Nba playoffs, Cleveland ancora in scioltezza sui Raptors (108-89)

Trascinati dal solito LeBron James (tripla doppia da 23 punti, 11 rimbalzi e altrettanti assist) i Cavs dominano contro Toronto in gara due di semifinale playoff a Est. Male Lowry per gli ospiti, fuori partita già a fine primo tempo.

Nba playoffs, Cleveland ancora in scioltezza sui Raptors (108-89)
James e Irving, grandi protagonisti di gara due per i Cavs. Fonte: cavs.com

I Cleveland Cavaliers di Tyronn Lue rimangono imbattuti nei playoffs Nba 2016 vincendo anche gara 2 della semifinale della Eastern Conference contro i Toronto Raptors sul parquet amico della Quicken Loans Arena. Canadesi che reggono per quasi due quarti, prima di essere spazzati via dalla furia di un dominante LeBron James (tripla doppia da 23 punti, 11 assist e 11 rimbalzi). Grande prestazione in attacco dei Cavs, che trovano nuovamente uno scintillante Kyrie Irving (26 punti con 12/22 dal campo) e si godono un Kevin Love mai fuori ritmo (19 punti con 5/8 al tiro). Dall'altra parte malissimo invece Kyle Lowry (10 punti con 4/14) per Casey, che non riesce a trovare contromisure in difesa: nel tentativo di togliere agli avversari il tiro da tre, gli ospiti concedono di tutto al ferro, mandando peraltro in lunetta i Cavs per ben 37 volte. DeRozan porta a casa le solite cifre (22 punti con 8/18 al tiro), ma i suoi movimenti offensivi fanno il solletico a una difesa che andrebbe mossa come quella di Cleveland, che ora è a dieci vittorie consecutive in questa post-season, in attesa di giocare gara 3 nella notte tra sabato e domenica all'Air Canada Centre di Toronto.

Per il secondo atto delle serie contro i Cavs, Dwane Casey ripropone in quintetto Luis Scola, l'argentino preferito a Patterson per un miglior accoppiamento con Love. I Raptors tentano di controllare il ritmo della gara nei primi minuti, riuscendovi solo in parte: LeBron infatti attacca con decisione sia in contropiede che a difesa schierata, dispensando inoltre assist per i compagni, che ne beneficiano soprattutto con Kevin Love. Quando anche J.R. Smith e Irving si mettono in ritmo, sembra farsi notte fonda per gli ospiti, che però trovano le forze per replicare grazie a DeMar DeRozan e a Terrence Ross, che ha ottimo impatto dalla panchina per il momentaneo sorpasso sul 22-23. Anche Joseph e Patterson mettono punti a referto tra le riserve di Casey, ma il finale di primo quarto è tutto di Kyrie Irving, a bersaglio con una gran varietà di movimenti offensivi. Nel secondo periodo Lue schiera il quintetto con Frye da centro e quattro esterni, costringendo gli avversari ad adeguarsi, ma Biyombo non è in grado di seguire i tiratori di Cleveland sul perimetro, e così i padroni di casa accelerano nuovamente con James, che spadroneggia fisicamente e tecnicamente (un paio di sue schiacciate infiammano il pubblico di casa). I Raptors si riportano però a contatto (addirittura 46 pari) grazie a qualche guizzo offensivo di DeRozan e Patterson, mentre Lowry continua a sparare a salve, ma il primo tempo si chiude con un parziale di 16-2 per James e compagni, con Tristan Thompson dominante a rimbalzo e Irving e Love splendidi protagonisti.

Gara due si chiude quindi già al rientro negli spogliatoi, perchè nella ripresa Toronto non riesce mai a scendere sotto la doppia cifra di svantaggio. Lowry sbaglia di tutto, l'esperimento Scola non porta i frutti sperati, e gli ospiti si consegnano dunque alle giocate del solito LeBron James, coadiuvato ancora da Smith e da un imprendibile Irving. Casey si gioca la carta James Johnson dalla panchina, ma cambiando l'ordine dei fattori il risultato non cambia: Cleveland è troppo più forte per la sua squadra, costretta ad affidarsi a Cory Joseph in attacco a causa della partitaccia di Lowry. Il gioco dei canadesi rimane fatto di isolamenti e non passa mai per il post, in cui sia Biyombo che Patterson non sono pericolosi. Resta quindi l'opzione del tiro perimetrale con Carroll e gli altri esterni, ma si tratta di un attacco troppo lento e prevedibile per la difesa dei Cavs, sempre pronta ad azzannare i rivali a ogni esitazione. Cinque punti consecutivi di Channing Frye in apertura di quarto quarto spengono le residue speranze di Toronto, annichilita ancora una volta sul 91-69: per qualche minuto i titolari dei Raptors rimangono in campo, ma Casey deve ben presto riconoscere la seconda sconfitta della serie, inflittagli da una Cleveland che sembra giocare con le marce e avere ancora margine sui due lati del campo. James chiude con la tripla doppia d'ordinanza, Irving e Love si ritagliano il loro spazio in attacco, e persino riserve come Shumpert, Jefferson, Dellavedova si divertono contro i poveri Raptors, che ora torneranno a casa con l'unico ragionevole obiettivo di evitare lo sweep.

Cleveland Cavaliers (57-25). Punti: Irving 26, James 23, Love 19, Smith 12, Frye 10. Rimbalzi: Thompson 12, James 11. Assist: James 11

Toronto Raptors (56-26). Punti: DeRozan 22, Ross, Joseph e Johnson 11, Lowry 10. Rimbalzi: Lowry 6. Assist: Patterson 4.