cantù), Boothe (Sakarya), Petteway (Nanterre), Crosariol (Cantù), Roberts (Reggio Calabria), Lombardi
Conferme: Magro, Moore
Arrivi: Kennedy (Rio Grande), Czyk (Caserta), Mian (Cremona), Gaspardo (Cremona), Laquintana (Capo d'Orlando)
Coach Esposito è la garanzia di Pistoia, che ancora una volta affida la regia al confermato Ron Moore. Al momento sono arrivati Czyz da Caserta (si tratta di un ritorno) e del lungo Markus Kennedy, una vera e propria scommessa se ci fermiamo alle sue statistiche nell'ultima D-League: 15 partite, 1.5 punti e 1.1 rimbalzi di media. Da Cremona, firmato il duo Gaspardo-Mian, mentre da Capo d'Orlando arriva Laquintana. Confermato Magro, che avrà più minuti a sua disposizione.

Segafredo Bologna
Partenze: Penna (Imola), Spizzichini (Scafati), Spissu (Sassari), Rossi (Imola), Oxilia (Piacenza), Umeh
Conferme: Lawson, Stefano Gentile, Guido Rosselli
Arrivi: Aradori (Reggio Emilia), Lafayette (Unicaja), Lawal (Barcellona), Alessandro Gentile (Hapoel Gerusalemme)
Shane Lawal non farà parte della rosa della Virtus: il centro ex Barcellona non ha superato le visite mediche. Il ritorno nella massima serie dopo un anno di purgatorio è festeggiato, in fase di mercato, col colpaccio Aradori, strappato a Torino con conseguente strascico di polemiche. Confermato il centro Kenny Lawson, in cabina di regia, si punta sull'esperienza di Oliver Lafayette, reduce da un'esperienza in chiaroscuro a Malaga. Di Alessandro Gentile si può dire di tutto: attendiamo che a parlare per lui sia nuovamente in campo.

Consultinvest Pesaro
Partenze: Fields (Budivelnyk), Harrow (Rosa Radom), Nnoko (Pistons), Jasaitis (Lietkabelis), Gazzotti (Cremona), Thornton (Guangxi), Zavackas, Ceron
Conferme:
Arrivi: Omogbo (South Plains JC), Mika (BYU), Bertone (Instituto Cordoba), Irvin (Michigan), Moore (N.Florida), Monaldi (Sassari), Ancellotti (Treviso)
La Vuelle riparte dalla conferma di coach Leka e, come sempre, pesca dai college USA sperando di individuare il crack. Ben quattro i rookies  messi finora sotto contratto: il lungo Eric Mika, che ha chiuso la carriera al college con 20 punti di media con Brigham Young University;  la guardia Dallas Moore,  quasi 24 punti di media (col 40% da 3) con la maglia degli Ospreys di North Florida; da Michigan State Zak Irvin, classica ala tuttofare.; da Colorado State Emmanuel Omogbo, ottime credenziali da rimbalzista. L'esperienza dovrà essere garantita da Pablo Bertone, in arrivo da Cordoba, mentre la pattuglia italiana è finora composta da Diego Monaldi, scampoli di partite la scorsa stagione a Sassari, e Andrea Ancellotti, lungo da quasi 7 rimbalzi di media a Treviso. 

Vanoli Cremona
Partenze
: Biligha (Venezia), Gaspardo (Pistoia), Wojciechowski (Capo d'Orlando), Mian (Pistoia), Turner (Siena), Thomas (Hapoel Holon)
Conferme
Arrivi: Drake Diener (Capo d'Orlando), Travis Diener (ritiro), Milbourne (Hapoel Eliat), Martin (Ludwigsburg), Johnson (Istanbulspor), Portannese (Verona), Gazzotti (Pesaro), Ruzzier (Fortitudo)
Ripescata ai danni di Caserta, la Vanoli ha ingaggiato coach Sacchetti e puntato sui cugini Diener: dopo l'ingaggio di Drake, è stato infatti richiamato dal ritiro (che durava dal 2014), Travis.  Messi sotto contratto anche Kelvin Martin, un'ala vista qualche anno fa a Lucca, ed Elijah Johnson, guardia che ha segnato molto nella seconda lega turca ma che in 4 anni ha cambiato ben 9 squadre. Da Pesaro, è ritornato Gazzotti, da Verona è in arrivo Portannese, mentre dalla Fortitudo Ruzzier. Milbourne torna in Italia dopo 2 anni, con l'esperienza in più maturata in Spagna e Israele.