NBA, le posizioni ancora da delineare nel quadro playoff

A Est Cleveland e Boston lottano ancora per il primo posto, mentre è serrata la corsa per le ultime due monete per i playoffs, tra Indiana, Chicago e Miami. Unica incertezza ad Ovest il piazzamento finale di Clippers e Jazz.

NBA, le posizioni ancora da delineare nel quadro playoff
Dwyane Wade dei Chicago Bulls in azione contro la sua ex squadra, i Miami Heat. Fonte: Bulls,.com

Quando mancano ormai solo due giorni (tre notti) alla fine della regular season NBA 2016/2017, e cinque all'inizio dei playoffs, la griglia delle due Conference della pallacanestro professionistica americana non è ancora completamente definita. Tra le squadre che si giocano di più, i Chicago Bulls di Fred Hoiberg e i Miami Heat di Erik Spoelstra, in lotta per l'ottava posizione nella Eastern Conference. Ma non solo: è ancora aperta la sfida per il primo posto tra Cleveland Cavaliers e Boston Celtics, mentre ad Ovest Los Angeles Clippers e Utah Jazz si contendono il vantaggio del fattore campo per il primo turno delle serie di postseason. Questa la situazione, tra qualificate, in bilico ed escluse. 

EASTERN CONFERENCE 

Posizione numero uno. Cleveland Cavaliers e Boston Celtics (51-29). Record identico per i campioni in carica e i biancoverdi. Il tie-breaker, determinato dall'esito degli scontri diretti in stagione regolare, sorride a Cleveland, a cui basterà dunque ottenere gli stessi risultati dei Celtics per chiudere davanti a tutti a Est. Cavs attesi a due gare non facilissime: stanotte, alla Quicken Loans Arena contro i Miami Heat, martedì notte, all'Air Canada Centre contro i Toronto Raptors. Per Boston partita casalinga contro i Brooklyn Nets e poi ultima apparizione a Milwaukee. 

Terzo posto. Toronto Raptors (50-31). I canadesi di Dwane Casey sono già certi della terza posizione: ultimo impegno casalingo contro i Cavaliers proprio nella gara che chiude la loro regular season. 

Quarto posto. Washington Wizards (48-32). Posizione in ghiaccio anche per la squadra di Scott Brooks, impegnata stanotte in casa contro i Detroit Pistons, martedì a Miami contro gli Heat. 

Quinta posizione. Atlanta Hawks (42-38) e Milwaukee Bucks (42-39). Il tie-breaker sorride agli Hawks di Mike Budenholzer, che devono ancora giocare a Charlotte e in casa contro gli Indiana Pacers, mentre la franchigia del Wisconsin dovrà vedersela al Target Center contro i Boston Celtics, dopo aver assaggiato lo Spectrum Center di Charlotte. 

Settima e ottava posizione. Indiana Pacers (40-40), Chicago Bulls (39-41) e Miami Heat (39-41). I Pacers di Nate McMillan sono a un passo dai playoff, nonostante abbiano il tie-breaker sfavorevole sia contro Chicago che contro Miami. Le ultime due partite di Indiana sono contro Philadelphia (in casa) e ad Atlanta. Bulls attualmente ancora in vantaggio sugli Heat (tie-breaker a favore), con due gare da disputare: in casa contro i Magic e contro i Nets. Calendario più complicato per Miami, che ospita i Cavs e poi i Wizards. 

Fuori dai playoffs. Brooklyn Nets (20-60), Philadelphia 76ers e Orlando Magic (28-52), New York Knicks (30-51), Charlotte Hornets (36-44) e Detroit Pistons (37-43).

WESTERN CONFERENCE 

Primo posto. Golden State Warriors (66-14). Un'altra cavalcata in regular season ha regalato ai Dubs il miglior record della Lega. Inutili, da questo punto di vista, le ultime due sfide alla Oracle Arena contro Utah Jazz e Los Angeles Lakers. Al primo turno di playoffs i Warriors giocheranno contro i Portland Trail Blazers. 

Secondo posto. San Antonio Spurs (61-19). Certi del secondo posto, gli Spurs di Gregg Popovich chiuderanno la loro regular season in trasferta, prima a Portland e poi a Salt Lake City, per poi tuffarsi nel primo turno di playoffs contro i Memphis Grizzlies. 

Terzo posto. Houston Rockets (54-26). Posizione assicurata anche per i Rockets di Mike D'Antoni e James Harden, che ora attendono gli Oklahoma City Thunder di Billy Donovan e Russell Westbrook. Ultime due gare a Los Angeles contro i Clippers e a Minneapolis contro i Timberwolves. 

Quarto posto. Los Angeles Clippers e Utah Jazz (49-31). Dopo una lunga lotta a due, sono i Clips di Doc Rivers ad essere davanti ai Jazz di Quin Snyder. Per Lob City, che ha il tie-breaker dalla sua, sfida casalinga ai Rockets e poi ultima trasferta a Sacramento. Calendario complesso per Utah, di scena a Oakland contro i Warriors e poi in casa contro gli Spurs. Clippers e Jazz si ritroveranno ai playoff, con i primi al momento titolari del vantaggio del fattore campo. 

Sesto posto. Oklahoma City Thunder (46-34). Ultime due gare di tutta tranquillità per Westbrook e compagni, in trasferta a Minneapolis e in casa contro i Nuggets. Poi playoffs, con i Rockets primo ostacolo. 

Settimo posto. Memphis Grizzlies (43-38). Una Memphis in calo ha chiuso al settimo posto ad Ovest, assicurandosi per il secondo anno di fila un primo turno di playoff contro i San Antonio Spurs (la scorsa stagione sweep in favore dei texani). Per gli uomini di Jorger, ultima fatica di regular season, la trasferta di Dallas contro i Mavs. 

Ottavo posto. Portland Trail Blazers (40-40). Al termine di una lunga volata con i Denver Nuggets, a prevalere sono stati i Blazers di Terry Stotts e Damian Lillard: Spurs (in casa) e New Orleans (in trasferta) ultime prove prima della sfida ai Warriors (l'anno scorso, in semifinale, finì 4-1 per i californiani). 

Fuori dai playoffs. Phoenix Suns (24-57), Los Angeles Lakers (25-55), Minnesota Timberwolves e Sacramento Kings (31-49), New Orleans Pelicans (33-47), Denver Nuggets (38-42).