Il Liverpool batte un ottimo Torino in amichevole (3-1)
I giocatori del Liverpool ieri. | @LFC, Twitter.

Il Liverpool batte un ottimo Torino in amichevole (3-1)

Buona prova della squadra granata, che si dimostra pronta per la partita al Grande Torino contro la Roma.

francesco-bruni
Francesco Bruni
LIVERPOOLLIVERPOOL (4-3-3): Alisson (st 27′ Karius); Alexander-Arnold (st 18′ Clyne), Phillips, van Dijk (st 1′ Grujic), Moreno(st 1′ Robertson); Keita (st 1′ Jones), Fabinho (st 25′ Henderson), Wijnaldum (st 1′ Lallana); Salah (st 1′ Shaqiri), Firmino (st1′ Sturridge), Mane (st. 1′ Ings) A disp. Johnston, Camacho, Grabara. All. Klopp
TORINOORINO (3-5-2): Sirigu; Bremer, Nkoulou, Izzo (st 22′ Moretti); De Silvestri, Baselli (st 25′ Ansaldi), Rincon (st 33′ Lukic), Meité, Berenguer (st 33′ Valdifiori); Falque (st 15′ Edera), Belotti (st 33′ Niang). A disp. Ichazo, Rosati, Parigini, Ferigra. All. Mazzarri
SCORE0-1, min. 21, Firmino. 0-2, min. 24, Wijnaldum. 1-2, min. 31, Belotti. 1-3, min. 87, Sturridge.
ARBITROArbitro: Oliver (Beswick-Ledger; IV Ufficiale: Mainwaring)

Amichevole di prestigio per il nuovo Torino di Mazzarri. Avversario i vice campioni d'Europa in carica del Liverpool di Klopp. Gli inglesi, più avanti nella preparazione (esordiranno in Premier domenica contro il West Ham), venivano da una serie positiva di amichevoli nella pre-season con le due vittore contro le due di Manchester e la sconfitta contro il Dortmund. Il Torino, dal canto suo, affrontava un test davvero difficile, ma sicuramente provante sulle vere condizioni della squadra dopo le partite estive. Liverpool che schiera i titolari classici con Alisson tra i pali e Salah, Firmino e Manè davanti, ma con assenza del croato Lovren, in vacanza post finale mondiale. Granata in formazione tipo con Belotti, Berenguer e Falque a guidare l'attacco degli ospiti.

Primo tempo bello e combattuto, dove il Toro attende i Reds nella sua metà campo per una buona parte iniziale di partita. I primi minuti sono nel segno rosso con Salah che dimostra di muoversi davvero bene nella linea di difesa granata. Occasione anche per il Torino con Belotti che prova la rovesciata, ma stecca il pallone. Fatalità vuole che l'arbitro Oliver (quello del discusso arbitraggio del quarto di finale tra Real e Juventus, ndr) assegni un rigore abbastanza, se non del tutto, inventato per un presunto fallo di Bremer, accusato di aver spinto l'avversario. Fabinho va sul dischetto, ma sbaglia: palla a lato. Non passa però molto dal rigore fallito che il Liverpool passa in vantaggio con una giocata pazzesca di Salah che vede Firmino solo in area di rigore, tiro preciso, De Silvestri non chiude in tempo e palla alle spalle di Sirigu al minuto 21. Passano tre minuti e al 24esimo l'olandese Wijnandum, autore di un'ottima gara, insacca il due a zero. La partita sembra compromessa, ma il Toro dimostra di volerla giocare fino alla fine e al minuto 31, De Silvestri si ferma sul limite dell'area di rigore e mette un cross delizioso per Belotti, il quale insacca di testa alle spalle di Alisson. Si va a riposo senza recupero.

Il secondo tempo non è altrettanto spettacolare come nella prima frazione, ma in campo regna un equilibrio perfetto. Klopp cambia i suoi uomini facendo entrare Sturridge, Shaqiri e Lallana tra gli altri, ma sembra rimanere partita bloccata. Il Torino difende in modo ordinato e gli inglesi non trovano spazio per partire, anche vista l'assenza di Salah nella ripresa. Ma al minuto 87 arriva un gran gol della squadra di casa. Merito di Shaqiri che si inventa da zero una azione magistrale e serve un assist perfetto a Sturridge, il quale insacca per il 3-1 Reds. Nel finale, palla meravigliosa sui piedi di Niang che, solo davanti a Karius, sbaglia aggancio e tiro, dopo che pochi minuti prima aveva sempre sfiorato la rete il giovane Edera. Un Toro che esce, comunque, in modo positivo da Anfield, convinto del suo valore e del lavoro che sta svolgendo in settimana. I granata hanno parecchi promossi: Belotti per il gol e il movimento anche lontano dalla palla, bene Bremer, giovane su cui Mazzarri può e deve lavorare, conferme anche per N'Koulou e De Silvestri. Rimandati Baselli e Falque, fuori dalla partita e troppo emozionati, forse, dall'ambiente. I Reds hanno in Salah, Firmino, Shaqiri delle carte interessanti e da promuovere, con nota di merito all'ex Inter e Stoke. rimandato Sturridge, almeno fino al gol. Bocciato Manè per gli inglesi e Niang negli italiani, Niang lontano da quello visto col Senegal negli ultimi Mondiali.

VAVEL Logo