Ligue 1, il PSG apre con il Caen
Ligue 1, il PSG apre con il Caen - Twitter

Ligue 1, il PSG apre con il Caen

Prima in campionato per Tuchel, diverse defezioni nell'undici parigino.

vavel
VAVEL

La prima del PSG targato Tuchel. Il nuovo corso prende forma in patria - la scorsa settimana quattro reti rifilate al Monaco in Supercoppa - esordio in campionato per i campioni in carica. Nel catino di casa, l'armata parigina insegue conferme e risposte. Il pronostico pende ovviamente verso la Tour Eiffel, troppo il disavanzo rispetto alle prime inseguitrici. La Ligue 1 è terreno fertile per coltivare propositi europei, il giusto rettangolo in cui costruire qualcosa di importante. Lo sceicco Al Khelaifi non intende fare ulteriori sconti, la Champions è da anni l'obiettivo designato. Vincere oltre i confini nazionali è l'ossessione, specie dopo anni di sperperi. Battere il Caen, avversario alla portata, è doveroso, il tecnico può sperimentare in attesa di alcuni elementi oggi in ritardo di condizione o ai box per infortunio. 

Difficile lavorare con un organico ridotto, fondamentale concedere respiro ad alcuni dopo le fatiche iridate. Mbappé, protagonista assoluto al recente mondiale, deve eliminare naturali scorie, Verratti e Kurzawa sono alle prese con noie di carattere fisico. L'undici per questa sera - fischio d'inizio alle 21 - è così infarcito di belle speranze. Buffon protegge i pali, fondamentale l'innesto dell'ex n.1 bianconero, capace di trasmettere personalità a stelle fin qui senza meta. La retroguardia è d'eccellenza, Marquinhos e T.Silva oscurano i pali del portierone. In corsia si muovono Meunier e N'Soki, in attesa del citato Kurzawa e del Dani Alves di coppa. Diarra rileva Verratti, a Rabiot il compito di costruire e legare i reparti. Lo Celso completa il pacchetto di mezzo. Con Mbappé e Cavani a corto di fiato, è Neymar il tenore d'attacco. Il brasiliano parte da sinistra, con Di Maria, due reti in supercoppa, sul fronte opposto. Il diciottenne Weah è il terminale centrale.   

Dopo un'estate in sordina, condizionata dai paletti del fair play finanziario, a Parigi si respira un'aria diversa. Tuchel, più di Emery, sembra avere le giuste credenziali per dare linfa ad ambiziosi progetti.

Mercadal sbarca a Parigi senza eccessive preoccupazioni. Il Caen è vittima sacrificale alla corte dei padroni di Francia, non intende però prestare il fianco senza lottare. Il modulo è il 4-2-3-1, con Bammou e Ninga come esterni alti. Ai due, l'allenatore chiede un pronto ripiegamento per aumentare la densità in mediana e ostruire facili vie di passaggio al PSG. Rodelin si muove un passo dietro Tchokounte, Peeters e Oniangué presidiano la mediana. Genevois e Djiku proteggono i pali di Samba, i laterali bassi sono Guilbert e Mbengue.   

 

VAVEL Logo

    Ligue 1 Notizie

    10 giorni fa
    14 giorni fa
    15 giorni fa
    17 giorni fa
    18 giorni fa
    18 giorni fa
    20 giorni fa
    21 giorni fa
    24 giorni fa
    25 giorni fa
    un mese fa