Europa League, Atalanta che beffa: Copenaghen passa ai rigori
https://twitter.com/EuropaLeague

Europa League, Atalanta che beffa: Copenaghen passa ai rigori

Dopo il ritorno dei playoff termina ancora 0-0, dal dischetto decisivi gli errori di Gomez e Cornelius..

ari-radice
Arianna Radice
Copenaghen (4-4-2): Joronen; Ankersen, Vavro, Bjelland, Boilesen (108' Kvist); Skov, Falk (65' Sotiriou), Zeca, Thomsen (79' Gregus); Fischer (108' Bengtsson), N'Doye. All. Solbakken.
Atalanta(3-4-2-1): Gollini; Toloi, Palomino, Masiello; Castagne, de Roon, Freuler (91' Pessina), Gosens (94' Adnan); Pasalic (57' Barrow), Gomez; Zapata (53' Cornelius). All. Gasperini.
SCORE0-0 Sequenza rigori: De Roon (A) gol, Sotiriou (C) gol, Adnan (A) gol, Gregus (C) gol, Gomez (A) traversa, Skov (C) gol, Masiello (A) gol, N'Doye (C) fuori, Cornelius (A) parato, Vavro (C) gol
ARBITROAmmoniti: Thomsen, Ankersen, Palomino, Pessina, Vavro

L'Atalanta non è riuscita a qualificarsi alla fasi a gironi dell'Europa League. Dopo un'ottima partita, per la squadra di Gasperini è arrivata la beffa ai rigori, decisivi gli errori di Gomez e Cornelius. Dunque è passato il Copenaghen, non per superiorità certamente. 

C'è rammarico nelle parole di Gasperini, intervenuto a Sky Sport, visto che i bergamaschi hanno prodotto talmente tanti tiri fra le due gare ma non hanno concretizzato: “Le partite a eliminazione diretta sono così, diverse da quelle di campionato dove c’è sempre la possibilità di rimediare. In questo tipo di gare conta la freddezza, la lucidità, la determinazione nel segnare. Noi non siamo riusciti, su 30 episodi, a realizzare un gol. Loro stavano meglio, abbiamo fatto tutto il possibile: ci è mancato davvero solo il gol. Dispiace soprattutto per i tifosi e per i ragazzi, andare in giro per l’Europa è una cosa bellissima".

Tra mille rimpianti il tecnico dell'Atalanta è convinto che i suoi si rifaranno già in campionato: "Questa è una squadra che reagisce, sono tutti ragazzi molto positivi. È normale essere delusi a fine partita, io li ho sempre visti lavorare con la voglia di arrivare in Europa per i tifosi e per loro stessi. Non è stato facile giocare sei partite da luglio ad agosto col caldo e i trasferimenti a Reggio Emilia. I ragazzi sono stati encomiabili e non si devono rimproverare nulla. Ora c’è la delusione, da domani penseremo a preparare il campionato, senza alcun rimpianto".

 

VAVEL Logo