Italia - Lussemburgo, prove mondiali

Prandelli vara il nuovo assetto in vista del mondiale sudamericano. Verratti e Pirlo a ispirare, con De Rossi in interdizione. Davanti il recuperato Balotelli.

Italia
Lussemburgo / 20.45

Perugia si avvolge attorno alla Nazionale, rendendo azzurro un orizzonte cosparso di domande e dubbi. La conferenza di Prandelli ha chiarito scelte e esclusioni, chiudendo un capitolo destinato a tornare in voga in caso di fallimento mondiale. Le rinunce a Rossi e Destro hanno creato perplessità, come normale che sia in una terra di allenatori come l'Italia. Impossibile concordare sulla lista completa del Ct, o meglio trovare la massima approvazione per ognuno dei selezionati. Non resta che accantonare le polemiche e supportare l'Italia, che da stasera pensa ufficialmente alla spedizione iridata. 

Al Renato Curi gli azzurri affrontano il Lussemburgo prima della partenza per il Sud America. Test diverso da quello sostenuto nel week-end contro l'Irlanda. Se a Craven Cottage Prandelli chiedeva risposte su condizione e stato di forma dei "sospetti", qui si inaugura l'ossatura anti-Inghilterra. Un'Italia nuova, camaleontica. L'undici in campo assomiglierà molto a quello che sarà chiamato a giocarsi il delicato debutto contro i leoni d'Oltremanica. 

A stuzzicare l'appetito, ancor più dopo l'obbligato forfait di Montolivo, già operato con successo, l'utilizzo del doppio play. La qualità di Verratti e Pirlo, per creare un modello di palleggio in stile catalano, esente però da fasi di stallo deleterie in questo sistema di gioco. A proteggere i piedi fatati dei nostri registi Daniele De Rossi, posto a guardia di una difesa che vede il ritorno di Buffon tra i pali e il dubbio Barzagli. La febbre mette a rischio la presenza del centrale bianconero. 

Smaltiti i fastidi muscolari, Balotelli cerca il tredicesimo gol in azzurro per cancellare le voci di una possibile pubalgia. A supportare Mario Marchisio e Candreva. In sostanza un 4-1-4-1, in gradi di trasformarsi in 4-3-3, con l'avanzamento di Marchisio e Candreva ai lati di Balotelli. In quest'ottica sono da valutare anche le convocazioni di Insigne e Cerci perfetti interpreti del ruolo. 

Sugli esterni confermato De Sciglio, mentre Abate è chiamato a dimostrare personalità e tenuta per rintuzzare l'attacco del giovane Darmian. 

Queste le probabili formazioni: