Guida Vavel Legabasket 2017/2018 - Dinamo Sassari

Un roster esperto con giocatori complementari: Sassari mira a intromettersi nelle parti alte della classifica

Guida Vavel Legabasket 2017/2018 - Dinamo Sassari
FONTE FOTO: VAVEL ITALIA

Scottata dall'eliminazione nel primo turno dei playoff della scorsa stagione, imparata la lezione della precedente sessione di mercato, quando si era perso troppo tempo ad attendere giocatori poi volati verso altri lidi, la Dinamo ha deciso di anticipare tutti, costruendo prima delle altre squadre la gran parte del roster. Una squadra, come Sardara ci ha abituato, ambiziosa, con giocatori esperti che in tanti anni di battaglie sui parquet europei hanno mostrato più pregi che difetti. Sassari non ha le vette di talento di Milano o di fisicità di Avellino, né un sistema collaudato come Venezia, ma può ambire a dire la sua nel prossimo campionato. 

La squadra L'asse play-pivot sarà formato da William Hatcher, 33enne che ha giocato in mezza Europa (ultimo anno con olttre 15 punti e 4 assist di media in Adriatic League con Belgrado) e Darko Planicic, che avrà la grande occasione di esprimere tutto il potenziale che qualche anno fa l'aveva portato a firmare con Maccabi Tel Aviv.  Due arrivi da Avellino, che offrono atletismo e presenza sottocanestro: Levi Randolph e Shawn Jones. Il primo garantisce imprevedibilità e tante soluzioni dentro e fuori il perimetro, anche se deve dimostrare di saper essere continuo nell'arco di tutta la stagione e decisivo nelle partite importanti, doti che non ha mostrato in Irpinia. Il secondo garantisce muscoli e potenza, e potrà essere tra le sorprese del campionato nel suo ruolo. Dal campionato tedesco arriva  Dyshawn Pierre, ottimo rimbalzista nonostante non arrivi ai 2 metri, mentre potrebbe rappresentare un vero affare l'ingaggio di Scott Bamforth, reduce da 4 stagioni in Liga Endesa, l'ultima (con Bilbao) chiusa a quasi 15 punti di media col 50% da 3. Sassari si è anche accaparrata Achille Polonara, che lascia Reggio dopo 3 stagioni. Confermato Stipcevic, il roster è stato completato con gli ingaggi di Marco Spissu (reduce dalla vittoria della  seconda lega con la Virtus Bologna), dell'esperto Tavernari e dei giovani Picarelli e Bucarelli. 

Partenze: Monaldi (Pesaro), Lawal (Karesi), Sacchetti (Brescia), Olaseni (Orleans), Lacey (Lokomotiv), Lighty (Asvel), Carter

Conferme: Devecchi, Stipcevic

Arrivi: Pierre (Braunschweig), Spissu (Virtus Bologna), Randolph (Avellino), Hatcher (Partizan), Planicic (Gran Canaria), Polonara (Reggio Emilia), Jones (Avellino), Bamforth (Bilbao), Tavernari (Siena), Picarelli (Jesi)

Marco Spissu, 1995, 185, PG

Nato a Sassari, esordio in A nel 2011-12, gioca in Lega 2 a Bari, Casalpusterlengo, Reggio Calabria - Tortona, e la scorsa stagione alla Virtus realizza 11.3 ppg con quasi 3 assist di media. Career high di 28 punti realizzati lo scorso 27 febbraio contro Jesi.

Scott Bamforth, 1989, 188, SG

Passaporto kossovaro dal 2016, esce da Weber St. (13.2 ppg nell'ultima stagione col 44% da 3) e comincia una lunga carriera in Spagna, con Siviglia, Murcia, ancora Siviglia, e infine Bilbao, con cui nella scorsa stagione è il quarto marcatore del campionato (14.5 ppg col 39.2% da 3 e il 90.3% ai liberi). Resiste il career high di 28 punti realizzato nel 2011 al college.

Darko Planicic, 1990, 211, C

Si fa un nome con la maglia del Siroki, con cui poco più che ventenne gioca solide stagioni in Adriatic League. A dicembre 2012 passa al Maccabi Tel Aviv, che non lo conferma però per la stagione successiva. Gioca quindi con Cibona e Budocnost, e nel 2015-16 si trasferisce in Spagna, al Laboral Vitoria (4.2 ppg in campionato, 3.1 ppg in Eurolega). La scorsa stagione è al Gran Canaria, 7.5 ppg in campionato, 6 in Eurocup. Career high di 26 punti realizzati a novembre 2012 contro Spalato.

