Nba, prima vittoria per Milwaukee. I Warriors affondano Memphis

Prova di forza di Golden State, che alla Oracle Arena annienta i Grizzlies rifilando loro cinquanta punti di scarto. Brooklyn cade ancora: questa volta sono i Milwaukee Bucks ad approfittarne.

Nba, prima vittoria per Milwaukee. I Warriors affondano Memphis
Nba, prima vittoria per Milwaukee. I Warriors affondano Memphis

Solo cinque punti di Andrea Bargnani nell'ennesima sconfitta di questo inizio di regular season dei Brooklyn Nets, stavolta k.o. al Barclays Center contro i Milwaukee Bucks dell'ex Jason Kidd. I campioni in carica non fanno invece sconti ai Memphis Grizzlies alla Oracle Arena di Oakland, dove Stephen Curry offre un'altra prestazione straordinaria (30 punti in tre quarti di gioco) per affossare gli avversari, alla fine travolti con ben cinquanta punti di scarto. 

Brooklyn Nets - Milwaukee Bucks 96-103

Continua il momento nero di Brooklyn, alla quarta sconfitta in altrettante gare di regular season. Stavolta a passare al Barclays Center sono i Milwaukee Bucks, che finalmente riescono a cogliere il primo successo stagionale dopo tre rovesci consecutivi. In una partita equilibrata, sono le guardie di Jason Kidd a fare la differenza. Bayless e Middleton segnano infatti 43 punti in due, senza dimenticare il contributo dell'ottimo Monroe e del tuttocampista Antetokounmpo. I Nets si affidano a Brook Lopez e Joe Johnson, ma nel momento decisivo sono gli ospiti a spuntarla. Appena dopo il canestro dell'86 pari firmato da Shane Larkin, è Jared Bayless a segnare per Milwaukee, che con due tiri liberi di O'Bryant si porta sul + 4. Bogdanovic riporta i padroni di casa sul - 1, e ancora Larkin va a segno per il 96-94 a meno di tre minuti dalla fine. Qui Monroe, Middleton e Carter-Williams danno lo strappo decisivo, Brooklyn va k.o. e manda in lunetta Bayless e lo stesso Middleton, che non tremano e regalano la prima gioia ai propri tifosi. Per Andrea Bargnani quasi sedici minuti di gioco, con cinque punti (uno su otto dal campo) e cinque rimbalzi.

Brooklyn Nets (0-4). Punti: Lopez 18, Jack 15, Johnson e Bogdanovic 14, Young 13, Larkin 10. Rimbalzi: Lopez 9. Assist: Johnson 6.

Milwaukee Bucks (1-3). Punti: Bayless 26, Monroe 23, Antetokounmpo 21, Middleton 17. Rimbalzi: Monroe 13. Assist: Vasquez 8.

Golden State Warriors - Memphis Grizzlies 119-69

Un massacro cestistico. Non c'è altra definizione per descrivere il trattamento riservato dai Golden State Warriors ai Memphis Grizzlies nella seconda gara casalinga alla Oracle Arena. Stephen Curry è nuovamente inarrestabile, in una serata da 30 punti in 28 minuti, condita come al solito da triple e canestri impossibili (da vedere e rivedere un circus shot con fallo subito da Courtney Lee). Dopo un primo quarto equilibrato nel punteggio, gli ospiti affondano clamorosamente subendo un mega parziale da 72 punti a 27 nei successivi due periodi. Proprio nel terzo quarto Curry si accende ulteriormente, mettendo a referto 21 dei suoi 30 punti di serata, prima di lasciare il proscenio a seconde e terze linee del roster dei Warriors, che non mollano e incrementano il vantaggio fino ai 50 punti di scarto finali. Per Memphis una lezione durissima da cancellare, contro un avversario già incontrato nella semifinale di Conference degli ultimi playoff.

Golden State Warriors (4-0). Punti: Curry 30, Clark 15, Thompson 14, Green ed Ezeli 11. Rimbalzi: Ezeli 10. Assist: Green 8.

Memphis Grizzlies (2-2). Punti: Gasol 13, Conley 10. Rimbalzi: Gasol 9. Assist: Conley e Udrih 5.