Nba, i Celtics passano a Detroit. Bulls sconfitti a Dallas

Boston si impone nel finale al Palace of Auburn Hills contro i Pistons (decisivo un canestro dell'ex Jerebko), Chicago va k.o. contro i Mavs di uno scatenato J.J. Barea.

Nba, i Celtics passano a Detroit. Bulls sconfitti a Dallas
Nba, i Celtics passano a Detroit. Bulls sconfitti a Dallas

I Boston Celtics vincono una gara importante al Palace of Auburn Hills di Detroit contro i Pistons di Andre Drummond (22 punti e altrettanti rimbalzi per il lungo di Van Gundy), dopo aver rischiato la beffa in un finale punto a punto. Non bastano i 25 punti di un redivivo Derrick Rose ai Chicago Bulls per bissare il successo della sera di Natale a Oklahoma City contro i Dallas Mavericks, che ringraziano un Barea versione Nba Finals 2011 per vincere e confermarsi tra le sorprese dei primi due mesi di regular season.

Detroit Pistons - Boston Celtics 93-99

Pistons e Celtics si sfidano a Detroit per mantenersi a ridosso delle migliori squadre della Eastern Conference. Un primo quarto in equilibrio è caratterizzato da nove punti in pochi minuti di Avery Bradley e dal dominio di Andre Drummond nel pitturato. Alla prima pausa il tabellone dice 24-25 per Boston, nonostante un canestro a fil di sirena di Steve Blake. Il copione non cambia nemmeno nel secondo periodo, quando a Turner, Olynyk e Zeller rispondono Tolliver e Baynes (29-33). Il rientro in campo di Drummond coincide con il sorpasso Pistons (39-37), anche se il finale di tempo è tutto di Bradley e Thomas, con Blake e Ilyasova a limitare i danni per Van Gundy (46-51). La gara sembra prendere la direzione dei verdi di Boston alla ripresa delle operazioni, con Sullinger e Crowder sugli scudi in attacco (66-54) e Amir Johnson efficace come di consueto. I Celtics si portano sul + 15 con una tripla di Olynyk (59-74), mentre Detroit sbatte contro i ferri del Palace. Nel quarto quarto si accende però il rookie Stanley Johnson, sempre più convincente partendo dalla panchina, con Morris e Drummond a dimezzare lo svantaggio sul 75-82. Crowder riallunga per gli ospiti (80-91 a tre minuti dalla fine) ma ancora S. Johnson e un finalmente presente Reggie Jackson fanno tremare Brad Stevens riportando i Pistons sul - 2 (93-95) a trenta secondi della sirena. Nel possesso decisivo è l'ex di turno Jerebko a rifiutare un tiro da tre per prenderne uno da dentro l'area: lo svedese non sbaglia e i Celtics portano a casa la vittoria.

Detroit Pistons (17-14). Punti: Drummond 22, Jackson 17, Morris 16, Johnson 12. Rimbalzi: Drummond 22. Assist: Blake 6.

Boston Celtics (17-13). Punti: Bradley 18, Thomas 17, Turner 13, Johnson 12, Crowder 11, Sullinger 10. Rimbalzi: Sullinger e Johnson 8. Assist: Thomas 9.

Dallas Mavericks - Chicago Bulls 118-111

Gara divertente quella dell'American Airlines Center di Dallas, dove i padroni di casa la spuntano nel finale contro i Bulls di Rose e Gasol. Hoiberg conferma il quintetto pesante con Mirotic da numero tre, mentre Carlisle inserisce nel suo starting lineup J.J. Barea al posto dell'infortunato Deron Williams. Il portoricano risponde immediatamente presente con una delle sue sette triple di serata, ma dall'altra parte sono caldissimi anche Gasol e Mirotic, in una partita che si preannuncia subito ad alto punteggio. Felton e Nowitzki chiudono il primo quarto con due canestri dell'arco che valgono il 33-26 Mavs, allungo subito rintuzzato da sette punti consecutivi di McDermott dopo la prima pausa. Mirotic, Gasol e Gibson continuano a dominare sotto i tabelloni contro i loro omologhi texani lanciando Chicago sul 46-56, poi è Rose ad accendersi, prima che Matthews, Parsons e Barea riportino sotto i padroni di casa all'intervallo lungo (59-60). La ripresa si apre con un altra tripla di J.J. e con un Parsons in gran spolvero che, insieme a Nowitzki, capovolge la situazione per il 75-66 di metà terzo quarto. Qui il trio Butler-Rose-Gasol dà un saggio delle potenzialità offensive dei Bulls rimettendo la gara sui binari dell'equilibrio (90-89 all'ultima pausa). Si decide così tutto nel finale, dopo che Matthews, Harris e Powell hanno mostrato la profondità del roster di Carsisle andando a segno anche in assenza dei big. Mirotic e Rose pareggiano i conti a quota 108 a due minuti dalla fine, ma due palle perse di troppo condannano i Bulls a due contropiede firmati Felton e Matthews che determinano così il risultato finale a favore dei Mavs.

Dallas Mavericks (17-13). Punti: Barea 26, Parsons 20, Pachulia 17, Nowitzki 16, Felton 13, Matthews 10. Rimbalzi: Pachulia 12. Assist: Barea, Felton e Parsons 5.

Chicago Bulls (16-12). Punti: Rose 25, Mirotic 23, Gasol 18, Butler 17, Gibson 12. Rimbalzi: Gasol 9. Assist: Butler 8.