Giacomo Devecchi, 1985, 196, SF

Prodotto del vivaio Olimpia (con cui fa l'esordio in A nel 2002-03), gioca 2 anni a Montegranaro prima dell'arrivo, nel 2006-07, a Sassari, con cui si appresta a iniziare la 12esima stagione. Career high di 16 punti in Sassari-Scafati del 19 maggio 2009.

Levi Randolph, 1992, 198, SG

College ad Alabama (15.4 ppg nell'ultimo anno), D-League nel 2015-16 (14.7 ppg con quasi il 40% da 3, nella scorsa stagione ad Avellino, dove dopo una buona stagione "scompare" nella post season. Chiude comunque con 9.6 ppg in campionato (43.6%) e 12.6 ppg in Champions League. Career high di 29 punti realizzato in D-League.

Dyshawn Pierre, 1993, 198, SF

College a Dayton (12.6 ppg e 8.5 rpg nell'ultimo anno), nella scorsa stagione è in Germania, dove con il Braunschweig segna 14.9 ppg ed è il miglior rimbalzista della lega con 7.9 rpg. Career high di 31 punti realizzato lo scorso gennaio contro Goettingen.

Rok Stipcevic, 1986, 185, PG

Cresce nel KK Zadar, con cui gioca per 7 stagioni fino al 2009-2010. L'anno dopo è dapprima al Cibona, con cui gioca in Eurolega (10.3 ppg in 9 gare), quindi a Varese (9.3 ppg). Confermato a Varese la stagione successiva (11.4 ppg), nel 2012-13 gioca prima a Milano, poi a Pesaro. L'anno dopo è in Turchia, col Tofas Bursa (8.5 ppg con quasi il 40% da 3), poi firma con Roma (11.3 ppg in campionato, 13.6 in Eurocup). Dal 2015-16 è a Sassari, dove nella scorsa stagione segna 12 ppg in campionato e altrettanti in Champions League. Career high di 31 punti segnati con Pesaro contro Avellino.

William Hatcher, 1984, 188, PG

College a Miami (Ohio), comincia la carriera da pro nella seconda lega tedesca, per poi giocare in Romania e per 3 anni nel campionato della Repubblica Ceca con il BK Decin, sempre tra i primi per punti e assist. Nel 2011-12 è a Cipro, ad aprile firma per il Gilboa, in Israele. L'anno dopo gioca in Grecia col PAOK Thessaloniki (10.3 ppg, 2.1 apg), quindi Francia (Le Havre, 12.2 ppg 4.8 apg), Belgio (Proximus Spirou, 7 ppg, 1.2 apg), nuovamente PAOK (12.9 ppg, 4.2 apg) e infine nella scorsa stagione è col Beograd (15.4 ppg e 3.9 apg in Adriatic League). Career high di 32 punti realizzati il 2 dicembre 2015 in Eurocup contro il Besiktas.

Achille Polonara, 1991, 205, F

Inizia la carriera a Teramo, con cui nel 2011-12 viaggia a 8.2 punti di media. Due stagioni a Varese (la seconda a 10.5 ppg), quindi il passaggio a Reggio Emilia, con cui resta 3 stagioni: 12.1, 10.3 e 10.2 sono le sue medie punti nell'arco dei 3 anni. Career high di 34 punti (con 11/11 da 2) in un Montegranaro – Teramo dell'aprile 2012.

Jonathan Tavernari, 1987, 198, F

College con buone cifre alla Brigham University, nel 2010-11 firma con Biella; la stagione successiva è a Pistoia, poi Scafati e due stagioni in Brasile con Pinheiron San Paolo. Nel 2014 torna in Italian, firmando con Tortona (10.6 ppg), quindi Agropoli (13.3 ppg), e la scorsa stagione Siena, con 10.3 ppg. Career high di 29 punti (con 7/8 da 3) in Reggio Calabria – Agropoli del febbraio 2016.

Shawn Jones, 1992, 203, C

Esce dal college di Middle Tenn. St. (13.9 ppg e 8.4 rpg nell'ultima stagione) e viene ingaggiato dai Miami Heat, che lo mandano in D-League ai Sioux Falls Skyforce (13.2 ppg, 8.7 rpg). Nel 2015-16 è in Spagna (8.7 ppg e 3.4 rpg con Andorra), nella scorsa stagione prima con l'Hapoel Jerusalem (5 ppg e 4.3 rpg), poi con Aellino (12.3 ppg e 8 rpg in 3 gare). Career high di 31 punti realizzato in D-League il 21 marzo 2015.

Coach: Federico Pasquini