NBA, Cleveland mette la quinta: Indiana KO all'overtime (111-106)

I Cavaliers trovano la quinta vittoria consecutiva con Lue sulla panchina nel supplementare contro i Pacers, che si rammaricano per aver sprecato l'ultimo tiro dei regolamentari.

NBA, Cleveland mette la quinta: Indiana KO all'overtime (111-106)
NBA, Cleveland mette la quinta: Indiana KO all'overtime (111-106).

I detentori del miglior record ad Est, provenienti da quattro vittorie consecutive, si scontrano al Bankers Life Fieldhouse con i Pacers, settimi in Conference e in cerca di una vittoria per confermare il buon momento di forma. L'arrivo di Lue sulla panchina dei Cavs ha influito positivamente sull'ambiente e, in particolare, su quel Kevin Love che spesso (e giustamente) era stato criticato.

L'inizio della partita è interamente a favore dello spettacolo con schiacciate e punti veloci, dopo pochi minuti Lebron inizia a imporre i suoi ritmi e con ottime percentuali dal campo Cleveland acquisisce subito un vantaggio importante. Solo nel finale di quarto Indiana torna sotto con un mini parziale di 7-0 (33-26). Cleveland riprende da dove aveva lasciato e sembra poter controllare la partita portandosi al massimo vantaggio di 14 punti; i Pacers però non sono morti e con le seconde linee in campo riescono a recuperare diversi punti agli avversari, che nel primo tempo hanno perso ben 10 palloni. Ancora una volta negli ultimi minuti i padroni di casa si svegliano e con la splendida prestazione di George Hill chiudono con 11 punti di svantaggio (60-49).

Indiana torna in campo con un altro spirito e con l'ottimo inizio di Monta Ellis si riporta pienamente in gara; i Cavaliers faticano a segnare e con l'apporto di Myles Turner i Pacers trovano il vantaggio a fine quarto per 77-75. Nell'ultimo periodo si prosegue punto a punto, i casalinghi riescono a trovare punti facili anche con Jordan Hill, ma Irving (anonimo fino a quel momento) prontamente risponde. Da annotare la stoppata spaventosa del rookie Turner su Lebron James nel tentativo di schiacciare; Indiana ha l'ultimo tiro con 20 secondi sulla sirena, ma una serie di incomprensioni fra i compagni portano Ellis a prendersi un tiro molto difficile, si va al supplementare. Nonostante il cuore dei Pacers, Irving e Lebron sono superiori e portano in vantaggio la propria squadra negli ultimi secondi: G. Hill tenta il tiro disperato da 3 punti ma si infrange sul ferro, così come le speranze dei padroni di casa di vincere la partita, conclusa 111-106 a favore dei Cavaliers.

Vittoria dei Cavs che però nasconde una partita giocata malamente sia in attacco, restato a secco per troppo tempo nel terzo e nell'ultimo quarto, sia in difesa, dove per buona parte della partita Cleveland ha subito il pick and roll (piuttosto leggibile) di Indiana. I Pacers non proseguono la striscia di vittorie ma lasciano intravedere a sprazzi un bel gioco e soprattutto l'interessante diciottenne Myles Turner che ha un gran carattere e delle ottime mani; è mancato in questa partita Paul George, troppo rinunciatario in entrambi i lati del campo, altrimenti forse staremmo parlando di un'altra partita.

Cleveland Cavaliers. Punti: Irving 25, James 24, Love 19, Smith 19, Thompson 14. Rimbalzi: James 12, Thompson 12, Love 8. Assist: Irving 7, James 6, Dellavedova 4.

Indiana Pacers. Punti: G. Hill 23, J. Hill 17, Ellis 14, Turner 14, George 11  Rimbalzi: Turner 10, J. Hill 6, S. Hill 6, George 5. Assist: George 8, Ellis 5, J. Hill 4, G. Hill 4.