Nba, Chicago supera i Pelicans. Devin Booker stende gli Spurs

I Bulls resistono alla furia di Anthony Davis (36 punti e 14 rimbalzi) grazie a Butler e Wade. Devin Booker (39 punti) e Kawhi Leonard (38) danno vita a un vero e proprio show a Città del Messico nella gara tra Suns e San Antonio: la spunta Phoenix in volata.

Nba, Chicago supera i Pelicans. Devin Booker stende gli Spurs
Devin Booker, 39 punti contro gli Spurs a Città del Messico. Fonte: David Dow

Dopo tre sconfitte consecutive, i Chicago Bulls di Fred Hoiberg ritrovano la vittoria sul parquet amico dello United Center contro i New Orleans Pelicans di Alvin Gentry, a cui non basta un'altra prestazione monstre di Anthony Davis (36 punti, 14/23 dal campo, 14 rimbalzi). A Città del Messico, per il terzo appuntamento dell'Nba Global Games, i Phoenix Suns di Earl Watson sorprendono i San Antonio Spurs di Gregg Popovich, grazie a una performance favolosa di Devi Booker, 39 punti, che vince la sfida nella sfida con un Kawhi Leonard da 38 punti. 

Chicago Bulls - New Orleans Pelicans 107-99 

Allo United Center Fred Hoiberg ritrova Jimmy Butler, assente nelle ultime due gare dei suoi Bulls. E il prodotto da Marquette comincia subito fortissimo, segnando a ripetizione in isolamento, coadiuvato da Michael Carter-Williams. New Orleans però non ci sta e replica con Solomon Hill, E'Twaun Moore e Terrence Jones, chiudendo il primo quarto in vantaggio (21-22). Ancora senza Mirotic, i Bulls trovano due triple importanti con Rajon Rondo, oltre che il solito apporto di energia e rimbalzi del brasiliano Cristiano Felicio. Vantaggio che diventa così in doppia cifra per i padroni di casa, che approfittano di una serataccia del duo composto da Buddy Hield e Jrue Holiday per chiudere il primo tempo sul 55-45. Sul finire del secondo quarto comincia però a carburare Anthony Davis: il prodotto da Kentucky non sbaglia praticamente mai dalla media distanza, riportando sotto i Pelicans anche in apertura di ripresa, e trovando una sponda nel redivivo Tyreke Evans (suo il canestro del -2). Chicago sbanda vistosamente, i fantasmi delle ultime sconfitte aleggiano sullo United Center, ma Taj Gibson e Doug McDermott danno ossigeno a Fred Hoiberg contenendo la rimonta avversaria. Cunningham, Moore e ancora uno scatenato Davis tengono gli ospiti a contatto, finchè Dwyane Wade non decide di iscriversi alla partita quando più conta, ovverosia nei momenti chiavi del quarto quarto. Le giocate di Flash, cui si aggiunge Butler nel finale, consentono a Chicago di agguantare una vittoria importante in prospettiva playoffs. 

Chicago Bulls (20-21). Punti: Butler 28, Wade 22, Gibson 15, Carter-Williams 11. Rimbalzi: Gibson 16, Lopez 10. Assist: Butler 6

New Orleans Pelicans (16-25). Punti: Davis 36, Moore 16, Evans 14, Hill 10. Rimbalzi: Davis 14. Assist: Holiday 12. 

Phoenix Suns - San Antonio Spurs 108-105 

A Città del Messico Gregg Popovich deve fare a meno di Patty Mills e Dejounte Murray, due riserve nel ruolo di point guard. L'avvio dei suoi non soddisfa il coach degli Spurs, che modifica subito l'intero quintetto, mandando in campo i vari Dedmon, Lee, Simmons, Anderson e Forbes, mentre Booker riprende da dove aveva lasciato contro Dallas. Il gioiellino dei Suns incanta, Chandler e Len dominano sotto i tabelloni contro i lunghi avversari, ed è poi Tony Parker a suonare la sveglia per i neroargento, a canestro anche con Green e LaMarcus Aldridge. Gara che rimane sul filo dell'equilibrio, con Devin Booker e Kawhi Leonard a prendersi la scena con giocate da fenomeni. Watson trova punti anche dal solito Eric Bledsoe, mentre per Popovich è importante l'apporto dalla panchina di Manu Ginobili e Kyle Anderson. All'intervallo lungo San Antonio conduce 51-58, ma ancora una volta Booker è fenomenale nel tenere a contatto Phoenix. Nessuno riesce a fermare il giovane Devin, che arriva ben presto a trenta punti segnati, mentre anche Dragan Bender dà segni di vita per Watson con due triple importanti. Gli risponde Jonathon Simmons, ma gli Spurs sono troppo soft difensivamente, concedendo almeno un paio di penetrazioni al ferro a Bledsoe e Warren, con P.J. Tucker che trova la tripla sulla sirena del terzo quarto (80-85). Suns che rimontano e sorpassano grazie al rookie Tyler Ulis, mentre Leonard e Booker proseguono nel loro show fatto di canestri a ripetizione. Gara che si decide in volata: dopo un canestro dalla media distanza di Parker, Ginobili perde un pallone sanguinoso. Booker segna, poi Tucker fa 2/2 dalla lunetta e Danny Green sbaglia il tiro da tre della parità a quota 108. Sull'ultima rimessa Phoenix commette fallo su Gasol, che sbaglia entrambi i liberi (il secondo in maniera intenzionale): niente da fare, perchè sul rimbalzo si avventano i Suns, che vincono dunque per 108-105.

Phoenix Suns (13-27). Punti: Booker 39, Bledsoe 17, Warren 12. Rimbalzi: Chandler 15. Assist: Bledsoe 10. 

San Antonio Spurs (31-9). Punti: Leonard 38, Ginobili 16, Parker 14, Aldridge 13. Rimbalzi: Gasol 10. Assist: Leonard e Ginobili 3.