Guida Vavel Legabasket 2017/2018: Dolomiti Energia Trentino

Dopo lo Scudetto sfuggito per poco e andato a Venezia, l'Aquila è pronta a rilanciarsi per confermare quanto fatto di buono nelle ultime due stagioni con una semifinale europea ed una finale di campionato.

Guida Vavel Legabasket 2017/2018: Dolomiti Energia Trentino
FONTE FOTO: VAVEL ITALIA

Dopo lo scudetto mancato per un soffio, la Dolomiti Energia Trento è pronta a riproporsi in campionato ed in Europa come una solida realtà. Confermato parte del blocco della scorsa stagione e recuperato pienamente Baldi Rossi, che aveva saltato la parte più importante della stagione per infortunio, le aspettative sono altissime. 

GLI INTOCCABILI - La stella della scorsa stagione Sutton è nuovamente in quel di Trento, nonostante le sirene di Eurolega, per continuare in un ambiente che lo esalta. Al suo fianco ritroverà Gomes, Forray, Lechthaler, Baldi Rossi, Flaccadori e Shields, che avevano lottato fino all'ultimo match nella scorsa stagione per regalare uno storico scudetto alla piazza. Agli ultimi due è richiesto ancora un ulteriore step di crescita, vista la giovane età, per essere competitivi su tutti i fronti. 

CHI VIENE E CHI VA - Persi Craft e Hogue, che non hanno resistito alle offerte più ghiotte provenienti da Monaco e Turchia, la società ha deciso di passare dal 5+5 al 3+4+5 per avere un roster più lungo e poter sopperire agli infortuni che potrebbero verificarsi in stagione. I posti vacanti da extracomunitari sono stati presi dal nuovo play Gutierrez, simile a Craft ma più cattivo in fase offensiva, e dal nuovo centro Behanan, esordiente in Europa dopo un buon anno in DLeague. I due posti da comunitari son stati occupati invece da Silins, di ritorno in Italia dopo gli anni passati a Reggio Emilia, e da Franke, esordio assoluto in Italia dopo un anno passato girovagando per l'Europa.

ASPETTATIVE - Un posto nei primi quattro sembra l'obiettivo della società, intenzionata a far bene in Europa per continuare a crescere, e confermarsi nel campionato italiano. La lotta fra le prime 5-6 squadre sarà molto dura, per cui sarà importante partite bene per poter giocarsi anche la Coppa Italia, sfuggita nella scorsa stagione per via di un inizio altalenante, rimediato solamente con l'intervento sul mercato ed il ritorno in Trentino di Sutton.


Partenze: Moraschini (Mantova), Hogue (Pinar Karsiyaka), Craft (Monaco), Lovisotto (Agrigento)
Conferme: Shields, Gomes, Sutton, Conti, Baldi Rosso, Forray. Lechthaler, Flaccadori
Arrivi: Gutierrez (Trabzonspor), Behanan (Kia Picanto), Silins (Telekom Bsk), Famke (KK Zadar)

Yannick Franke, 1996, 194, SG

Top scorer dell'Eredivisie 2014-15 (19 punti di media) con Rotterdam, la stagione successiva inizia col Groningen per poi trasferirsi in Finlandia, al Bisons Loimaa (15.7 ppg in VTB League). La scorsa stagione è al KK Zadar da gennaio a marzo, realizzando 5.9 ppg in 7 gare di Adriatic League.

Dominique Sutton, 1986, 196, SF

College prima a Kansas St. Poi a N.C. Central (16.4 ppg nell'ultima stagione). Una breve apparizione allo Chalon, poi D-League, Grecia (9.7 ppg col Kallitheas), Filippine, ancora D-League e nel 2015-16 l'arrivo a Trento, con cui realizza 7.7 ppg. La scorsa stagione comincia all'Ulm, quindi passa al Nancy e infine a gennaio torna a Trento, realizzando 13.3 ppg. Career high di 35 punti realizzati nel campionato filippino.

