NBA - Lottano i Lakers, ma vincono i Pacers: ad Indianapolis non basta Lou Williams, decide George (115-108)

Tre canestri di fila della stella degli Indiana Pacers permettono a McMillan di festeggiare il successo contro degli ostici e tenaci Los Angeles Lakers, che rimontano dopo essere stati sotto di 16 grazie alla buona vena di Williams e Clarkson.

NBA - Lottano i Lakers, ma vincono i Pacers: ad Indianapolis non basta Lou Williams, decide George (115-108)
NBA - Los Angeles Lakers corsari ad Indianapolis: i Pacers si inchinano a Randle e Russell (95-104)
Indiana Pacers
108 115
Los Angeles Lakers

E' Paul George, nel finale, a decidere la sfida della Bankers Life Fieldhouse, trascinando i suoi Indiana Pacers alla vittoria contro i Los Angeles Lakers. La rimonta degli ospiti - sotto anche di sedici nel corso della gara - si ferma negli ultimi minuti, dopo che Clarkson e soprattutto un ispiratissimo Lou Williams avevano fatto tremare il pubblico di casa. Tre giocate offensive da assoluto campione dell'idolo casalingo consentono ai Pacers di firmare la seconda vittoria casalinga stagionale, mentre i Lakers di Luke Walton confermano alcune migliorie rispetto alle prime tre uscite.     

McMillan sceglie come al solito Thaddeus Young e Myles Turner sotto canestro, con Al Jefferson dalla panchina. Teague, Ellis e George sul perimetro. Risponde Walton con D'Angelo Russell e Nick Young come guardie, Luol Deng nello spot di ala piccola, Randle e Timofey Mozgov sotto le plance. 

Partenza lanciata per i Lakers con Russell in post basso e Young in arresto e tiro, decisamente meno per il cronometro della Bankers Life Fieldhouse che ci mette una decina di minuti prima di iniziare a funzionare regolarmente. I problemi di falli di Russell (2 in due minuti) costringono Walton a pescare Calderon dalla panchina prima del previsto. George prova a mettere in ritmo i suoi dalla distanza, Young bissa la tripla del compagno per il primo vantaggio casalingo. Randle accorcia con il gioco da tre punti, Turner punisce la transizione difensiva dei Lakers, George colpisce ancora dalla distanza (15-9). I padroni di casa trovano linfa - oltre che dalla non impeccabile difesa ospite - dalla panchina da Miles autore di cinque punti nel parziale che vale il più nove (27-18) alla prima pausa. 

Lou Williams prova a mettersi in proprio con sei punti personali per cucire lo strappo, ma è difensivamente che i Lakers di Walton fanno fin troppa fatica a contenere Brooks e Miles. I Pacers perdono qualche misura di troppo con il secondo quintetto, mentre Ingram e Black accorciano fino al -4 Lakers. McMillan chiede aiuto ai suoi titolari per riprendere ossigeno ed un vantaggio consistente, con George che sale a quota 12 personali. I gialloviola vanno a sprazzi, soprattutto in attacco dove Russell e Deng provano a rosicchiare qualcosa al loro ritorno in campo. Due triple di Ellis e cinque in fila di un abulico Teague contribuiscono alla fuga dei Pacers fino al +16 (42-58), ma i canestri di Young e Deng rendono meno amaro il passivo all'intervallo lungo. 

La tripla di Young ed il gioco da tre punti di Russell inaugurano la ripresa, con i Pacers che stentano a carburare. Mozgov completa il parziale di 10-0 ospite prima di lasciare il campo, con Young che interrompe la striscia negativa da sotto. I padroni di casa stentano però a ritrovare ritmo e fiducia in attacco, mentre Deng e Russell dalla parte opposta riportano i gialloviola sotto di 1 (63-64). I ritmi della gara sembrerebbero essere congeniali ai Lakers, che però non approfittano della fase di impasse dei Pacers: Ellis e George, uniti ad un chirurgico Miles consentono ad Indiana di allungare nuovamente. Nell'altalena di errori degli ultimi minuti escono alla distanza il talento di Monta Ellis e Jordan Clarkson, che firmano il 79-84 alla penultima sirena.   

Le iniziative individuali caratterizzano anche l'inizio di quarto periodo: a Clarkson, Williams e Nance rispondono Ellis e Brooks, con i Pacers che conservano sempre qualche punto di prezioso vantaggio. I Lakers sono in partita e - contrariamente a quanto fatto nel primo tempo - lo dimostrano anche con qualche aiuto difensivo. George sonnecchia, Brooks ne fa le veci, ma sono Clarkson Sweet Lou a firmare ancora una volta il -2 ospite. Ripetutamente Los Angeles spreca in attacco dalla distanza e Teague e Turner riportano i padroni di casa sopra di 7. Il finale è scoppiettante: Williams trascina i viaggianti con un paio di giocate da fuoriclasse, George risponde in penetrazione (104-105). L'applicazione sembra premiare gli ospiti che con un ottimo Nance trovano il sorpasso, mentre i Pacers si affidano all'isolamento della sua stella: i tre canestri di fila di George valgono la vittoria finale, con i Lakers che cedono con l'onore delle armi.  

I tabellini. ​

Indiana Pacers - Punti: George (30), Ellis (17), Miles (16); Rimbalzi: Jefferson (7), Teague (6); Assist: Teague (6), Ellis e Young (3).  

Los Angeles Lakers - Punti: Williams (19), Clarkson (15), Russell (11); Rimbalzi: Randle (10), Black (8); Assist: Williams (5), Russell (3).