NBA, Kobe leggendario ma vince Harden. Charlotte cede a Washington

I Rockets credono ancora ai playoff battendo i Lakers con una doppia doppia spaventosa di Harden (40 punti e 13 rimbalzi) che risponde ai 36 di Bryant. Gli Hornets perdono contro i Wizards mancando l'aggancio al quarto posto, molto bene Gortat con 21 punti.

NBA, Kobe leggendario ma vince Harden. Charlotte cede a Washington
NBA, Kobe leggendario ma vince Harden. Charlotte cede a Washington

Houston Rockets 130-110 Los Angeles Lakers

Altra partita in cui una squadra è obbligata a vincere, Houston in questo caso, contro i Lakers ormai in caduta libera; con questa vittoria Houston tiene accese le speranze per quell'ottavo posto tenuto da Utah, che però avrà due partite non facili. Ultima visita di Kobe Bryant al Toyota Center che è assolutamente infuocato, 15 punti per lui nel primo quarto che servono per tenere i suoi attaccati ai Rockets capitanati e trascinati dal solito Harden. Nel secondo periodo si manifesta per larghi tratti la superiorità tecnica dei padroni di casa che però lasciano troppi spazi in una difesa molto scadente, i Lakers ne approfittano e non li fanno scappare restando a fine primo tempo in svantaggio 53-55. Terzo quarto spaventoso di James Harden e Trevor Ariza che finalmente riescono a staccare i Lakers; ma è il Black Mamba che firma 9 punti consecutivi in una prestazione indviduale pazzesca, sulla sirena Houston conduce ancora 88-80. Clamoroso rientro in campo di Los Angeles che non molla un centimetro, Jordan Clarckson segna due triple che riportano a pieno contatto la squadra di Byron Scott; botta e risposta: Harden non ci sta, 3 triple consecutive assolutamente pazzesche. Il match però viene chiuso definitivamente qualche minuto dopo quando Beverley e Ariza rispondono a D'Angelo e Bryant, praticamente per gran parte dell'ultimo quarto si è visto solo tiri da tre punti; i Rockets ne escono comunque vincitori col risultato di 130-110. Menzione particolare va fatta per i due fenomeni assoluti: primo su tutti Kobe Bryant che realizza 35 punti ma Harden gli risponde con 40 punti e 13 assist: strepitosi entrambi.

Washington Wizards 113-98 Charlotte Hornets

Charlotte si trova di fronte ad una squadra che ha fallito l'aggancio all'ottavo posto e per questo finale di stagione terrà fuori anche la loro stella, ovvero John Wall. Nonostante queste premesse, gli uomini di Clifford non riescono a conquistare la vittoria che avrebbe permeso l'aggancio ai Celtics, e rimangono attardati al sesto posto anche dietro a Miami, a tal fine le ultime due gare saranno decisive. Il match mantiene un certo equilibrio nel primo quarto, dove Gortat porta avanti i suoi ma gli Hornets rimangono aggrappati con i denti e sotto di un punto dopo 12 minuti. Dopo la prima pausa un parziale di 7-0 regala ai padroni di casa un vantaggio consistente che consegna definitivamente la leadership agli Wizards, i quali a fine primo tempo conducono 55-48. Il rientro in campo vede una diminuizione dello svantaggio di Charlotte che si riporta punto a punto, con i titolari in campo però il finale di terzo quarto è tutto a favore di Washington, decisivo ancora Gortat e Porter Jr. che confezionano un altro parziale di 14-2 prima dell'ultima pausa. La risposta degli ospiti però non si fa attendere, Kaminsky è infuocato da 3 punti e con un 10-2 la partita è nuovamente riaperta; è necessario l'aiuto sotto canestro di Gortat per chiudere definitivamente un match in modo quasi inaspettato: vincono gli Wizards 113-98.