La Coupe de France va al PSG: Lo Celso e Cavani stendono un miracoloso Vendee les Herbiers

Grandissima prova dei ragazzi di Masala, che tengono testa al PSG uscendo senza troppi danni dalla sfida contro la corazzata. Un ottimo Pichot e qualche palo salvano il VHF, sconfitto dalle reti di Lo Celso e Cavani. PSG ancora vincitore in una coppa nazionale, troppo importante la differenza tra le due rose.

La Coupe de France va al PSG: Lo Celso e Cavani stendono un miracoloso Vendee les Herbiers
Source photo: profilo Twitter Vendee les Herbiers
VENDEE LES HERBIERS
0 2
PARIS SAINT-GERMAIN
VENDEE LES HERBIERS: Pichot; Marie, Fofana, Dequaire, Pagerie; Flochon, Vanbaleghem (Dabasse, min. 63), Eickmayer (Couturier, min. 86); Bongongui, Germann (Gboho, min. 64), Rocheteau.
PARIS SAINT-GERMAIN: Trapp; Dani Alves (Meunier, min. 87), Marquinhos Thiago Silva, Berchiche; Lo Celso, Motta (Draxler, min. 69), Rabiot; Mbappé (Pastore, min. 86), Cavani, Di Maria.
SCORE: 0-1, min. 27, Lo Celso. 0-2, min. 74, Cavani (R).
ARBITRO: Lesage (FRA). Ammoniti: Berchiche (min. 16), Pichot (min. 73)
NOTE: Stade de France, gara valida per la Coupe de France 2017/18.

Davide non ha battuto Golia. Nonostante l'encomiabile impegno messo in campo, infatti, il Vendee les Herbiers non riesce a battere il Paris Saint-Germain, che conquista così la sua ennesima Coupe de France. Disputando una sfida praticamente sempre in attacco, i parigini di Emery sbloccano la sfida al ventisettesimo e dopo tante chance mancate. A fare 1-0 è il giovane Lo Celso, che si scrolla di dosso la malasorte battendo Pichot con un tiro molto preciso. Nella ripresa lo spartito non cambia: il VHF si difende ed il PSG attacca, trovando il 2-0 grazie ad un rigore messo a segno da Edinson Cavani. A vincere sono dunque i parigini, agli avversari vanno però l'onore delle armi per un cammino in coppa memorabile. 

I ragazzi di Masala scendono in campo adottando il 4-3-3. Davanti a Pichot, difesa a quattro composta da Marie, Fofana, Dequaire e Pagerie. Chiavi del gioco affidate al mediano Vanbaleghem, affiancato dalle mezz'ali Flochon ed Eickmayer. Germann al centro del tridente, Bongongui e Rocheteau come ali offensive. Stessa disposizione tattica per i parigini di Emery, con il tecnico spagnolo che non disdegna qualche pezzo da novanta. Trapp in porta, protetto dai centrali difensivi Thiago Silva e Marquinhos e dai terzini Dani Alves e Berchiche. Nella zona mediana del campo, Thiago Motta, con Lo Celso e Rabiot ai lati. Poche sorprese in attacco, dove Di Maria e Mbappé sostengono il matador Cavani.

Paris Saint-Germain in pieno controllo del match fin dai primi minuti. Dopo una brevissima parentesi favorevole a Les Herbiers, infatti, i ragazzi di Emery sfiorano il goal al sesto, quando è Lo Celso a concludere a giro trovando solo il montante della porta protetta da Pichot. Tre minuti dopo è invece Mbappè a concludere in porta, ripetendo praticamente quanto fatto dal compagno argentino. Totalmente in palla, il Paris Saint-Germain mette pressione agli avversari, alternando un possesso estenuante a pericolose fiammate: al 19' colpo di testa di Di Maria di poco fuori, un minuto dopo terzo palo di partita colpito da uno sfortunatissimo Lo Celso.

Le tante occasioni mancate non deconcentrano i forti campioni di Francia, che al ventisettesimo posso finalmente festeggiare proprio grazie ad una stilettata di Lo Celso. Dal limite dell'area, l'ex Rosario Central batte finalmente Pichot con una conclusione precisa e che si deposita all'angolino destro della porta difesa dall'ex Bastia. E' ormai una sfida a senza unico, quella dello Stade de France, con l'eroico Vendee Les Herbers che cerca di tamponare lo strapotere fisico della corazzata di Emery. Al tentacinquesimo pericolosa punizione di Dani Alves di poco fuori, quattro minuti dopo è di Mbappè un colpo di testa che non trova lo specchio della porta. 

Seconda frazione che, manco a dirlo, inizia con il PSG in attacco. Al 50' ci prova subito Cavani, il suo tiro di prima intenzione viene però sventato da Pichot. Ottimo, nell'occasione, il tacco smarcante di Mbappè. Due minuti dopo il pericoloso attaccante ex Monaco riesce finalmente a segnare, approfittando di un mancato rinvio di Fofana. Dopo aver consultato il VAR, il direttore di gara ravvisa un fallo di Marquinhos ad inizio azione. Affatto decisi a calare di intensità, i parigini di Emery attaccano ancora al 56', quando è sempre Cavani ad impegnare Pichot in una buona parata di piedi. Passano quattro minuti e ci prova invece Di Maria, il suo tiro è però debole e centrale.

Continuando ad attaccare alla fine il goal arriva, per il Paris Saint-Germain, che al 74' chiude definitivamente i conti grazie al raddoppio del matador Cavani. Imbucandosi centralmente, l'ex Napoli si ritrova a tu per tu con Pichot e conquista un prezioso rigore a causa di un intervento falloso dell'ex portiere del Bastia. Dagli undici metri non sbaglia la prima punta del PSG, la sua conclusione è troppo potente per un Pichot bravo comunque ad intuire. La rete dell'uruguayano è di fatto l'ultimo effettivo squillo di gara, che si conclude dopo due minuti di recupero. Nei minuti finali i ragazzi di Masala cercano comunque il goal della bandiera, sfiorandolo prima con Fofana e poi con Couturier. Finisce dunque 2-0 per il PSG: migliore in campo per il VHF, Pichot. Per i ragazzi di Emery bene Mbappè.