Ojars Silins, 1993, 200, F

Dal campionato lettone passa alla Stella Azzurra Roma nel gennaio 2010. La stagione successiva arriva a Reggio Emilia, dove resta fino al 2016. La scorsa stagione è al Telekom Bonn, dove realizza 7.4 ppg in campionato e 9.6 ppg in Europe Cup. Career high di 25 punti realizzati contro Pesaro nel febbraio 2016.

Filippo Baldi Rossi, 1991, 207, F/C

Vivaio Virtus, gioca due stagioni a Perugia in A Dilettanti, poi Torino e nel 2013-14 l'arrivo a Trento, dove nella scorsa stagione realizza 10.3 ppg in 25 partite con career high di 26 punti contro Reggio Emilia.

Toto Forray, 1986, 187, PG

Parte dalle categorie inferiore (C1, B2, A Dilettanti), arrivando in Lega 2 nel 2010-11 con Forlì. Dalla stagione successiva è con Trento, con cui partecipa al viaggio dalla A Nazionale alla finale scudetto della scorsa stagione, durante la quale realizza 7 punti di media. Career high di 24 punti realizzati nel marzo 2011 contro Recanati.

Diego Flaccadori, 1996, 193, SG

Prime gare in Lega 2 con Treviglio, dal 2014-15 a Trento, dove nella scorsa stagione realizza 9.2 ppg col 35.8% da 3. Career high con la Nazionale Under 18 nella semifinale degli Europei di categoria del 2014

Jorge Gutierrez, 1988, 190, PG

College all'University of California, 13 ppg e 4.1 apg nell'ultimo anno. Scelto al secondo turno nel draft della D-League, inizia la carriera pro in Messico col Cancun, per poi trasferirsi in D-League. 17 partite con i Nets nel 2013-14 (3.8 ppg, 1.8 apg), 8 con i Nets e 11 con i Bucks la stagione successiva, 15 con gli Hornets nel 2016, in mezzo tanta D-League in cui è sempre tra i primi nella classifica degli assist. La scorsa stagione è al Trabzonspor, con 9.4 ppg e 5.4 apg. Career high di 32 punti realizzato nel 2014 in D-League, la scorsa stagione ha servito 15 assist in una gara del campionato turco contro l'Usak.

Joao Gomes, 1985, 201, SF

A 22 anni è il secondo marcatore del secondo campionato portoghese con il Barreirense. Nel febbraio 2008 firma col Leche Lugo nella Leb spagnola, vi resta fino al 2010-11. La stagione successiva torna in patria, al Benfica, con cui disputa 3 stagioni. Dal 2014 al 2016 è ad Andorra, con cui nella seconda stagione realizza 8.9 ppg col 40.6% da 3. Nella scorsa stagione, a Trento, 10.1 ppg. Career high di 26 punti, realizzati con la Nazionale portoghese contro l'Estonia a settembre 2016.

Chane Behanan 1992, 198, C

Esce dal college di Louisville (7.6 ppg e 6.3 rpg) e viene scelto con la 14esima chiamata assoluta nel draft della D-League. 2016 tra Messico, Porto Rico e Repubblica Dominicana, nella scorsa stagione Germania (8.6 ppg con lo Jena), D-League, e Porto Rico, dove chiude la stagione con 13.2 ppg e 8.2 rpg fatti registrare coi Brujos de Guayama. Career high di 38 punti realizzati a maggio 2016 nel campionato portoricano.

Luca Lechthaler, 1986, 206, C

Cresce nel CAP Piani Bolzano, nel 2002 a Siena, con cui resta fino al 2013 con parentesi a Sassari, Ferrara, Montegranaro, Ferrara e Venezia. Gioca quindi a Trento e ad Avellino, e nel 2015 ritorna a Trento, con cui nella scorsa stagione va sotto il punto di media. Career high realizzato proprio con Trento, a dicembre 2012, contro Montegranaro.

Shavon Shields, 1994, 201, SF

College a Nebraska (16.9 ppg nell'ultima stagione), l'anno scorso inizia a Francoforte (13.6 ppg in Champions League, 14 ppg in campionato) per poi arrivare a Trento, dove in 18 partite viaggia a 10.1 ppg. Career high di 29 punti, segnati al college nel 2013 contro Penn St.

Coach: Maurizio Buscaglia