Nba, Denver non sbaglia contro i Suns ma è in ansia per Jokic (127-120)

I Nuggets domano Phoenix grazie a Gallinari e Jokic, ma nel finale di gara il centro serbo subisce un infortunio all'anca tutto da valutare.

Nba, Denver non sbaglia contro i Suns ma è in ansia per Jokic (127-120)
Danilo Gallinari, 25 punti contro i Suns. Garrett Ellwood/NBAE via Getty Images

Sesta vittoria nelle ultime dieci partite per i Denver Nuggets di Mike Malone, che al Pepsi Center superano i Phoenix Suns di Earl Watson e continuano ad alimentare sogni playoff. Grandi protagonisti per i padroni di casa Nikola Jokic, che mette a referto 29 punti, 14 rimbalzi e 8 assist, e Danilo Gallinari, autore di 25 punti con 7/12 dal campo. I Nuggets non possono però festeggiare al meglio la loro vittoria, perchè nel finale di gara il centro serbo subisce un infortunio all'anca, ed è costretto a lasciare il campo visibilmente zoppicante. 

Quintetti confermati al Pepsi Center per la sfida tra Denver e Phoenix. Malone deve ancora fare a meno dell'infortunato Emmanuel Mudiay, rimpiazzato da Jameer Nelson. L'avvio di partita è equilibrato, con i padroni di casa che provano a correre in contropiede con uno scatenato Kenneth Faried, mentre Jokic dispensa canestri e assist per i compagni. I Suns rimangono però in scia, grazie ai tiri dalla media e dalla lunga distanza di Booker e Bledsoe. Gallinari è più coinvolto del solito a inizio partita, e intanto Jokic approfitta del riposo concesso da Watson a Tyson Chandler per banchettare contro Jared Dudley (spesso schierato da numero cinque). L'altro Chandler, Wilson, va a segno in uscita dalla panchina per i Nuggets, così come Will Barton, che mette in mostra la solita dose di energia. Fa ancora meglio la panchina di Phoenix, che trova punti da P.J. Tucker e Brandon Knight, con il contributo sotto canestro di Alex Len. Nel secondo quarto diventa protagonista T.J. Warren, che non sbaglia praticamente mai dai cinque-sei-metri, e i Suns chiudono così il primo tempo avanti di quattro lunghezze, 57-61.

Ospiti che cambiano marcia ed addirittura allungano alla ripresa delle operazioni. Complici un paio di brutte palle perse dell'attacco di Denver, Devin Booker si mette in ritmo con il contropiede, per poi andare a bersaglio con il suo elegantissimo tiro in sospensione. Una tripla del rookie Marquese Chriss dilata il vantaggio ospite, ma i padroni di casa reagiscono alla grande con Faried, Harris e soprattutto Jameer Nelson, determinante nei momenti che contano. Nikola Jokic prende possesso dei due tabelloni, mentre Watson vara un quintetto senza lunghi che concede però degli accoppiamenti favorevoli a Danilo Gallinari: l'azzurro arriva così fino in fondo in diverse occasioni, facendo esplodere il Pepsi Center anche con un paio di schiacciate importanti. Il sorpasso è dunque servito, anche perchè Chandler e l'altro veterano Darrell Arthur danno il cambio ai titolari. Ai Suns non resta che affidarsi ad Eric Bledsoe, assolutamente imprendibile nel quarto periodo, e autore di una schiacciata clamorosa in faccia a Faried. L'orgoglio dell'ex giocatore dei Clippers non basta però agli ospiti, costretti a capitolare ancora sotto i colpi di Gallinari e Jokic. Quest'ultimo fa tremare il suo pubblico quando manca poco più di un minuto al termine, rimanendo a terra dopo un contatto con Booker: problema all'anca per il serbo, da valutare nelle prossime ore. 

Denver Nuggets (20-25). Punti: Jokic 29, Gallinari 25, Barton 16, Faried 15, Nelson 13. Rimbalzi: Jokic 14. Assist: Nelson 9

Phoenix Suns (15-31). Punti: Bledsoe 28, Booker 24, Warren 21, Knight 17, Tucker 11. Rimbalzi: Warren 8. Assist: Booker 6.