Chelsea, sfida al Liverpool per Pulisic
www.twitter.com (@BVB)

Chelsea, sfida al Liverpool per Pulisic

Il talentino statunitense si è messo in luce nella tournée estiva del Borussia Dortmund: le big inglesi sono pronte a darsi battaglia, ma la richiesta è altissima.

AlbertoZamboni
Alberto Zamboni

Talento puro, maturità tecnica già acquisita ed età giovanissima. Le caratteristiche di Christian Pulisic lo rendono uno dei pezzi pregiati del mercato, reso ancora più ricercato dopo le splendide prestazioni nella International Champions Cup con la maglia del Borussia Dortmund, che fanno seguito alle ultime due ottime stagioni in giallonero, sia in Bundesliga che nelle coppe europee.

A mettere gli occhi su di lui ci sono le solite big inglesi, pronte a mettere sul piatto cifre importanti per accaparrarsi le prestazioni del classe ‘98. In prima fila c’è il Liverpool, che ha testato in prima persona le qualità dell’ala statunitense subendo la doppietta nella sconfitta per 3-1 con il BVB; il giocatore ha anche incassato i complimenti del manager Jurgen Klopp, il quale lo accolse al suo sbarco in Germania, nel 2015, quando venne notato durante una partita nell’Under 17 degli Stati Uniti, da tecnico del Borussia; ai Reds, si aggiunge alla corsa anche il Chelsea, alla caccia di un profilo simile da inserire nel 4-3-3 di Maurizio Sarri, visti i punti interrogativi sulla permanenza in Blue di Eden Hazard e Willian. Anche la Roma ci aveva fatto un pensierino, dopo l’affaire Malcom, salvo poi virare su altri obiettivi.

A questo scenario si aggiunge il fatto che Pulisic ha un contratto in essere con il Borussia valevole fino al 30 giugno 2020 e negli ultimi giorni le trattative per il rinnovo si sono interrotte, costringendo perciò il club a pensare alla cessione già in questa sessione di calciomercato, per evitare di trovarsi l’estate prossima a non avere alcun potere contrattuale e vedersi obbligato ad accettare offerte più basse del suo reale valore. La richiesta dei tedeschi è però molto alta: almeno 70 milioni di euro, perché mai come quest’anno c’è bisogno di leader tecnico e caratteriale in una stagione di forte rinnovamento per i gialloneri del nuovo allenatore Lucien Favre.

VAVEL Logo