NBA - New Orleans sorprende gli Hawks, Denver sconfigge Chicago

I Bulls perdono contro i Nuggets e un Jamal Murray da 24 punti, mentre Tim Frazier mette a referto 21 punti e 14 assist consentendo ai Pelicans di espugnare Atlanta.

NBA - New Orleans sorprende gli Hawks, Denver sconfigge Chicago
NBA - New Orleans sorprende gli Hawks, Denver sconfigge Chicago.    Fonte: www.twitter.com/NBA

A dir poco inattesa la sconfitta subita nella notte Nba dagli Atlanta Hawks: team di coach Budenholzer messo al tappeto da uno strepitoso Tim Frazier, autore di 21 punti ma anche 14 assist. I padroni di casa portano sei giocatori in doppia cifra, ma nessuno oltre i 15 punti. Molto più accesa l'altra partita dall'esito altrettanto sorprendente: grazie al contributo dalla panchina del rookie Jamal Murray con 24 punti, i Denver Nuggets trovano la terza vittoria casalinga, contro i Chicago Bulls.

Atlanta Hawks - New Orleans Pelicans 94-112

Il primo quarto è già decisivo per gli ospiti che si portano in vantaggio di oltre 15 punti, nonostante Anthony Davis abbia dovuto abbandonare la partita a fine primo periodo fino al secondo tempo a causa di una botta al ginocchio. Il distacco arriva fino a 20 punti e nella seconda frazione di gioco grazie ad un parziale complessivo di 36-9. Nei Pelicans tutti riescono a dare il proprio contributo in fase offensiva mentre il celebre movimento di palla degli Hawks non porta a nessun risultato. Dopo il primo tempo conducono gli ospiti 66-44. Frazier riesce a tenere a bada i tentativi di rimonta di Millsap e compagni, e quando nell'ultimo quarto rientra in campo Anthony Davis è tutto facile per New Orleans che perde qualche punto ma conquista una vittoria fondamentale.

Denver Nuggets - Chicago Bulls 110-107

Chicago parte bene ed è ancora Jimmy Butler a comandare le operazioni, che continua a segnare dopo i 40 punti messi a referto contro i Lakers allo Staples Center. Il +12 di primo fine quarto a favore degli ospiti è però solamente un fuoco di paglia: il parziale di Denver è di 22-0 dall'inizio del secondo periodo grazie ad una panchina capace di sovrastare quella avversaria, e soprattutto da un Jamal Murray che mette a referto 17 punti solamente nel secondo quarto. I Bulls sfruttano i propri titolari nella seconda parte della frazione di gioco e si rifanno sotto pareggiando 60-60 a fine primo tempo. Per tutta la seconda parte della partita il match continua ad essere equilibrato nonostante Butler sia in grado di segnare da qualsiasi posizione. Nell'ultimo quarto, a 1.40 dalla fine è Danilo Gallinari a segnare la tripla del +4, e negli ultimi secondi gli ospiti hanno due opportunità per pareggiare i conti, prima con Canaan e poi con Gibson, ma in entrambi i casi il pallone non entra, consentendo ai Nuggets di cogliere un successo importante.