Francia - Germania, il derby d'Europa

Francia e Germania si sfidano al Maracanà di Rio de Janeiro per l'accesso alle semifinali. Deschamps si affida al talento di Pogba. Low recupera Hummels.

Francia - Germania, il derby d'Europa
Schurrle
Francia
Germania / Ore 18:00

Al Maracanà di Rio de Janeiro questa sera andrà in scena una classica del calcio europeo: Francia-Germania . Le due squadre, d'altronde, vantano un illustre precedente nel 1982, quando furono i tedeschi a conquistare la finale, seppure solo ai calci di rigore. Sulla carta possiamo definirlo come il quarto di finale più equilibrato del Mondiale, ma  la squadra di Joachim Loew gioca per la nona volta consecutiva i quarti di finale dei Mondiali ma, finora, ha impressionato solamente nel match di esordio contro il Portogallo mentre, agli ottavi, ha faticato più del previsto per avere ragione dell'ottima Algeria..  I galletti  hanno superato invece  per 2-0 la Nigeria agli ottavi.  Francia e Germania si sfidano al  per l'accesso alle semifinali del torneo, dove incontreranno la vincente tra Brasile e Colombia

Loew: "Il meglio deve venire"- "Vogliamo arrivare il più lontano possibile, anche se finora non siamo mai stati al meglio delle nostre possibilità. . Un terzo della squadra ha avuto problemi di mal di gol - sottolinea il tecnico - ma si sono allenati tutti. La Francia è forte, ma noi entreremo in campo molto fiduciosi".. Il ct fa chiarezza anche sui problemi fisici di alcuni giocatori, alle prese con influenza e mal di gola: "E' vero - ammette -, un terzo della nostra selezione ha avuto problemi di mal di gola, a causa degli sbalzi di temperatura e per l'aria condizionata. Bisogna vedere come si evolvono le cose, ma oggi si sono allenati tutti nonostante il raffreddore"

Il gioco dei tedeschi è incentrato sul possesso palla e quando ha il possesso palla difficilmente corre rischi. La Germania dovrebbe affrontare i transalpini con il 4-2-3-1 e con Neuer nel ruolo di estremo difensore titolare. Fondamentale sarà soprattutto il rientro di una pedina come Hummels in difesa dove le aquile hanno sofferto un po' nell'ultima esibizione. Per il resto pochi dubbi di formazione: la linea difensiva senza esterni di ruolo e composta dai quattro centrali Boateng, Hummels, Mertesacker e Howedes che usufruiranno del filtro dei centrocampisti Lahm e Schweinsteiger. In attacco solito schema senza una prima punta di ruolo con Muller adattato in tale posizione e Ozil, Kroos e Gotze a giocare leggermente più arretrati.

Muller è uno straordinario uomo-area, capace di toccare pochissimi palloni ma di trasformarli tutti in problemi avversari, non a caso su di lui verte e verterà ancora l’intero attacco tedesco

Probabile formazione

Germania (4-2-3-1): Neuer; Boateng, Hummels, Mertesacker, Howedes; Lahm, Schweinsteiger; Ozil, Kroos, Gotze; Muller. A disposizione: Weidenfeller, Zieler, Durm, Mustafi, Grosskreutz, Khedira, Draxler, Ginter, Podolski, Klose, Meyer, Schurrle. Commissario Tecnico: Joachim Low.

Deschamps: "Non abbiamo paura della Germania"- Nessuno ha paura, è un quarto di finale. La Germania è molto forte, ha tanta esperienza, ma non vedo nessuno dei miei giocatori spaventato. E' un piacere essere qui e ci stiamo preparando al meglio". Sono le parole di Didier Deschamps, alla vigilia del quarto di finale fra Francia e Germania". "Quando vai avanti in queste competizioni, è sempre più complicato - avverte il ct dei Galletti - La Nigeria è un'ottima squadra, abbiamo grande rispetto per loro ma la Germania è a un livello superiore, dovremo giocare il meglio che possiamo e dare tutto sia in attacco che in difesa. A inizio Mondiale, se c'era una squadra che poteva essere considerata favorita, quella era la Germania. Noi abbiamo giocato un buon torneo ma domani ci attende un grande avversario, abituato a giocare a questi livelli, che spesso arriva ai quarti o in semifinale, che ha più esperienza. E' una squadra molto solida, con forti individualità, che sa imporre il suo ritmo, il suo gioco. Nelle scorse partite ha cambiato spesso uomini e posizioni ma saremo pronti per ogni eventualità e daremo tutto"

