Nba, Dallas al fotofinish sui Knicks. San Antonio da record contro i Pelicans

J.J. Barea decisivo per i Mavs contro New York, gli Spurs fanno segnare la miglior partenza casalinga di sempre battendo New Orleans all'ombra dell'Alamo.

Nba, Dallas al fotofinish sui Knicks. San Antonio da record contro i Pelicans
Tim Duncan in azione contro i Pelicans

I Dallas Mavericks di Rick Carsisle restano agganciati all'ottavo posto ad Ovest battendo in volata all'American Airlines Center i New York Knicks di Carmelo Anthony (31 punti per Melo). Sempre in Texas, i San Antonio Spurs colgono la loro vittoria casalinga numero trentotto (su altrettante gare disputate) della regular season in corso, superando in questa speciale classifica i Chicago Bulls del 1996. A fare le spese della furia dei neroargento i derelitti New Orleans Pelicans di Alvin Gentry.

Dallas Mavericks - New York Knicks 91-89

Rick Carsisle conferma il quintetto che ha vinto a Denver, con Powell al fianco di Nowitzki, Anderson da ala piccola e Felton al posto dell'infortunato Deron Williams. Dall'altra parte Rambis deve fare a meno di Porzingis per un problema alla spalla, rimpiazzandolo con Derrick Williams. Sono proprio gli ospiti a portarsi subito sul 2-10 e poi sul 10-20 grazie a Carmelo Anthony e Lopez. Tocca dunque a Dirk Nowitzki suonare la carica per i suoi, che si svegliano con i panchinari Lee e Harris (24-30 alla prima pausa). Il duo composto da Felton e Barea ribalta la situazione nel secondo quarto (39-37), poi otto punti consecutivi di Melo fissano il punteggio sul 45 pari a tre minuti dall'intervallo lungo. Qui due triple di Dallas - una di Barea, l'altra di Nowitzki - consentono ai padroni di casa di ritornare negli spogliatoi avanti di tre lunghezze (51-48). Alla ripresa delle operazioni Vujacic, Anthony e Derrick Williams spaventano il pubblico texano, con i Knicks che si ritrovano in vantaggio 62-69 grazie alla produzione offensiva della loro superstar. Solo J.J. Barea segna con continuità per i Mavs, sotto 73-80 all'alba del quarto quarto, con un Anthony in gran spolvero. Nel momento decisivo della gara Wesley Matthews trova sette punti consecutivi fondamentali per Carsisle, poi il portoricano pareggia da tre a quota 85. Carmelo confeziona un gioco da tre punti per il nuovo vantaggio New York a un minuto dalla fine (88-89), ma un infinito Barea replica con un lay-up fondamentale. Negli ultimi cinquanta secondi Anthony prima sbaglia il tiro del controsorpasso, poi perde il pallone dopo il rimbalzo offensivo di Williams. Dall'altra parte Felton fa uno su due ai liberi, ma la tripla di Galloway per vincere la partita non va a bersaglio.

Dallas Mavericks (37-38). Punti: Barea 26, Matthews 16, Nowitzki e Felton 11. Rimbalzi: Anderson e Pachulia 9. Assist: Barea 7.

New York Knicks (30-46). Punti: Anthony 31, Williams 15. Rimbalzi: Lopez 9. Assist: Grant e Galloway 3.

San Antonio Spurs - New Orleans Pelicans 100-92

Gli Spurs tornano all'AT&T Center dopo due trasferte consecutive, ripresentando il quintetto base con Leonard, Duncan e Parker, mentre Gentry deve rinunciare contemporaneamente a Davis, Gordon, Evans, Holiday, Cole e Anderson. I neroargento sembrano poter scappar via grazie alle triple di Green e Leonard (18-10), ma l'orgoglio dei vari Ajinca, Douglas e Cunningham consente ai Pelicans di chiudere il primo quarto a contatto (27-26 dopo sei punti consecutivi di Diaw). Manu Ginobili è in serata di grazia al tiro pesante e, nonostante un secondo periodo offensivamente deludente, San Antonio riesce comunque ad allungare sul 46-39 all'intervallo lungo. Al rientro dagli spogliatoi i padroni di casa piazzano un parziale di 20-10 che decide la gara, firmato Leonard e Aldridge, con il contributo di Parker e Diaw. Patty Mills e Tim Duncan aggiungono un paio di canestri importanti in chiusura di terzo periodo e gli uomini di Popovich sono così avanti 73-55 all'ultima pausa. Gli Spurs incappano però in un passaggio a vuoto nel quarto quarto, quando New Orleans prova a rientrare in gara grazie a Frazier, Cunnigham ed Ennis (86-77 a quattro minuti dalla sirena). Ci pensa allora Ginobili, con dieci punti consecutivi per gli speroni, a chiudere i conti e ad aggiornare il record casalingo dei padroni di casa sul 38-0, superando i Bulls del 1995-1996 per la miglior partenza di sempre tra le mura amiche.

San Antonio Spurs (63-12). Punti: Ginobili 20, Leonard e Green 16, Aldridge 11. Rimbalzi: Duncan 9. Assist: Parker 6.

New Orleans Pelicans (27-47). Punti: Ajinca 18, Hamilton 14, Ennis 13, Douglas 12, Frazier 11, Cunningham e Babbitt 10. Rimbalzi: Ajinca e Asik 9. Assist: Frazier 7.