Nba, Anthony e i Knicks si arrendono ad Atlanta dopo quattro overtime (142-139)

Non bastano 45 punti di Carmelo a New York per evitare una dolorosa sconfitta dopo quattro tempi supplementari contro gli Hawks di Paul Millsap.

Nba, Anthony e i Knicks si arrendono ad Atlanta dopo quattro overtime (142-139)
Paul Millsap, 37 punti e 19 rimbalzi contro i Knicks. Scott Cunningham/NBAE/Getty Images

Partita infinita e spettacolare alla Phillips Arena di Atlanta, tra gli Hawks di Mike Budenholzer e i New York Knicks di Jeff Hornacek. Ospiti mai domi, trascinati da uno straordinario Carmelo Anthony da 45 punti, che si spingono fino al quarto supplementare, ma che poi devono cedere di fronte a Paul Millsap (37 punti e 19 rimbalzi e compagni), vedendo ulteriormente allontanarsi la zona playoffs. 

Jeff Hornacek si presenta senza Derrick Rose (distorsione alla caviglia sinistra) ad Atlanta, ma l'inizio dei suoi giocatori è incoraggiante. Guidati da un Anthony spaziale in attacco, i Knicks allungano grazie a Lee e Jennings, mentre Joakim Noah ingaggia il solito duello con Dwight Howard. I problemi di New York risiedono però nella metà campo difensiva, soprattutto in transizione, con Millsap e Schroder ad approfittarne. Dalla panchina ospite bene Mindaugas Kuzminiskas e Ron Baker, mentre dell'altra parte è sempre Paul Millsap il punto di riferimento degli Hawks. Il numero quattro di Atlanta dà spettacolo contro Kristaps Porzingis, che risponde per le rime. All'intervallo lungo Knicks avanti 61-65, vantaggio che rimane inalterato anche nella prima metà del terzo quarto, quando Melo e il giovane lettone continuano a segnare (gran schiacciata del lettone su Howard). Gli Hawks rispondono però colpo su colpo, grazie alle penetrazioni di Dennis Schroder, su cui gli ospiti non riescono a trovare una valida opzione difensiva, e passano in vantaggio con due triple consecutive di Mike Dunleavy. Si gioca punto a punto, e per New York sale al proscenio Justin Holiday, caldissimo nel finale, anche se la scena se la prende tutta Carmelo Anthony, ancora a segno in penetrazione per la parità a quota 104. 

Si giunge così al primo overtime, in cui Holiday, Lee e Melo replicano a Bazemore, Hardaway, Howard e Schroder. Sotto di due, gli ospiti vanno nuovamente dal loro numero sette, che si isola contro Millsap e pareggia ancora sul 113 per un altro supplementare. L'incontro diviene così una corsa al sorpasso, con Anthony immarcabile, a replicare ai vari Millsap e Howard. Schroder sembra mettere la parola fine all'incontro con l'ennesima chiusura al ferro, ma un tripla folle di Courtney Lee ristabilisce la parità (123-123) e dà il là al terzo overtime. Holiday e Kuzminskas provano l'allungo per New York, e stavolta sono Millsap e Schroder a dover salvare Atlanta dalla sconfitta, con una tripla e un altro layup (parità a quota 130). Il quarto e ultimo supplementare è - se possibile - ulteriormente spettacolare: Holiday e Jennings sparano dall'arco, ed è Ken Bazemore a replicare con due triple consecutive. Ancora Jennings porta in vantaggio i Knicks, ma è l'ultima fiammata ospite, costretti ad arrendersi ancora a Bazemore e a Millsap, che infliggono così una sconfitta dolorosissima alla compagine newyorchese. 

Atlanta Hawks (28-20). Punti: Millsap 37, Bazemore 24, Schroder 23, Howard e Hardaway 19, Dunleavy 12. Rimbalzi: Millsap 19, Howard 13. Assist: Schroder 15

New York Knicks (21-28). Punti: Anthony 45, Jennings 18, Lee 17, Porzingis e Holiday 15, Kuzminskas 13. Rimbalzi: Noah 14, O'Quinn 12. Assist: Jennings 11.