 Il Ct ripartirà ovviamente dal suo collaudato 4-3-3 votato allo spirito offensivo con un baricentro molto alto e un centrocampo di assoluta qualità e prestanza fisica. dal portiere Lloris che sarà il guardiano dei pali della porta.In difesa sono confermati gli esterni che dovrebbero essere Debuchy ed Evrà, mentre il cuore dell'area  sarà protetto da Varane e Koscielny con Sakho prima alternativa .In mezzo dovrebbero essere utilizzati Pogba, Cabaye e Matuidi disposti alle spalle del tridente offensivo che dovrebbe essere formato da Valbuena, Benzema e Griezmann con Giroud in panchina ma pronto ad entrare a gara in corso in caso di necessità.

II talento di Paul Pogba è stato decisivo per approdare ai quarti e finalmente pronto alla prova di maturità richiesta dal Mondiale. Deschamps è riuscito ad arrivare laddove molti non credevano: una sana gestione del giovane che ha ritrovato serenità e fiducia dopo i tentennamenti e il nervosismo di inizio torneo, figlio di responsabilità non sue caricategli da stampa e tifosi sulle sue spalle. 

la probabile formazione

Francia (4-3-3): Lloris; Debuchy, Varane, Koscielny, Evrà; Pogba, Cabaye, Matuidi; Valbuena, Benzema, Griezmann. A disposizione: Ruffier, Landreau, Digne, Sakho, Sagna, Mangala, Cabella, Mavuba, Schneiderlin, Sissoko, Giroud, Remy. Commissario Tecnico: Didier Deschamps.

Statistiche

Francia e Germania si sono affrontate 25 volte, sommando i 3 precedenti ai Mondiali e 22 amichevoli: il bilancio totale è di 11 vittorie transalpine, 6 pareggi ed 8 affermazioni tedesche. Nelle ultime 7 sfide, la Germania ha vinto solo l'ultima disputata, 2-1 a Saint Denis in amichevole, il 6 febbraio 2013; prima 5 successi transalpini ed 1 pareggio. Francia e Germania si affrontano per la quarta volta ai Mondiali. Il bilancio è di perfetta parità, con 1 vittoria transalpina (6-3 nel 1958, nella finale terzo e quarto posto, con reti di Fontaine al 16' 36', 78' ed 89', Cieslarczyk al 18', Kopa su rigore al 27', Douis al 50', Rahn al 52', e Schaffer al 84'), 1 pareggio (3-3, dopo tempi supplementari, nel 1982 con i gol di Littbarski al 17', Platini su rigore al 26', Tresor al 92', Giresse al 98', Rummenigge al 102' e Fischer al 108', era una semifinale) ed 1 vittoria tedesca (2-0 nel 1986, gol di Brehme al 8' e Voller al 90', anche qui in semifinale). Dopo le prime 11 edizioni della rassegna iridata prive di esse, la prima gara finita ai rigori è datata 8 luglio 1982 e fu la semifinale fra Germania Ovest e Francia, giocata a Siviglia, in cui i tempi regolamentari finirono 1-1, i supplementari 3-3: ai tiri dal dischetto ebbe la meglio la Germania Ovest, 8-7 nella lotteria dei rigori, che approdò così alla finalissima, poi perduta contro gli azzurri di Bearzot per 1-3

Francia-Germania sarà diretta dall'argentino Nestor Pitan. Quarta apparizione in questo mondiale per il direttore di gara sudamericano, non utilizzato durante gli ottavi di finale. Ha finora arbitrato, nella fase a gironi, Russia - Corea, USA - Portogallo e Honduras sv Svizzera