Nba, i Mavs sbancano Chicago. San Antonio regola i Timberwolves

Wesley Matthews gela i Bulls allo United Center. Spurs che si sbarazzano di Minnesota solo nel quarto quarto, grazie a un Leonard da 34 punti (non basta a Thibodeau un Towns da 27 punti e 16 rimbalzi).

Nba, i Mavs sbancano Chicago. San Antonio regola i Timberwolves
Kawhi Leonard, 34 punti contro Minnesota. Mark Sobhani

Con un canestro da tre punti di Wesley Matthews a una decina di secondi dalla fine, i Dallas Mavericks di Rick Carlisle conquistano la loro terza vittoria consecutiva e passano allo United Center di Chicago contro i Bulls di Fred Hoiberg. Successo casalingo per i San Antonio Spurs, che all'ombra dell'Alamo superano i Minnesota Timberwolves di Tom Thibodeau, anche grazie a 34 punti di Kawhi Leonard. 

Chicago Bulls - Dallas Mavericks 98-99 

Non c'è Taj Gibson nel quintetto di partenza di Hoiberg contro i Mavs, rimpiazzato da Paul Zipser. Ottimo avvio dei padroni di casa, a bersaglio da tre con Michael Carter-Williams, confermato playmaker al posto di Rondo. Dallas non ci sta e torna subito a contatto grazie a Dirk Nowitzki, Curry e all'impatto dalla panchina di Devin Harris, Dwight Powell e Salah Mejri. Per i Bulls rispondono McDermott e Felicio, ma è Robin Lopez il vero fattore del primo tempo della squadra della Windy City: come unico lungo, il gemello di Brook si ritaglia una serata da protagonista anche in attacco, mentre Mirotic fatica a trovare ritmo. Sono comunque gli ospiti a chiudere in vantaggio il primo tempo, sul 47-54. Vantaggio che si fa più consistente alla ripresa delle operazioni, quando i Mavs accelerano con un ottimo Seth Curry, coadiuvato da Harrison Barnes. In grave difficoltà, Chicago si affida ancora a Lopez e soprattutto a Jimmy Butler, trascinatore dei suoi con canestri a ripetizione. Il quarto quarto si gioca così sul filo dell'equilibrio: per gli ospiti provano a sparigliare J.J. Barea e Deron Williams, mentre per i Bulls ecco salire al proscenio Dwyane Wade. Carter-Williams e McDermott rispondono a Barnes, poi è proprio Butler a segnare un suo classico jumper dal lato destro dell'area per il 98-96 a una ventina di secondi dal gong. Sulla rimessa disegnata da Carlisle, Deron Williams penetra e poi scarica per Wesley Matthews, letale da tre. E' il canestro della vittoria per Dallas, perchè nell'ultimo possesso Butler è tenuto bene da Matthews, e Wade non trova la visuale per un buon tiro. 

Chicago Bulls (21-22). Punti: Butler 24, Lopez 21, Wade 17, Carter-Williams 10. Rimbalzi: Butler 9. Assist: Butler 12. 

Dallas Mavericks (14-27). Punti: Barnes 20, Curry 18, Barea 12, Williams e Matthews 11, Nowitzki 10. Rimbalzi: Nowitzki 10. Assist: Williams 9. 

San Antonio Spurs - Minnesota Timberwolves 122-114 

Primo quarto ad alto punteggio quello dell'AT&T Center di San Antonio, dove i Timberwolves si presentano aggressivi, soprattutto grazie a un fantastico Karl-Anthony Towns, che domina contro i lunghi avversari. Gli ospiti mettono subito la testa avanti, e Popovich ha bisogno di una scossa dalla panchina da parte di Manu Ginobili e Patty Mills. Aldridge entra poi gradualmente in ritmo, Parker appare convincente, ma Minnesota trova punti importanti da Shabazz Muhammad e Zach LaVine. Gasol è stordito dalla potenza di Towns, e spetta dunque a Kawhi Leonard mettersi all'opera per i neroargento, sotto 67-71 all'intervallo lungo. Nel terzo quarto Ricky Rubio prosegue nella sua buona serata al tiro, compensando le difficoltà del compagno di backcourt Wiggins, mentre Towns e continua a fare il bello e il cattivo tempo sotto i tabelloni. La gara svolta dopo una tripla di LaVine sul finire del periodo: qui gli Spurs cambiano marcia difensivamente e accelerano in attacco con il duo formato da Leonard (in versione MVP) e Tony Parker (in versione vintage). Anche Dedmon e Lee danno il loro contributo dalla panchina di San Antonio, che si ritrova avanti di una decina di lunghezze a inizio quarto quarto, quando ancora Leonard e Mills vanno a segno per i texani. Non si arrendono però Towns e Gorgui Dieng, che costringono LaMarcus Aldridge agli straordinari sui due lati del campo, ma i padroni di casa chiudono virtualmente la contesa a tre minuti dalla fine con una tripla di Danny Green che manda k.o. Minnesota, a cui non basta il solito cuore di un indomito LaVine per rientrare in corsa nel finale. 

San Antonio Spurs (32-9). Punti: Leonard 34, Aldridge 29, Parker 14, Mills 11. Rimbalzi: Leonard e Dedmon 7. Assist: Leonard e Parker 5. 

Minnesota Timberwolves (14-28). Punti: Towns 27, Rubio 21, LaVine 18, Dieng 17, Muhammad 15, Wiggins 10. Rimbalzi: Towns 16. Assist: Rubio 14.