Europa League, Wenger in conferenza: "Siamo concentrati sul Milan. Bellerin non convocato"

Le parole del tecnico dell'Arsenal in conferenza stampa: "Le recenti batoste possono influire mentalmente, ma vogliamo riscattarci. Gattuso pulcino? È lui che deve consigliare me".

Europa League, Wenger in conferenza: "Siamo concentrati sul Milan. Bellerin non convocato"
https://twitter.com/Arsenal

Arsene Wenger è intervenuto in conferenza stampa in vista della partita contro il Milan, valevole per l'andata degli ottavi di finale di Europa League.

I Gunners non stano di certo affrontando un bel periodo: "La squadra sta soffrendo e ha subito, a livello mentale, le batoste in campionato e in coppa. Bisogna ripartire dalle cose semplici e riscoprire le qualità che abbiamo. Dobbiamo rimanere compatti. Possiamo mettere il Milan in difficoltà. Prima di vincere l’Europa League dobbiamo eliminare il Milan. Sappiamo che è l'unico trofeo che possiamo vincere. Lo scorso anno non è stata così negativa, perchè abbiamo vinto l'Europa League. Dobbiamo dimostrare di avere carattere".

Non si può dire lo stesso per i rossoneri: "Secondo me questa è una partita molto dura. Il Milan gioca e sta bene. Sarà una sfida molto dura"Quest'oggi Gattuso si è definito un allenatore ‘categoria pulcini’ in confronto a Wenger: "Non devo dargli grandi consigli. Sta facendo molto bene e ha una grande esperienza. Sto attraversando un momento difficile e credo che dovrei chiedergli io dei consigli."

Infine il tecnico dell'Arsenal ha fatto il punto sull'infermeria: "Bellerin non è stato convocato per un problema al ginocchio sinistro. Non c’è interessamento dei legamenti, ha molto dolore e oggi ha sostenuto degli esami in ospedale. Non poteva essere convocato. Lacazette non è pronto, Moer nemmeno". 

Insieme a Wenger era presente anche Koscielny: "In questo momento dobbiamo rimanere compatti. Possiamo mettere il Milan in difficoltà e dobbiamo pensare solo a questa partita, non ai rumors. Ritorno al passato? Era un altro Milan e anche un altro Arsenal. Mi ricordo dei tanti campioni che c'erano in campo e della sconfitta netta che ci hanno rifilato. La partita di domani è molto diversa, ma ugualmente importante per arrivare alla sfida di ritorno con un buon risultato".