Nba, Westbrook e i Thunder stendono gli Spurs (112-106). Buona la prima per Donovan

Okc vince in volata contro San Antonio nella prima gara del nuovo corso targato Billy Donovan, trascinata dal solito Westbrook (33 punti per lui). Buono il rientro di Kevin Durant, eccezionale Leonard per gli Spurs. Da rivedere Aldridge e Parker.

Nba, Westbrook e i Thunder stendono gli Spurs (112-106). Buona la prima per Donovan
Nba, Westbrook e i Thunder stendono gli Spurs (112-106). Buona la prima per Donovan

Non sono mancate le emozioni nella gara più affascinante della ricca notte Nba. Alla Chesapaeke Energy Arena di Oklahoma City i Thunder del nuovo allenatore Billy Donovan vincono all'esordio contro la nuova versione degli Spurs di Gregg Popovich. 112-106 il risultato finale di una partita giocata sempre sul filo dell'equilibrio e decisa dalla maggiore aggressività dei padroni di casa nei minuti conclusivi. Nel giorno del rientro ufficiale di Kevin Durant, è Russell Westbrook a risultare decisivo per i suoi, con una doppia doppia da 33 punti e 10 assist, mentre per gli Spurs impressiona Kawhi Leonard, 32 punti e un contributo difensivo eccezionale. Da rivedere per i neroargento Aldridge e Parker, lontani dai propri standard migliori.

Il primo quarto si apre con un canestro di voglia e aggressività di Andre Roberson, poi San Antonio comincia a far sul serio e mostra subito un Leonard molto coinvolto in attacco. Il solito Duncan ci mette del suo e gli Spurs provano un primo allungo, prontamente rintuzzato da uno scatenato Russell Westbrook e dal rientrante Durant. Sono i due uomini più attesi a trascinare Okc a inizio gara, mentre solo più tardi entrano realmente in partita anche Ibaka e Adams. Donovan non vuole concedere agli ospiti il tiro da tre punti, e così Danny Green deve concentrarsi sulla difesa, in cui brillano un irreale Leonard, che lavora alla grande su KD, e Tim Duncan, maestro nella protezione del ferro. Gli Spurs cambiano marcia con l'ingresso dalla panchina di Ginobili e Diaw, trovando spaziature migliori in attacco e limitando le palle perse. Dall'altra parte Westbrook si accende velocemente, e il primo periodo si chiude con i Thunder avanti 29-27. La second unit continua a dare ottime risposte a Popovich, e persino il timido Kyle Anderson contribuisce al parziale che riporta avanti i neroargento. David West fa il suo esordio in maglia Spurs con una prestazione solida e convincente, mentre Aldridge appare ancora spaesato, specialmente nella metà campo offensiva, dove i sincronismi con Duncan sono ancora tutti da ricercare. Un calo di Durant coincide con un down di Okc, prontamente rialzata dall'inarrestabile Westbrook e dai rinforzi dalla panchina, Waiters e Morrow su tutti. Il primo tempo termina con San Antonio avanti 55-50, in una gara splendida per intensità e qualità.

Alla ripresa delle operazioni Kawhi Leonard alza se possibile ancora di più il suo livello di gioco, difendendo alla grande su chiunque gli capiti a tiro e inanellando una serie di canestri di forza e tecnica che fanno capire che comincia ad essere lui il punto di riferimento offensivo degli Spurs, cui manca tremendamente il tiro da tre punti, ben limitato dalla difesa di Donovan, ma meno trovato con Aldridge in campo insieme a Duncan. Kanter suona la carica dalla panchina con punti e rimbalzi, Westbrook attacca senza sosta, e Okc pareggia a quota 64. Ancora il quintetto con Diaw e Ginobili sembra più funzionale al gioco dei neroargento, che hanno un Parker lontano dalla miglior condizione e limitato dai falli, mentre Mills ci mette la solita dose di energia e spavalderia. Proprio l'argentino da Bahia Blanca e David West chiudono il terzo quarto in gran spolvero, ridando quattro lunghezze di vantaggio agli ospiti (79-83). I Thunder si affidano a inizio quarto quarto a Augustin e Waiters, ma ancora Leonard conduce i suoi a un 90-97 che sembra portare la gara dalla parte di San Antonio. Un controparziale di 9-0 firmato Westbrook-Durant riporta avanti Okc. Gli ultimi minuti sono punto a punto, con Leonard che vola a quota 33 punti personali e Parker a firmare l'ultimo vantaggio ospite sul 103-101. Qui due canestri di Waiters portano all'ennesimo controsorpasso di una gara avvincente, in cui una tripla folle di Westbrook risulta decisiva. Ancora Leonard ha un ultimo sussulto e consente a San Antonio di giocarsi l'ultimo possesso sotto di due punti. La rimessa disegnata da Popovich è però eseguita malissimo da Danny Green, che tenta un improbabile tiro da tre punti che viene stoppato da Adams. Durant e Westbrook sigillano così la partita dalla lunetta, dando al loro coach Billy Donovan la prima vittora su una panchina Nba.

Okc Thunder (1-0). Punti: Westbrook 33, Durant 22, Kanter 15, Ibaka 10. Rimbalzi: Kanter 16. Assist: Westbrook 10.

San Antonio Spurs (0-1). Punti: Leonard 32, Aldridge e Ginobili 11, Parker 10. Rimbalzi: Leonard e Green 8. Assist: Ginobili 7.