Champions League, Guardiola: "Per il momento non si può paragonare il Barca al City"

Le parole del tecnico del City alla vigilia del match contro il Basilea

Champions League, Guardiola: "Per il momento non si può paragonare il Barca al City"
https://twitter.com/ManCity

Domani sera il Manchester City ospiterà il Basilea per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Guardiola è intervenuto nella conferenza di oggi per presentare la partita.

All' andata i Citizens si sono imposti per 4-0 con la doppietta di Gundogan, Bernardo Silva e Aguero, ma occhio alle sorprese. Anche la Premier è in mano del Manchester: "Siamo vicinissimi, non posso negarlo. La cosa più importante è che dipende da noi ma non è ancora fatta, come non è ancora fatta per i quarti di Champions. È questa la realtà e bisogna rimanere calmi. Domani ricominciamo da zero. Dobbiamo concentrarci e non dobbiamo commettere errori. La Champions è qualcosa di speciale e nel calcio tutto può succedere".

Questo City è molto diverso rispetto alla scorsa stagione: "Abbiamo vinto più partite quindi abbiamo fiducia. La scorsa stagione eravamo molto traballanti, In questa stagione abbiamo vinto molte più partite, quindi abbiamo più fiducia e siamo a un livello più stabile".

Ma, con la qualificazione quasi in tasca, Guardiola adotterà diversi cambi tra i titolari: "Quello di domani è buon test per imparare a gestire un buon momento. John Stones e' un giocatore straordinario e me lo ha dimostrato ampiamente. Ora abbiamo quattro ottimi centrali. Vincent Kompany è stato fuori a lungo ma ha giocato le ultime partite. Questa volta sara' John ad avere l'opportunita' di mettersi in mostra". 

Visto anche il risultato dell'andata, il tecnico del City si è concesso a paragoni con grandi suue squadre del passato, in particolare a quel Barcellona che fra il 2008 e il 2012 ha dominato in Spagna: "Non siamo al livello di quel Barcellona. Parliamo di giocatori completamente diversi, e se quelli del Barcellona hanno vinto tanto, noi siamo ancora all'inizio. Abbiamo vinto appena un trofeo, non si possono fare paragoni ed è anche meglio non farli. Il Barcellona domina da quasi vent'anni, pur cambiando giocatori e allenatori. Per essere a quel livello bisogna vincere per molto tempo e noi abbiamo conquistato solo una Coppa".

Manchester City (4-1-4-1): Claudio Bravo; Danilo, Stones, Laporte, Zinchenko; Yaya Touré; Bernardo Silva, Gündogan, Foden, L.Sané; Gabriel Jesus. All. Josep Guardiola