Il Tottenham crede ancora nella qualificazione, ma è obbligatorio vincere a Eindhoven

Il Tottenham crede ancora nella qualificazione, ma è obbligatorio vincere a Eindhoven

Gli inglesi sono costretti ad ottenere i tre punti in Olanda per inseguire il sogno qualificazione che resta davvero complicato

edoardo-szczesny-viglione
Edoardo Viglione

Entrambe ferme a zero punti, appaiate nei due gradini più bassi della scala del Girone B. Così si può descrivere PSV-Tottenham, uno dei due anticipi che andrà in scena questa sera alle 18:55. Gli inglesi arrivano alla terza giornata di Champions League in un momento horror dopo la rimonta subita nei minuti finali a San Siro dall'Inter e la sconfitta interna contro il Barcellona. Anche se la qualificazione resta complicatissima, però, non è ancora del tutto impossibile. Se i nerazzurri non dovessero ottenere punti contro i blaugrana, due vittorie contro gli olandesi riaprirebbero il sogno qualificazione per Kane e compagni che si giocherebbero lo scontro diretto opposti alla squadra di Spalletti davanti al proprio pubblico.

I campioni d'Olanda, come già anticipato, sono anche loro fermi a due sconfitte e necessitano di punti importanti per la qualificazione in Europa League. L'ex Milan Van Bommel, ora allenatore del PSV, opterà per il classico 4-3-3 con Zoet in porta difeso da Dumfries, Schwaab, Viergrever e Angelino. Rosario, Hendrix e Pereiro agiranno sulla mediana mentre Bergwijn, De Jong e il diamante Lozano formano il tridente.

Qui Tottenham, dove Mauricio Pochettino si affida al 4-2-3-1. Tra i pali ci sarà Lloris. Davanti all'estremo difensore francese trovano spazio Aurier, Alderweireld, Davinson Sanchez e Davies. Winks e Dier costituiscono il tandem di centrocampo, mentre Kane riceverà i suggerimenti offensivi di Lamela, Son ed Eriksen.

VAVEL Logo